Attacco hacker contro Clinton, più di 6 funzionari russi coinvolti

Secondo il Wall Street Journal, gli investigatori avrebbero già le prove per le incriminazioni, ma dovrebbero aspettare il prossimo anno

Il dipartimento di Giustizia statunitense ha identificato più di sei membri del governo russo coinvolti nei furti informatici dai computer del Comitato nazionale democratico durante la campagna elettorale presidenziale dello scorso anno. Lo rivela il Wall Street Journal, citando fonti vicine alle indagini. Le informazioni contenute in vari scambi di e-mail furono poi rese pubbliche, creando un danno al partito democratico e alla candidatura di Hillary Clinton.

Gli investigatori avrebbero già prove sufficienti per incriminarli, ma avrebbero deciso di aspettare il prossimo anno per farlo. Le agenzie d'intelligence statunitensi hanno già attribuito i furti informatici ai russi, ma l'incriminazione porterebbe alla luce per la prima volta i nomi delle persone responsabili.

Migliaia di e-mail e altri dati relativi al principale organo del partito democratico, insieme a messaggi di posta elettronica dall'account privato del capo della campagna elettorale di Clinton, John Podesta, furono pubblicati da WikiLeaks. Il presidente russo, Vladimir Putin, e il suo governo hanno sempre negato qualsiasi coinvolgimento e qualsiasi tentativo di interferire nelle elezioni presidenziali statunitensi.

Il dipartimento di Giustizia e l'Fbi non hanno voluto commentare e il silenzio sulla faccenda è stato scelto anche dall'ambasciata russa a Washington. Il presidente Donald Trump, ricorda il Wall Street Journal, ha più volte detto di non credere che la Russia abbia cercato di interferire nella campagna elettorale statunitense, definendola "una scusa" di Clinton per giustificare la sconfitta.

In casi come questo, secondo le fonti del quotidiano, è molto improbabile che si arrivi all'arresto dei responsabili, ma le accuse pubbliche possono servire a far cambiare il comportamento dei governi stranieri che si nascondono dietro agli attacchi, come già successo per esempio in casi in cui era coinvolta la Cina.

Altri Servizi

Negli Stati Uniti è il Presidents' Day. Le priorità di Trump: "Dio, famiglia e Paese"

Il presidente Usa è stato ieri alla Daytona 500 del campionato Nascar: c'è da difendere la Florida, a novembre
Ap

È il terzo lunedì di febbraio, il giorno in cui gli Stati Uniti festeggiano il Presidents' Day, ovvero il Giorno dei presidenti. Donald Trump, il 45esimo presidente, è stato ieri in Florida per assistere alla Daytona 500, corsa del campionato Nascar, poi rinviata a oggi per il maltempo. Un appuntamento a cui non è voluto mancare per questioni elettorali: è consapevole dell'importanza della Florida, Stato che nel 2016 conquistò con un lieve margine e dove mantiene un tasso di approvazione del 49 per cento. I fan della Nascar, che sono diversi milioni, sono storicamente conservatori, secondo i sondaggi. "I sostenitori della Nascar non dimenticano mai che, a prescindere da chi vince la gara, quello che conta di più sono Dio, la famiglia e il Paese" ha detto Trump, davanti a un autodromo pieno. Tornato ieri sera a Washington, è stato tra gli ospiti del matrimonio del suo consigliere Stephen Miller, l'architetto delle sue politiche contro l'immigrazione.

Pelosi con Trump: "Non vi avvicinate a Huawei"

La speaker della Camera Usa avverte gli alleati: "Non mettete le vostre comunicazioni in mano a un governo autocratico che non condivide i nostri valori"
Ap

"Questa è la più insidiosa forma di aggressione, avere le comunicazioni, la 5G, dominate da un governo autocratico che non condivide i nostri valori". L'attacco è contro Huawei, il colosso cinese delle telecomunicazioni accusato dagli Stati Uniti di essere al servizio del governo di Pechino per spiare l'Occidente, ma l'autore non è, come potrebbe sembrare, il presidente Donald Trump, bensì la democratica Nancy Pelosi, la speaker della Camera, che per una volta, almeno, è della stessa opinione della Casa Bianca.

Oltre mille procuratori americani hanno chiesto le dimissioni di William Barr

Il procuratore generale accusato insieme a Trump di "interferenze nell’amministrazione della Giustizia"
Wikipedia

Più di 1.100 ex procuratori e funzionari del Dipartimento di giustizia, tanto democratici quanto repubblicani, hanno chiesto al procuratore generale William Barr di dimettersi per come ha gestito il caso Stone. La richiesta è arrivata in una lettera aperta in cui sono state condannate "in modo energico le interferenze del presidente Trump e del procuratore generale Barr nell'amministrazione della Giustizia" americana.

Le calciatrici della nazionale Usa chiedono 66 milioni in danni per discriminazione

A maggio comincerà il processo contro la federcalcio Usa
Ap

Wall Street, l'attenzione resta sul coronavirus

Aumenta il numero di contagiati
AP

Afghanistan, accordo tra Usa e talebani per una riduzione delle violenze

Si tratta del primo passo verso un accordo tra talebani e governo afgano e il ritiro delle truppe statunitensi
AP

Roger Stone (amico di Trump) condannato a 40 mesi di carcere

Condannato per aver ostacolato le indagini sulle ingerenze della Russia nelle elezioni del 2016
Ap

Sanders voleva candidarsi contro Obama nel 2012

Lo scrive The Atlantic. Il senatore fu fermato dal leader della maggioranza in Senato, Harry Reid
AP

Wall Street ottimista, nonostante il coronavirus

Dai verbali della Fed buone notizie per l'economia Usa, anche se il coronavirus è una minaccia per l'outlook globale
AP

Usa 2020, Bloomberg si affida a un esercito di mercenari social

Una portavoce al Wsj: "È il futuro delle campagne politiche". L'esperimento in California potrebbe essere ripetuto a livello nazionale