Clinton su hacker Russia: "Un attacco contro il nostro paese"

L'ex candidata democratica parla per la prima volta dell'attacco hacker, mettendolo, insieme all'inchiesta dell'Fbi sulle mail, tra le due cause che le hanno fatto perdere le elezioni

Hillary Clinton ha collegato la sua sconfitta alla convergenza di due eventi "senza precedenti" nella storia americana. Da una parte la pubblicazione della lettera che indicava la riapertura dell'indagine sulle mail della candidata democratica da parte del direttore dell'Fbi, James Comey, dall'altra "lattacco hacker contro il nostro paese" orchestrato dal presidente russo Vladimir Putin. Lo scrive il New York Times.

Nelle ultime settimane Clinton non ha voluto parlare della questione: le uniche foto diffuse sui social network la ritraggono mentre porta a passeggio i suoi cani a Chappaqua, il paese in cui vive nello Stato di New York. Tuttavia gioved" sera in una cena a New York chiusa alla stampa con un gruppo di finanziatori della sua campagna elettorale ha parlato dell'attacco hacker.

Clinton ha sottolineato come l'atto pirata sia il risultato "dell'inimicizia personale" di Putin nei suoi confronti dopo che lei nel 2011 aveva apertamente detto che le elezioni parlamentari russe di quell'anno erano state truccate. "Putin mi ha accusato pubblicamente per lo sfogo dello sdegno del suo stesso popolo, e questa è la linea diretta che lega quello che disse allora e quello che ha fatto nel corso di questa elezione", ha detto Clinton ieri sera.

Si tratta del suo primo commento sulla questione dell'attacco hacker russo, su cui gli usa hanno aperto una inchiesta, e che alla fine avrebbe aiutato Trump. "Non si tratta solo di un attacco a me e alla mia campagna [...] Siamo oltre le normali preoccupazioni politiche. Qui si parla dell'integrità della nostra democrazia e della sicurezza della nostra nazione", ha continuato Clinton.

Altri Servizi

Visa: conti oltre le stime grazie a "spinta economica" e Visa Europe

Il gruppo che gestisce una rete di pagamenti ha alzato l'outlook per l'intero esercizio fiscale

Grazie a un aumento dei volumi di pagamento, merio anche all'acquisizione di Visa Europe, Visa ha chiuso il suo terzo trimestre fiscale con utili in netto rialzo tanto che il gruppo che come MasterCard gestisce transazioni di carte di credito e bancomat ha alzato le stime per l'anno: i profitti sono arrivati a quota 2,06 miliardi di dollari, o 86 centesimi per azione, dai 412 milioni, o 17 centesimi per azione, dello stesso periodo dell'esercizio precedente; gli analisti si aspettavano un risultato pari a 81 centesimi per azione. I ricavi operativi sono balzati del 26% a 4,57 miliardi di dollari, sopra le previsioni per 4,36 miliardi attesi dal mercato.

Goldman Sachs batte le stime nonostante rallentamento del trading

Nei tre mesi a giugno Goldman Sachs ha riportato profitti netti sostanzialmente invariati rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, mentre l'utile per azione è aumentato del 6%.

Nei tre mesi a giugno Goldman Sachs ha riportato profitti netti sostanzialmente invariati rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, mentre l'utile per azione è aumentato del 6%. Il dato è stato superiore alle previsioni, nonostante le difficoltà nelle attività di trading. Goldman si inserisce dunque nel solco delle rivali, come JPMorgan Chase e Citigroup, che hanno visto rallentre il trading. 

Microsoft: il cloud computing spinge gli utili oltre le stime

Nel suo quarto trimestre fiscale, il gruppo informatico ha più che raddoppiato i profitti a 6,51 miliardi di dollari. LinkedIn contribuisce 1,1 miliardi.

Nel suo quarto trimestre fiscale, chiuso il 30 giugno scorso, Microsoft ha registrato utili netti per 6,51 miliardi di dollari, o 83 centesimi per azione, più del doppio rispetto ai 3,12 miliardi dello stesso periodo del 2016. Al netto di voci straordinarie, i profitti per azione sono saliti a 98 centesimi da 69 centesimi, sopra il consenso per 71 centesimi. I ricavi sono aumentati a quota 24,7 miliardi, oltre le stime per 24,27 miliardi.

