Clima, Trump presenta il piano per smantellare le regole di Obama: provocherà fino a 1.400 morti premature all'anno

Lo ammette la stessa amministrazione, nella sua lunga analisi tecnica. Più flessibilità per le centrali elettriche a carbone per salvaguardare l'occupazione
ap

Il piano dell'amministrazione Trump sulle centrali elettriche a carbone farà aumentare le emissioni nocive, provocando fino a 1.400 morti premature all'anno. È quanto riconosce la stessa amministrazione statunitense, nella lunga analisi tecnica sull'impatto delle nuove regole presentata dall'Agenzia per la protezione ambientale (Epa), citata dal New York Times.

Il piano, presentato oggi, permetterà alle centrali elettriche a carbone di aumentare le loro emissioni, sostituendo quello dell'ex presidente Barack Obama, molto più aggressivo e mirato a salvaguardare l'ambiente; la riforma di Trump prevede di ridare agli Stati il controllo dei livelli consentiti per le emissioni, che in pratica garantirà maggiore flessibilità agli impianti.

L'Affordable Clean Energy di Trump, se approvato, sostituirà il Clean Power Plan di Barack Obama. In questo caso, ci sarebbe un aumento delle polveri sottili nell'aria che provocherebbe tra le 470 e le 1.400 morti premature all'anno entro il 2030, secondo l'analisi dell'Epa. Al contrario, il piano di Obama era stato ideato per proteggere la salute umana e l'ambiente, contribuendo a evitare tra le 1.5000 e le 3.600 morti premature all'anno entro il 2030, secondo quanto riportato dal quotidiano.

Secondo Trump, con il nuovo piano, gli Stati Uniti "stanno mettendo fine a regolamentazioni intrusive che uccidono l'occupazione e aumentano i prezzi dell'energia in modo rapido e notevole". Il presidente festeggerà il mantenimento di una sua promessa elettorale durante un comizio a Charleston, in West Virginia, il secondo Stato del Paese per produzione di carbone, dove nel 2016 promise di riaprire le miniere chiuse con la diffusione di energie rinnovabili e gas naturale.

Subito dopo l'annuncio del nuovo piano, una coalizione di Stati ha promesso una causa legale a difesa del piano di Obama, se quello di Trump sarà approvato. In prima linea contro l'attuale amministrazione ci saranno New York, California, Connecticut, Delaware, Hawaii, Illinois, Iowa, Maine, Maryland, Massachusetts, Minnesota, New Mexico, Oregon, Rhode Island, Vermont, Virginia, Washington e il District of Columbia.

Altri Servizi

A Wall Street, preoccupazione per la Cina

Il coronavirus sta cominciando a produrre i primi effetti negativi sull'economia globale: Apple non crede di poter rispettare le stime per il fatturato del secondo trimestre
AP

Usa 2020, Biden al bivio. E ora anche la South Carolina è a rischio

L'ex vicepresidente ha dato per scontata la sua vittoria nello Stato, ma gli afroamericani sembrano meno convinti di sostenerlo. Soprattutto dopo il voto in Iowa e New Hampshire

La South Carolina è considerata il vero punto di partenza della campagna elettorale di Joe Biden, il suo muro invalicabile per gli avversari. Un muro, però, che mostra profonde crepe, a due settimane dal voto che potrebbe, al contrario, mettere fine alla corsa presidenziale del candidato che, fino a poche settimane fa, era considerato l'indiscusso favorito per la nomination democratica.

Pelosi con Trump: "Non vi avvicinate a Huawei"

La speaker della Camera Usa avverte gli alleati: "Non mettete le vostre comunicazioni in mano a un governo autocratico che non condivide i nostri valori"
Ap

"Questa è la più insidiosa forma di aggressione, avere le comunicazioni, la 5G, dominate da un governo autocratico che non condivide i nostri valori". L'attacco è contro Huawei, il colosso cinese delle telecomunicazioni accusato dagli Stati Uniti di essere al servizio del governo di Pechino per spiare l'Occidente, ma l'autore non è, come potrebbe sembrare, il presidente Donald Trump, bensì la democratica Nancy Pelosi, la speaker della Camera, che per una volta, almeno, è della stessa opinione della Casa Bianca.

A Wall Street, fa paura il coronavirus

Oggi, atteso il dato sui sussidi di disoccupazione
AP

Oltre mille procuratori americani hanno chiesto le dimissioni di William Barr

Il procuratore generale accusato insieme a Trump di "interferenze nell’amministrazione della Giustizia"
Wikipedia

Più di 1.100 ex procuratori e funzionari del Dipartimento di giustizia, tanto democratici quanto repubblicani, hanno chiesto al procuratore generale William Barr di dimettersi per come ha gestito il caso Stone. La richiesta è arrivata in una lettera aperta in cui sono state condannate "in modo energico le interferenze del presidente Trump e del procuratore generale Barr nell'amministrazione della Giustizia" americana.

Usa 2020: importante sindacato del Nevada non appoggia nessuno

"Sosterremo i nostri obiettivi, non un candidato" per i caucus democratici

Un importante sindacato del Nevada ha deciso di non appoggiare apertamente nessun candidato ai caucus democratici per le presidenziali, prossimo appuntamento elettorale in programma il 22 febbraio; ha però criticato il senatore Bernie Sanders, con cui ha avuto degli attriti anche in passato, per la sua proposta per il Medicare for All, ovvero l'assistenza sanitaria universale.

Negli Stati Uniti è il Presidents' Day. Le priorità di Trump: "Dio, famiglia e Paese"

Il presidente Usa è stato ieri alla Daytona 500 del campionato Nascar: c'è da difendere la Florida, a novembre
Ap

È il terzo lunedì di febbraio, il giorno in cui gli Stati Uniti festeggiano il Presidents' Day, ovvero il Giorno dei presidenti. Donald Trump, il 45esimo presidente, è stato ieri in Florida per assistere alla Daytona 500, corsa del campionato Nascar, poi rinviata a oggi per il maltempo. Un appuntamento a cui non è voluto mancare per questioni elettorali: è consapevole dell'importanza della Florida, Stato che nel 2016 conquistò con un lieve margine e dove mantiene un tasso di approvazione del 49 per cento. I fan della Nascar, che sono diversi milioni, sono storicamente conservatori, secondo i sondaggi. "I sostenitori della Nascar non dimenticano mai che, a prescindere da chi vince la gara, quello che conta di più sono Dio, la famiglia e il Paese" ha detto Trump, davanti a un autodromo pieno. Tornato ieri sera a Washington, è stato tra gli ospiti del matrimonio del suo consigliere Stephen Miller, l'architetto delle sue politiche contro l'immigrazione.

Usa 2020, Buttigieg risponde a Rush Limbaugh: "Amo mio marito e non prendo lezioni sulla famiglia"

Il candidato dem alla Casa Bianca replica alle affermazioni omofobe del commentatore radiofonico di destra
Wikipedia

Gli Usa valutano lo stop all'export in Cina di motori GE

In ballo c'è la concessione della licenza che permette alla CFM International, una joint venture tra GE e la francese Safran, di incrementare la fornitura alla Cina dei motori a reazione Leap 1C
General Electric

Ci sono 607 miliardari negli Usa: solo 5 sono afroamericani

Business Insider analizza la lista di Forbes dei Paperoni d’America
AP