Amazon fa causa al Pentagono per l'appalto da 10mld assegnato a Microsoft

Secondo l’azienda di Jeff Bezos nella procedura ci sono state "chiare deficienze, errori e innegabili pregiudizi"

Amazon ha deciso di far causa al Pentagono dopo aver perso, a vantaggio di Microsoft, l’appalto da 10miliardi dollari per la fornitura di servizi di cloud computing. La notizia, riportata dal Washington Post, è stata confermata dallo stesso colosso dell’e-commerce tramite una nota in cui ha sottolineato che nel processo di assegnazione del contratto JEDI (Joint Enterprise Defense Infrastructure, il progetto che porterà sul cloud la gestione dei dati del Pentagono), conclusosi lo scorso ottobre, ci sono state "chiare deficienze, errori e innegabili pregiudizi".

Secondo l’azienda di Jeff Bezos il processo decisionale è stato contaminato da un’evidente "influenza politica". D’altronde le critiche di Trump ad Amazon sono numerose e sempre pubbliche e l’azienda ha ribadito in maniera chiara la sua convinzione che l'aggiudicazione del contratto sia stata indebitamente influenzata dal presidente americano.

Già subito dopo l’aggiudicazione del contratto da parte di Microsoft, erano stati numerosi gli osservatori a vedere un legame tra il rigetto dell'offerta di Amazon e i cattivi rapporti che intercorrono tra il presidente Donald Trump e Jeff Bezos, che è anche proprietario del Washington Post, quotidiano che si è dimostrato critico nei confronti della nuova amministrazione sin dall’insediamento del Tycoon la Casa Bianca.

Sulla questione è intervenuta anche una portavoce di Microsoft, Janelle Poole. "Siamo pronti a metterci al lavoro in modo che gli uomini e le donne in uniforme che servono il nostro Paese possano accedere alle nuove fondamentali tecnologie di cui hanno urgente bisogno. Abbiamo fiducia nel personale qualificato del Dipartimento della Difesa e riteniamo che i fatti dimostreranno che hanno condotto un processo dettagliato, approfondito ed equo nel determinare che le esigenze dei nostri militari siano meglio soddisfatte da Microsoft", ha dichiarato Poole.

Infine, è arrivato il commento del Dipartimento della Difesa che ha sottolineato la regolarità dell’assegnazione di JEDI. "Il processo di selezione delle fonti è stato condotto in conformità con i criteri indicati dalla legge sulla sollecitazione e l'approvvigionamento", ha dichiarato in una nota la portavoce della Difesa, Elissa Smith. "La nostra attenzione continua a essere quella di mettere le necessarie competenze a servizio dei nostri militari nel modo più rapido ed efficiente possibile", ha concluso Smith.

Altri Servizi

Ucraina, nuovi dettagli sulla campagna di Giuliani contro Biden

Un procuratore ucraino chiese la 'testa' dell'ambasciatrice Yovanovitch in cambio del suo aiuto contro l'ex vicepresidente. L'avvocato del presidente Trump scrisse al presidente Zelensky chiedendo un incontro privato
AP

Nuovi documenti resi pubblici dai deputati democratici statunitensi mostrano dettagli finora sconosciuti della campagna di Rudy Giuliani, avvocato personale del presidente Donald Trump, e dei suoi soci per ottenere, in Ucraina, materiale per screditare il principale candidato alla nomination democratica per le presidenziali, l'ex vicepresidente Joe Biden.

Wall Street ottimista, Pil cinese in linea con le stime

Oggi, atteso il dato sull'avvio di nuovi cantieri
AP

Amazon in tribunale per bloccare il progetto Microsoft-Pentagono

Bezos ha perso un contratto da 10 miliardi di dollari con il Pentagono e accusa Trump

Amazon ha deciso di chiedere a un tribunale federale di impedire temporaneamente a Microsoft di lavorare al progetto per cui ha ottenuto un contratto da 10 miliardi di dollari dal dipartimento della Difesa statunitense. Microsoft dovrebbe cominciare a lavorare al progetto l'11 febbraio, ma Amazon sta cercando di ottenere un'ingiunzione preliminare per impedirglielo.

