Katrina e Florence, Dean e Harvey: storia dei nomi degli uragani

Prima erano usati i nomi dei santi, poi solo quelli femminili. Dal 1979, è in vigore una rotazione di nomi maschili e femminili; quando un uragano provoca morti e devastazioni, il suo nome viene depennato dalla lista

In principio furono quelli dei santi. Poi, si preferirono femminili. Ora, al contrario di quanto si pensi, si applica rigidamente l'alternanza di genere.

Ci ricordiamo infatti di Katrina, Irene, Sandy; ora si parla di Florence, che si avvicina alle coste di North e South Carolina. Ma ci sono stati anche Dean, Igor, Matthew, Harvey. Sono i nomi propri scelti per gli uragani (anzi, per le tempeste tropicali, che poi possono trasformarsi in uragani) del bacino atlantico, assegnati per evitare confusione. Nomi che hanno segnato per sempre la popolazione colpita dalla loro furia, e passati alla Storia. Altri, come Beatriz, tornano ciclicamente, a distanza di sei anni.

Ogni anno, 21 nomi propri sono scelti per gli uragani, in una lista alfabetica creata evitando cinque lettere (Q, U, X, Y, Z). Poi, dopo sei anni, si ricomincia dal primo elenco, eliminando però i nomi degli uragani che hanno provocato morti e gravi danni: per questo alla lettera K non abbiamo più Katrina, che nel 2005 distrusse New Orleans e causò la morte di quasi 2.000 persone, ma Katia. Quando un nome viene ritirato, la Wmo (World Meteorological Organization) ne sceglie infatti un altro. Dal 2010, sono stati cancellati Igor, Tomas, Irene, Sandy, Ingrid, Erika, Joaquin, Matthew, Otto, Harvey, Irma, Maria e Nate.

Per molti secoli, agli uragani furono assegnati i nomi dei santi cattolici festeggiati nel giorno in cui la loro forza devastatrice si manifestava. Per questo, nei libri di Storia sono rimasti, per esempio, gli uragani Sant’Anna e San Felipe, che colpirono Porto Rico il 26 luglio 1825 e il 13 settembre 1876.

Poi, nel 1950, la Wmo propose un sistema basato sull'alfabeto militare. Il primo uragano atlantico battezzato fu così Able, nel 1950. Ma il sistema fu abbandonato nel 1953, per una più accattivante lista di nomi femminili, anche se l’abitudine di assegnare nomi di donne alle tempeste tropicali era già diffusa, anche se non in maniera ufficiale, durante la Seconda guerra mondiale.

Le battaglie del movimento femminista nel mondo occidentale non risparmiarono nemmeno questo settore: perché mai dare solo nomi di donne a fenomeni portatori di sofferenze e distruzione? Così nel 1979 si decise di adottare una rotazione di nomi maschili e femminili. Vennero aggiunti anche nomi francesi e spagnoli, per tener conto delle lingue usate nei Paesi caraibici, i più colpiti dagli uragani.

Il 2005, ricordato per Katrina, è stato l’anno con il maggior numero di tempeste tropicali (27). Un problema non solo per le popolazioni colpite, ma anche per gli scienziati che devono identificarle, risolto con l'uso dell'alfabeto greco (ci furono gli uragani Alpha, Beta, Gamma, Delta, Epsilon e Zeta). Curioso, comunque, che sia diffusa l'opinione che siano usati solo nomi femminili, forse dettata dall'eco di KatKatrinaina e Sandy, gli uragani che hanno provocato più danni negli Stati Uniti (insieme al più recente Harvey). I maschilisti faranno notare che l'uragano 'donna' provoca più danni. Ma questa, di certo, non è una discussione da scienziati.

Altri Servizi

La Fed taglia i tassi ma è divisa, Powell tenta di tranquillizzare

Rotta costo del denaro "non è predefinita". Esclude recessione. Pronto a intervenire di nuovo nel mercato monetario dopo due iniezioni di liquidità. Ventilato un QE4? Trump lo attacca: "Non ha fegato"
AP

La rotta dei tassi "non è predefinita". Una recessione è da escludere ma se l'economia Usa dovesse frenare, la Federal Reserve sarebbe pronta ad accelerare il passo con cui ha ripreso a tagliare il costo del denaro. Anche durante una crisi, però, la banca centrale Usa non arriverebbe a portare i tassi in territorio negativo. Se proprio tornerà a comprare bond come fece durante la crisi del 2008. Sono questi i messaggi con cui Jerome Powell ha cercato di rassicurare i mercati, anche sulle iniezioni di liquidità realizzate negli ultimi due giorni per ridare fiato al mercato monetario statunitense.

Ambiente, Trump revoca l'autonomia della California sulle emissioni delle auto

Scontro tra il governo federale e il Golden State, intenzionato a seguire le norme dell'era Obama che l'attuale amministrazione vuole cancellare

"L'amministrazione Trump sta revocando alla California l'esenzione federale sulle emissioni, in modo da produrre auto molto meno costose per i consumatori e allo stesso tempo sostanzialmente più sicure". Lo ha scritto su Twitter il presidente statunitense, Donald Trump, confermando quindi le indiscrezioni del Washington Post. Alla California, infatti, era stata concessa autonomia sui limiti alle emissioni e il Golden State ne aveva approfittato per fissare dei limiti più stringenti rispetto a quelli proposti da Trump. La decisione farà partire senza dubbio una battaglia legale tra governo federale e California, facendo cadere nell'incertezza i produttori e creando tensioni nel mercato automobilistico.

Wall Street attende la decisione della Fed sui tassi

Alle 20 italiane l'annuncio: probabile un nuovo taglio di 25 punti base
AP

Ex funzionari Usa: spionaggio israeliano contro Trump

Lo scrive Politico. Non ci sarebbero state conseguenze per l'alleato
Ap

Israele avrebbe piazzato dei dispositivi vicino alla Casa Bianca e in altri luoghi sensibili di Washington per spiare l'amministrazione Trump, secondo tre ex funzionari statunitensi a conoscenza della questione, che hanno parlato con Politico. Negli ultimi due anni, il governo statunitense è arrivato alla conclusione che Israele sarebbe il probabile autore del posizionamento di diversi dispositivi di sorveglianza delle comunicazioni telefoniche, ma al contrario di quanto avvenuto in altri casi di spionaggio scoperti su suolo statunitense, l'amministrazione Trump non ha attaccato quella israeliana e non ci sono state conseguenze per l'alleato, secondo una delle fonti. 

Sciopero Gm, interviene Trump (che sta con i lavoratori)

Lo scrive Politico. Il presidente vuole un accordo che comprenda la riapertura della fabbrica di Lordstown
AP

Wall Street attende le decisioni della Fed

Oggi inizia la riunione del Fomc, che domani comunicherà le sue decisioni sul taglio dei tassi
AP

Wall Street, pesano le tensioni in Medio Oriente

L'aumento del prezzo del petrolio, dopo gli attacchi contro gli impianti sauditi, fa temere il rallentamento dell'economia mondiale
AP

Nuove accuse contro il giudice Kavanaugh, i Dem: "Impeachment"

I candidati alla presidenza contro il giudice della Corte Suprema, la cui nomina è stata confermata lo scorso anno nonostante le accuse di tentato stupro e molestie sessuali
Ap