La Sales Tax americana: cosa c'è da sapere

Prima di tre puntate per spiegare le imposte indirette per coloro che vendono prodotti o servizi negli Stati Uniti o che hanno in programma di farlo

Questo è il primo di una serie di tre articoli che hanno l'obiettivo di illustrare la Sales and Use Tax in pillole e spiegare un concetto complesso come quello di queste imposte indirette a tutti coloro che vendono prodotti o servizi negli Stati Uniti o che hanno in programma di farlo.

Che cos’è la "Sales and Use Tax"?

La Sales and Use Tax non è paragonabile all’Iva italiana, quanto piuttosto all’Ige (Imposta generale sulle entrate): per chi ricorda quest’ultima, è più facile comprendere che cosa sia la Sales Tax.

La Sales Tax è una tassa comunemente imposta negli Stati Uniti e regolata dai singoli Stati. Essa ha come oggetto le transazioni riguardanti prodotti e servizi acquistati dal consumatore finale.

Chiunque venda un prodotto o servizio è tenuto a pagare la Sales Tax in ognuno degli Stati americani in cui ha una presenza fisica (nexus): infatti, questa tassa si applica alla vendita soltanto nel momento in cui si soddisfano i requisiti di territorialità e di scopo.

L’imposta si calcola moltiplicando il costo del prodotto acquistato per l’aliquota percentuale prevista dallo Stato in cui avviene la transazione. Ad esempio, se si vuole acquistare una giacca del valore di 100 dollari nello Stato di New York, alla cassa verrà applicata una Sales Tax dell'8,875%, per cui si dovranno pagare 108,87 dollari. Gli Stati Uniti impongono la Sales Tax dagli anni ’30 ma, all’inizio, la tassa veniva raccolta soltanto su prodotti tangibili. I fattori che hanno portato a includere i servizi nell’ambito di imposta della Sales Tax sono due: l’aumento esponenziale di aziende primariamente orientate alla fornitura o vendita di servizi e la presa di coscienza, da parte dei singoli Stati, dell’enorme aumento di entrate che sarebbe derivato dall’estensione dell’imposta ai servizi medesimi. La Sales Tax sui servizi è attiva dal 2007 e nella maggior parte dei casi viene abbinata alla Use Tax. Mentre la Sales Tax viene imposta sulle vendite di proprietà personali tangibili, la Use Tax è un tipo di imposta sui consumi. Qualora un contribuente acquisti un bene di grande valore in uno Stato che non impone la Sales Tax ma poi lo utilizza o gode in uno Stato che invece la impone, il contribuente è obbligato a pagare la Use Tax (si pensi, ad esempio, all’acquisto di un’automobile). Per lo stesso motivo, la Use Tax viene imposta anche sulle vendite online.

La Sales and Use Tax è uguale per tutti gli Stati?

Quasi tutti gli Stati americani applicano la Sales and Use Tax, che può variare dall’1 all’11%. Alcuni Stati permettono anche a città e comuni di imporre una Sales and Use Tax locale che può aggiungersi a quella statale oppure rimpiazzarla. Mentre molti Stati raccolgono la Sales Tax su prodotti e servizi, infatti, cinque Stati - Alaska, Delaware, Montana, New Hampshire e Oregon – non lo fanno a livello statale. Di questi, inoltre, Alaska e Montana permettono alle singole località (contee e città) di imporre la Sales Tax in maniera indipendente.

Quali prodotti e servizi sono soggetti a Sales and Use Tax?

I singoli Stati adottano politiche molto varie in merito ai prodotti e ai servizi che tassano. Ad esempio, molti Stati non impongono la Sales Tax sulle vendite relative al cibo ma alcuni, come Tennessee, Arkansas, Virginia e West Virginia, lo fanno. Quasi tutti gli Stati non tassano i medicinali soggetti a prescrizione medica ma molti la impongono su quelli da banco. La stessa variabilità si riscontra per quanto riguarda l’imposizione della Sales Tax sui servizi. In altre parole, è quasi impossibile generalizzare perché la materia è talmente complessa da richiedere un'analisi caso per caso.

Una volta versata, è possibile recuperare la Sales and la Use Tax? Problemi nella raccolta e remissione

La Sales and Use Tax è indubbiamente complessa, sia per il consumatore finale che per le aziende. Uno dei problemi maggiori è che spesso si paga la Sales Tax anche quando questa non è dovuta. Chi vende il bene o il servizio, spinto da una naturale precauzione e dal timore di sbagliare, tende ad applicare pedissequamente la Sales Tax facendola pagare al cliente per poi versarla allo Stato (“When in doubt – tax it”).