Trump autorizzò l'uccisione di Soleimani 7 mesi fa

Il presidente contro Dem e media: "Fatto quello che andava fatto da 20 anni. Ma vogliono farlo passare per un ragazzo magnifico"
Ap

Il presidente statunitense, Donald Trump, avrebbe autorizzato l'assassinio del generale iraniano Qassem Soleimani sette mesi fa. Lo riporta la Nbc, citando attuali ed ex funzionari dell'amministrazione. A giugno, Trump avrebbe firmato una direttiva presidenziale, fornendo l'autorizzazione per l'operazione in caso di azioni aggressive iraniane, che prevedeva comunque l'assenso finale del presidente prima di qualsiasi operazione specifica per uccidere Soleimani

Wall Street, ottimismo in scia all'accordo Usa-Cina

Tra i dati in programma oggi, le richieste dei sussidi di disoccupazione
AP

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

C'è meno preoccupazione per la situazione in Medio Oriente
AP

Italia partner country del Winter Fancy Food Show 2020 a San Francisco

Sara' Paese Partner anche per l'edizione estiva

L’Italia sarà Paese Partner del Winter Fancy Food Show, il più grande evento commerciale della West Coast dedicato alle specialità alimentari, che si svolgerà dal 19 al 21 Gennaio 2020, al Moscone Center di San Francisco. Si tratta della prima volta che un Paese ottiene questo riconoscimento da parte della Specialty Food Association proprietaria e produttrice dello show che quest’anno avrà’ la sostenibilità, genuinità ed autenticità come temi centrali.

Processo a Trump, Pelosi nomina due big del partito come 'accusatori'

Schiff e Nadler tra i 7 deputati che presenteranno il caso in Senato. I Dem fanno pressioni per presentare nuove prove e documenti, Trump accusa: "Un altro imbroglio"
Ap

La speaker della Camera statunitense, Nancy Pelosi, ha scelto i 'manager' del processo contro il presidente Donald Trump, ovvero i deputati che avranno il ruolo di 'pubblico ministero'. Si tratta di deputati, ovviamente, di primo piano, a partire dai presidenti della commissione Intelligence, Adam Schiff, e della commissione di Giustizia, Jerry Nadler, che hanno avuto un ruolo determinante nelle indagini. Inoltre, sono stati nominati i deputati Hakeem Jeffries e Jason Crow e le deputate Val Demings, Zoe Lofgren e Sylvia Garcia. Più tardi, la Camera voterà le nomine e l'invio dei due articoli di impeachment contro Trump. Dopo, questi deputati porteranno a mano, su carta, gli articoli di impeachment al Senato. Dopo questo passaggio, il processo potrà formalmente iniziare. 

Gli Stati Uniti espellono una dozzina di allievi sauditi dalle loro basi militari

Sono accusati di legami con l’estremismo e detenzione di materiale pedopornografico

Almeno una dozzina di militari sauditi, attualmente impegnati nell’addestramento in alcune basi militari americane, verranno espulsi dagli Stati Uniti perché accusati di legami con l’estremismo e di detenzione di materiale pedopornografico. Lo riporta il Washington Post secondo cui tali informazioni sono state scoperte dall’Fbi durante l'inchiesta sulla sparatoria del 6 dicembre scorso, avvenuta nella base aerea della Marina a Pensacola, in Florida, e nella quale sono morte 3 persone.

Commercio: Usa e India preparano un accordo, forse Trump a New Delhi

Lo scrive il Wsj; negli ultimi mesi, tensioni aumentate
ap

Stati Uniti e India stanno lavorando a un accordo commerciale limitato che potrebbe essere presentato durante una potenziale visita a New Delhi del presidente Donald Trump nelle prossime settimane. Lo scrive il Wall Street Journal, citando fonti statunitensi e indiane. Il 'mini accordo', com'è stato descritto da un ex funzionario statunitense, servirebbe a ridurre le preoccupazioni sulle pratiche commerciali indiane e a far rientrare il Paese asiatico nella lista dei Paesi emergenti esentati da alcuni dazi, da cui è stato recentemente escluso. Negli ultimi mesi, le tensioni commerciali tra i due Paesi sono aumentate, dopo la decisione dell'India di imporre dazi su 28 prodotti statunitensi, definita "inaccettabile" da Trump. Washington è inoltre irritata dalla scelta di New Delhi di imporre regole più restrittive sull'e-commerce che danneggerebbero le aziende statunitensi che operano in India.