Attacco hacker contro Clinton, più di 6 funzionari russi coinvolti

Secondo il Wall Street Journal, gli investigatori avrebbero già le prove per le incriminazioni, ma dovrebbero aspettare il prossimo anno

Il dipartimento di Giustizia statunitense ha identificato più di sei membri del governo russo coinvolti nei furti informatici dai computer del Comitato nazionale democratico durante la campagna elettorale presidenziale dello scorso anno. Lo rivela il Wall Street Journal, citando fonti vicine alle indagini. Le informazioni contenute in vari scambi di e-mail furono poi rese pubbliche, creando un danno al partito democratico e alla candidatura di Hillary Clinton.

Gli investigatori avrebbero già prove sufficienti per incriminarli, ma avrebbero deciso di aspettare il prossimo anno per farlo. Le agenzie d'intelligence statunitensi hanno già attribuito i furti informatici ai russi, ma l'incriminazione porterebbe alla luce per la prima volta i nomi delle persone responsabili.

Migliaia di e-mail e altri dati relativi al principale organo del partito democratico, insieme a messaggi di posta elettronica dall'account privato del capo della campagna elettorale di Clinton, John Podesta, furono pubblicati da WikiLeaks. Il presidente russo, Vladimir Putin, e il suo governo hanno sempre negato qualsiasi coinvolgimento e qualsiasi tentativo di interferire nelle elezioni presidenziali statunitensi.

Il dipartimento di Giustizia e l'Fbi non hanno voluto commentare e il silenzio sulla faccenda è stato scelto anche dall'ambasciata russa a Washington. Il presidente Donald Trump, ricorda il Wall Street Journal, ha più volte detto di non credere che la Russia abbia cercato di interferire nella campagna elettorale statunitense, definendola "una scusa" di Clinton per giustificare la sconfitta.

In casi come questo, secondo le fonti del quotidiano, è molto improbabile che si arrivi all'arresto dei responsabili, ma le accuse pubbliche possono servire a far cambiare il comportamento dei governi stranieri che si nascondono dietro agli attacchi, come già successo per esempio in casi in cui era coinvolta la Cina.

Altri Servizi

New Orleans, eletto il primo sindaco donna in 300 anni di storia

La democratica LaToya Cantrell ha battuto la rivale Desiree Charbonnet con il 60% dei voti
@LaToyaForNOLA

Una notte elettorale storica quella che si è vissuta a New Orleans, in Louisiana, dove per la prima volta in 300 anni di storia cittadina è stato eletto un sindaco donna. A trionfare, in un ballottaggio tutto al femminile, è stata la democratica LaToya Cantrell che ha battuto la rivale Desiree Charbonnet con il 60% delle preferenze.

Hillary Clinton: "Trump è ossessionato da me"

L’ex candidata democratica ha parlato da Little Rock, in Arkansas, dove ha festeggiato il 25esimo anniversario della vittoria presidenziale del marito Bill
Ap

A poco più di un anno dalle elezioni americane che hanno segnato il trionfo di Donald Trump, lo scontro tra lui e Hillary Clinton sembra non essersi ancora placato. L’ultima frecciata arriva dall’ex candidata democratica secondo cui il presidente americano è ossessionato da lei. L’ex segretario di Stato ha parlato durante un forum a Little Rock, in Arkansas, dove è andata a celebrare il 25esimo anniversario della vittoria presidenziale del marito e i 13 anni di vita del centro a lui intitolato.

Molestie alle Olimpiadi: oltre 290 coach e dirigenti americani accusati di condotta sessuale inappropriata

Un'inchiesta del Washington Post mette in luce un problema sistemico che va avanti dal 1982: otto molestie l'anno, una ogni sei settimane
Ap

Continua ad allargarsi lo scandalo sessuale nel mondo dello sport olimpico americano. Ci sono state infatti oltre 290 persone, tra allenatori e dirigenti sportivi legati a organizzazioni olimpiche, accusate pubblicamente di molestie o di condotte sessuali inappropriate. È questo il risultato dell’inchiesta del Washington Post che prende in considerazione il periodo che va dal 1982 ad oggi.

L'era Yellen nella Fed finirà con l'arrivo del suo successore

Oltre a cedere il testimone di governatore, l'economista sceglie di non continuare a fare parte del board della banca centrale Usa (un mandato che sarebbe scaduto nel 2024). Loda un sistema finanziario "molto più forte"
AP

L'estensione dell'oleodotto Keystone XL ottiene un importante via libera

Superato l'ultimo grande ostacolo regolatorio: il Nebraska dà l'ok al progetto. La canadese TransCanada, che dovrebbe costruirlo, analizza costi e tempisitiche. Possibili nuovi ostacoli legali
AP

L'ex segretario al Tesoro Jacob Lew torna alla finanza

Lavorò nell'amministrazione Obama. Diventa partner della società di private equity Lindsay Goldberg. Avrà un ruolo attivo. Mossa simile a quella del suo precessore Timothy Geithner
United States Government Work

Charles Manson è morto. Che ne è stato della sua Family?

Atkins è deceduta in carcere; sempre detenuti Krenwinkel, Van Houten e Watson. Kasabian, come supertestimone, ottenne l'immunità

Wall Street preoccupata dallo stallo in Germania

I tedeschi potrebbero dover tornare al voto, vista l'impossibilità di formare un governo
AP

Steven Mnuchin: "Non pensavo che quelle foto diventassero virali"

Il segretario al Tesoro americano ha commentato gli scatti che lo ritraggono con la moglie mentre tiene in mano le nuove banconote da un dollaro
Ap

Corea del Nord, John Hyten: "Se Trump ordinerà un attacco nucleare disobbedirò"

La dichiarazione del Generale responsabile del comando strategico americano intervenuto a un forum sulla sicurezza a Nova Scotia in Canada