Tuttavia, in un numero sorprendente di casi, la Sales Tax non è affatto dovuta perché, ad esempio, il bene o il servizio acquistati non sono soggetti alla tassa. In questi casi un'analisi delle spese fatte in passato e delle loro causali può sostanziare una richiesta di rimborso per le imposte impropriamente pagate.

Nel prossimo articolo andremo a spiegare come si riduce e si esenta la Sales and Use Tax.

Per ulteriori informazioni, approfondimenti o curiosità, sarò lieto di ricevere una vostra mail al seguente indirizzo di posta elettronica: afantozzi@pragermetis.com

Altri Servizi

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP
Ibm

Per International Business Machines (Ibm), il recupero dei ricavi trimestrali sembra un miraggio dopo la breve ripresa finita lo scorso giugno e durata nove mesi consecutivi (i primi successivi a cinque anni di declini). L'azienda ha tuttavia saputo superare le stime degli investitori, concentrati sul fatto che le vendite siano salite nell'intero esercizio per la prima volta in vari anni.

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

La Corte Suprema Usa respinge Trump: resta la tutela per i Dreamers (per ora)

Il massimo tribunale ha deciso di non pronunciarsi sulla fine del programma Daca, cercata dal presidente anche per avere un'arma in più nei negoziati con i democratici su immigrazione e muro
Ap

La Corte Suprema statunitense ha respinto la richiesta dell'amministrazione Trump di valutare subito e pronunciarsi sulla fine del programma Daca, che protegge dal rimpatrio 700.000 immigrati irregolari arrivati da bambini. Questo significa che il programma voluto dall'allora presidente Barack Obama, contro cui si batte Donald Trump, resta per ora in vigore, in attesa che lo scontro arrivi a conclusione nei tribunali inferiori; inoltre, nel caso in cui il massimo tribunale dovesse accettare un nuovo tentativo da parte del governo, il caso non verrebbe discusso prima di ottobre e una decisione non sarebbe presa prima del 2020. La volontà del massimo tribunale statunitense di non valutare il caso toglierà una potente arma di negoziazione al presidente, che si era detto sicuro di una vittoria davanti alla Corte Suprema, nelle trattative con i democratici sull'immigrazione.

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

Larry Kudlow, il consigliere economico della Casa Bianca, ha negato indiscrezioni di stampa secondo cui gli Stati Uniti hanno cancellato un incontro con la Cina pensato per spianare la strada al prossimo round di negoziati di alto livello previsto a Washington tra i negoziatori delle due nazioni il 30 e il 31 gennaio prossimo.

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati

Un investitore miliardario - conosciuto negli Stati Uniti per essere l'equivalente di Boston del cosiddetto Oracolo di Omaha, ossia Warren Buffett - ha messo in guardia gli investitori "compiaciuti" che stanno ignorando i rischi esistenti prendendone di nuovi. Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), ha lanciato il suo avvertimento nella lettera annuale da 22 pagine scritta agli investitori e di cui il New York Times ha ottenuto una copia.

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.

Gli Usa celebrano Martin Luther King (e Pence lo paragona a Trump)

Oggi è il giorno festivo dedicato al leader della lotta per i diritti civili, premio Nobel per la Pace, ucciso nel 1968

Nel 1965, le marce da Selma a Montgomery, in Alabama, furono un momento fondamentale della rivolta per i diritti civili negli Stati Uniti; diritti per cui, secondo associazioni e comunità afroamericane, è ancora necessario combattere. Per questo, ancora oggi è fondamentale celebrare Martin Luther King, il leader della lotta per l'uguaglianza razziale, premiato nel 1964, a soli 35 anni, con il Nobel per la Pace, e ucciso il 4 aprile 1968 a Memphis con un colpo di fucile alla testa.

L'attivismo di Elliott mette il turbo a eBay

Il fondo di Paul Singer chiede scorpori di attività per potenziare il valore del sito di aste online
iStock

EBay ha preso il volo a Wall Street, dove il titolo sale dell'8% a 33,5 dollari. A mettere il turbo al titolo del gruppo di aste online è l'attivismo di due investitori che puntano a scorporarne alcune attività per sprigionarne il valore.