La Nasa presenta i primi astronauti che andranno nello spazio con veicoli privati

Saranno i primi a bordo di veicoli Usa dal pensionamento dello Space Shuttle nel 2011
Ap

La Nasa ha presentato gli astronauti che faranno parte dei primi equipaggi del suo programma commerciale. Si tratta dei primi astronauti statunitensi che andranno nello spazio a bordo di veicoli statunitensi, partendo dagli Stati Uniti (Cape Canaveral, in Florida) da quando l'agenzia spaziale ha mandato in pensione lo Space Shuttle nel 2011.

Da allora, la Nasa ha usufruito dei Soyuz russi per portare i propri astronauti sulla Stazione spaziale internazionale. Le nuove missioni, con le capsule CST-100 Starliner della Boeing e il Dragon 2 della SpaceX, fanno parte del Commercial Crew Program, sviluppato dalla Nasa proprio con le due società aerospaziali. L'annuncio segna l'inizio di una nuova era per l'esplorazione spaziale statunitense, in cui il governo federale si affida a compagnie spaziali commerciali per lanciare i suoi astronauti.

La Nasa ha annunciato gli equipaggi per due voli di prova, uno per ciascun veicolo spaziale; inoltre, ha presentato gli equipaggi per le prime missioni verso la Stazione spaziale internazionale con gli stessi veicoli. I test sono attesi per la metà del prossimo anno, una volta conclusi quelli senza equipaggio.

Il test dello Starliner sarà effettuato da Eric Boe, Chris Ferguson e Nicole Mann, mentre la prima missione sarà compiuta da Josh Cassada e Suni Williams. A bordo del Dragon, saliranno Bob Behnken e Doug Hurley per il test, Victor Glover e Mike Hopkins per la prima missione. Si tratta di veterani con almeno due missioni nello spazio e alcuni tra loro hanno volato anche a bordo degli shuttle.

La Boeing sta producendo le capsule CST-100 Starliner all'interno della Commercial Crew and Cargo Processing Facility del Kennedy Space Center in Florida; sono attualmente in realizzazione 3 veicoli spaziali e ciascun Starliner è progettato per essere riutilizzato fino a 10 volte. Per quanto riguarda SpaceX, l'azienda aerospaziale di Elon Musk, sono sei gli esemplari di capsula Dragon in costruzione, in varie fasi di completamento.

Altri Servizi

Scontro Boeing-Airbus, vittoria Usa (Politico). Parte un nuovo fronte della guerra dei dazi?

La Wto avrebbe dato ragione agli Stati Uniti sui sussidi illegali al colosso aerospaziale europeo. I dazi Usa colpirebbero anche l'export italiano
iStock

La decisione non è ancora pubblica, ma se le indiscrezioni si rivelassero corrette, si tratterebbe di un'importante vittoria per gli Stati Uniti, che potrebbe però aprire un duro scontro commerciale con l'Unione europea. Secondo Politico, che ha parlato con quattro funzionari dell'Unione europea, Washington ha vinto la disputa sui sussidi al gigante aerospaziale europeo Airbus e potrà colpire l'Unione europea con miliardi di dollari in dazi punitivi.

Trump: "Hamza bin Laden ucciso in un'operazione Usa"

Il presidente conferma la morte del figlio ed erede del leader di al Qaida e il coinvolgimento statunitense
Ap

Hamza bin Laden, come il padre Osama, è stato ucciso dagli Stati Uniti. A confermare la notizia della sua morte e del coinvolgimento statunitense è stato il presidente Donald Trump. "Hamza Bin Laden, alto responsabile di al Qaida e figlio di Osama Bin Laden, è stato ucciso in un'operazione antiterrorismo compiuta dagli Stati Uniti nella regione dell'Afghanistan/Pakistan" ha dichiarato il presidente, in un comunicato.

Wall Street, indici vicini ai record

Allentamento tensioni Usa-Cina e stimoli Bce spingono i mercati
AP

Attacchi agli impianti sauditi, produzione petrolifera dimezzata. Gli Usa sicuri: "È stato l'Iran"

L'attacco con i droni rivendicato dai ribelli yemeniti, ma per Washington è stata Teheran. Attese ripercussioni sui mercati

Gli Stati Uniti hanno accusato l'Iran per l'attacco con i droni agli impianti petroliferi in Arabia Saudita. Il segretario di Stato, Mike Pompeo, considera non veritiera la rivendicazione dei ribelli yemeniti Houthi - sostenuti dall'Iran - dell'attacco alle due strutture, gestite dalla compagnia pubblica Aramco.

Disney e Apple rivali sullo streaming, Iger lascia il board di Cupertino

A novembre, le due società lanceranno i rispettivi cataloghi, creando un possibile conflitto d'interesse per il Ceo dell'azienda di intrattenimento
Ap

L'amministratore delegato di Walt Disney Co., Robert Iger, si è dimesso dal Board of Directors di Apple. Lo ha reso noto la società di Cupertino, recidendo il legame tra le due aziende, che si preparano a lanciare i propri servizi di video-streming. Iger, che guida Disney dal 2005 e faceva parte del board di Apple dal 2012, aveva un rapporto stretto con il fondatore di Apple, Steve Jobs, nato nel 2006 con la vendita di Pixar Animation Studios, di cui Jobs era presidente, alla Disney.

Wall Street, attesa per l'evento Apple

Ottimismo per i negoziati Usa-Cina
AP

Wall Street, l'attenzione resta su Usa-Cina

Il prossimo mese attese le trattative ad alto livello; intanto, calano vistosamente le esportazioni cinesi verso gli Stati Uniti
AP

Mondiali di basket, peggior risultato di sempre per gli Usa. Ma Popovich difende la squadra

Il coach contro l'arroganza in patria, dopo il settimo posto ai campionati iridati: "Qualcuno pensa che dovremmo vergognarci, ma non è scritto nella pietra che gli Usa debbano vincere"
Ap

Gli Stati Uniti hanno chiuso i Mondiali di basket al settimo posto, battendo la Polonia 87-74. Guai, però, a parlare di spedizione cinese fallimentare - come fatto da tutti i media statunitensi, e non solo - secondo l'allenatore Gregg Popovich. "Qualcuno pensa che dovremmo vergognarci perché non abbiamo vinto la medaglia d'oro. Questo è un atteggiamento ridicolo, immaturo, arrogante, che mostra mancanza di rispetto per le altre squadre e per questi ragazzi, che hanno dato il massimo". Gli Stati Uniti hanno perso nei quarti di finale contro la Francia (89-79), perdendo poi (94-89) contro la Serbia - altra delusa del Mondiale in Cina - nella partita per l'accesso alla finale per il quinto posto.  "Ci sono molte grandi squadre al mondo. Non è scritto nella pietra che gli Stati Uniti debbano vincere" ha aggiunto Popovich, l'allenatore con più partite vinte nella storia della Nba, il massimo campionato professionistico nordamericano. 

Ex funzionari Usa: spionaggio israeliano contro Trump

Lo scrive Politico. Non ci sarebbero state conseguenze per l'alleato
Ap