Sessions risponde a Trump: resto segretario alla Giustizia

Il presidente Usa ha detto che non lo avrebbe scelto se avesse saputo che si sarebbe astenuto dal Russiagate
Ap

Poco importa se il presidente Donald Trump abbia espresso una mancanza di fiducia nei suoi confronti per essersi astenuto dal Russiagate: Jeff Sessions, reclutato dallo stesso Trump, intende restare segretario alla Giustizia.

O.J. Simpson ottiene la libertà vigilata, uscirà dal carcere a ottobre

Accusato dell’omicidio dell’ex moglie, venne assolto. Adesso è in prigione per rapina a mano armata e ha scontato nove dei 33 anni a cui è stato condannato
Ap

O.J. Simpson ha ottenuto la liberazione condizionale dopo 9 anni di carcere. L'ex giocatore di football americano e star televisiva, che ha appena compiuto 70 anni, potrà tornare libero a ottobre.

Riforma sanitaria, McCain convalescente inguaia i repubblicani

Operato all'occhio, avrà bisogno di almeno una settimana di riposo. Ma il suo voto è necessario in Senato per far andare avanti l'iter per il Trumpcare

L'operazione all'occhio a cui è stato sottoposto il senatore statunitense, John McCain, è stata più delicata del previsto e la sua convalescenza durerà almeno una settimana. Una notizia per niente positiva per il Grand Old Party, che ha bisogno della presenza di McCain in Senato per votare la riforma sanitaria presentata la scorsa settimana, già a rischio di bocciatura. I leader del partito, inoltre, temono che il rinvio della votazione procedurale per portare la discussione in Aula permetta al fronte contrario al testo di rafforzarsi. Più sarà ritardata, più aumenteranno le possibilità di un nuovo fallimento.

Morgan Stanley batte le stime: bene i conti, ma trading più lento

Ultima delle grandi banche americane a pubblicare i conti, ha visto salire utile e fatturato, grazie all'aumento delle attività di sottoscrizione, che ha bilanciato il rallentamento nel trading.
iStock

Nel secondo trimestre Morgan Stanley, ultima delle grandi banche americane a pubblicare i conti, ha visto salire utile e fatturato, grazie all'aumento delle attività di sottoscrizione, che ha bilanciato il rallentamento nel trading.

Wall Street, attenzione rivolta alla Bce

Il governatore Draghi: "pronti ad aumentare" il QE se sarà necessario
AP

Trump: "Lasciamo fallire l'Obamacare". I democratici pronti a una riforma bipartisan

Il presidente Usa, amareggiato per l'ennesimo fallimento in Congresso sulla riforma sanitaria, prova a scaricare la responsabilità sugli avversari. Che rilanciano: "Porta aperta, lavoriamo insieme per migliorarla"

"Il mio piano ora è lasciar fallire l'Obamacare". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, nel primo commento davanti ai giornalisti dal fallimento in Senato della proposta di legge per abrogare l'Obamacare e approvare una nuova riforma sanitaria. Trump, come già scritto su Twitter, punta inoltre a fare di tutto per conquistare più seggi in Congresso alle elezioni di metà mandato, in modo da rafforzare la maggioranza e avere i voti per le sue riforme; il presidente, come su Twitter, ha accusato i democratici di fare solo ostruzionismo. "Credo che siamo nella posizione di lasciare che l'Obamacare fallisca. Non sarà responsabilità mia o dei repubblicani. Lasciamo che l'Obamacare fallisca e i democratici verranno da noi" ha aggiunto.

Trump attende, i repubblicani lontani da un'intesa sulla riforma della sanità

Il presidente vuole piegare il Congresso al suo volere, ma il partito non sembra in grado di trovare i voti necessari per l'approvazione di un piano che sostituisca l'Obamacare
Ap

La notte di lavoro non è servita ai repubblicani statunitensi per risolvere le differenze e trovare un accordo sulla riforma sanitaria, come chiesto insistentemente dal presidente Donald Trump, che vuole piegare il Congresso al suo volere. I membri del partito si sono anche incontrati con il segretario alla Salute e ai Servizi umani, Tom Price, per cercare di raggiungere un'intesa su un piano per abrogare l'Obamacare, secondo la stampa statunitense.