Usa, effetto coronavirus: 10 milioni di disoccupati in due settimane

La scorsa settimana, 6,6 milioni di nuove richieste di sussidi di disoccupazione, il doppio della settimana precedente
Ap

Il numero dei lavoratori che per la prima volta hanno fatto richiesta, la scorsa settimana, per ricevere i sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti ha registrato un aumento record, perché ha fortemente subito gli effetti della pandemia di coronavirus. Secondo quanto riportato dal dipartimento del Lavoro, le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione sono aumentate di 3,341 milioni a 6,648 milioni di unità; gli analisti attendevano un dato in rialzo di 3,1 milioni. 

Si tratta di un altro dato record, dopo quello della settimana precedente, quando erano state presentate 3,307 milioni di domande (+24.000 rispetto al dato diffuso la scorsa settimana); nelle ultime due settimane, quindi, 10 milioni di persone hanno fatto richiesta dei sussidi. Prima della pandemia di coronavirus, il record era stato registrato nel 1982 con 695.000 nuove richieste. Un mese fa, le nuove richieste erano poco più di 200.000 alla settimana, ai minimi degli ultimi 50 anni.

La media delle ultime quattro settimane, un misura più stabile del dato, è salita di 327.250 unità dalla settimana precedente a 2,054 milioni, la più alta dal 14 gennaio 2017. Il numero complessivo dei lavoratori che ricevono sussidi di disoccupazione da più di una settimana – relativo alla settimana terminata il 21 marzo, l'ultima per la quale è disponibile il dato – ha registrato un rialzo di 1.245.000 unità a 3.029.000.

La California è lo Stato che più sta soffrendo la pandemia di coronavirus dal punto di vista occupazionale, visto che oltre un milione (1.065.060) di persone ha fatto domanda per i sussidi di disoccupazione nelle ultime due settimane, secondo i dati riportati dal dipartimento del Lavoro; per numero di casi di coronavirus, la California è il terzo Stato del Paese.

Alle sue spalle, come numero di nuove richieste, ci sono la Pennsylvania, con 783.331 domande, e l'Ohio, con 468.438; poi, New York - lo Stato con più casi di coronavirus - con 446.402. Subito dopo, Michigan e Texas, entrambi con più di 430.000 richieste.