La Sales Tax americana: cosa c'è da sapere

Prima di tre puntate per spiegare le imposte indirette per coloro che vendono prodotti o servizi negli Stati Uniti o che hanno in programma di farlo

Questo è il primo di una serie di tre articoli che hanno l'obiettivo di illustrare la Sales and Use Tax in pillole e spiegare un concetto complesso come quello di queste imposte indirette a tutti coloro che vendono prodotti o servizi negli Stati Uniti o che hanno in programma di farlo.

Che cos’è la "Sales and Use Tax"?

La Sales and Use Tax non è paragonabile all’Iva italiana, quanto piuttosto all’Ige (Imposta generale sulle entrate): per chi ricorda quest’ultima, è più facile comprendere che cosa sia la Sales Tax.

La Sales Tax è una tassa comunemente imposta negli Stati Uniti e regolata dai singoli Stati. Essa ha come oggetto le transazioni riguardanti prodotti e servizi acquistati dal consumatore finale.

Chiunque venda un prodotto o servizio è tenuto a pagare la Sales Tax in ognuno degli Stati americani in cui ha una presenza fisica (nexus): infatti, questa tassa si applica alla vendita soltanto nel momento in cui si soddisfano i requisiti di territorialità e di scopo.

L’imposta si calcola moltiplicando il costo del prodotto acquistato per l’aliquota percentuale prevista dallo Stato in cui avviene la transazione. Ad esempio, se si vuole acquistare una giacca del valore di 100 dollari nello Stato di New York, alla cassa verrà applicata una Sales Tax dell'8,875%, per cui si dovranno pagare 108,87 dollari. Gli Stati Uniti impongono la Sales Tax dagli anni ’30 ma, all’inizio, la tassa veniva raccolta soltanto su prodotti tangibili. I fattori che hanno portato a includere i servizi nell’ambito di imposta della Sales Tax sono due: l’aumento esponenziale di aziende primariamente orientate alla fornitura o vendita di servizi e la presa di coscienza, da parte dei singoli Stati, dell’enorme aumento di entrate che sarebbe derivato dall’estensione dell’imposta ai servizi medesimi. La Sales Tax sui servizi è attiva dal 2007 e nella maggior parte dei casi viene abbinata alla Use Tax. Mentre la Sales Tax viene imposta sulle vendite di proprietà personali tangibili, la Use Tax è un tipo di imposta sui consumi. Qualora un contribuente acquisti un bene di grande valore in uno Stato che non impone la Sales Tax ma poi lo utilizza o gode in uno Stato che invece la impone, il contribuente è obbligato a pagare la Use Tax (si pensi, ad esempio, all’acquisto di un’automobile). Per lo stesso motivo, la Use Tax viene imposta anche sulle vendite online.

La Sales and Use Tax è uguale per tutti gli Stati?

Quasi tutti gli Stati americani applicano la Sales and Use Tax, che può variare dall’1 all’11%. Alcuni Stati permettono anche a città e comuni di imporre una Sales and Use Tax locale che può aggiungersi a quella statale oppure rimpiazzarla. Mentre molti Stati raccolgono la Sales Tax su prodotti e servizi, infatti, cinque Stati - Alaska, Delaware, Montana, New Hampshire e Oregon – non lo fanno a livello statale. Di questi, inoltre, Alaska e Montana permettono alle singole località (contee e città) di imporre la Sales Tax in maniera indipendente.

Quali prodotti e servizi sono soggetti a Sales and Use Tax?

I singoli Stati adottano politiche molto varie in merito ai prodotti e ai servizi che tassano. Ad esempio, molti Stati non impongono la Sales Tax sulle vendite relative al cibo ma alcuni, come Tennessee, Arkansas, Virginia e West Virginia, lo fanno. Quasi tutti gli Stati non tassano i medicinali soggetti a prescrizione medica ma molti la impongono su quelli da banco. La stessa variabilità si riscontra per quanto riguarda l’imposizione della Sales Tax sui servizi. In altre parole, è quasi impossibile generalizzare perché la materia è talmente complessa da richiedere un'analisi caso per caso.

Una volta versata, è possibile recuperare la Sales and la Use Tax? Problemi nella raccolta e remissione

La Sales and Use Tax è indubbiamente complessa, sia per il consumatore finale che per le aziende. Uno dei problemi maggiori è che spesso si paga la Sales Tax anche quando questa non è dovuta. Chi vende il bene o il servizio, spinto da una naturale precauzione e dal timore di sbagliare, tende ad applicare pedissequamente la Sales Tax facendola pagare al cliente per poi versarla allo Stato (“When in doubt – tax it”).

Tuttavia, in un numero sorprendente di casi, la Sales Tax non è affatto dovuta perché, ad esempio, il bene o il servizio acquistati non sono soggetti alla tassa. In questi casi un'analisi delle spese fatte in passato e delle loro causali può sostanziare una richiesta di rimborso per le imposte impropriamente pagate.

Nel prossimo articolo andremo a spiegare come si riduce e si esenta la Sales and Use Tax.

Per ulteriori informazioni, approfondimenti o curiosità, sarò lieto di ricevere una vostra mail al seguente indirizzo di posta elettronica: afantozzi@pragermetis.com

Altri Servizi

La Fed taglia i tassi ma è divisa, Powell tenta di tranquillizzare

Rotta costo del denaro "non è predefinita". Esclude recessione. Pronto a intervenire di nuovo nel mercato monetario dopo due iniezioni di liquidità. Ventilato un QE4? Trump lo attacca: "Non ha fegato"
AP

La rotta dei tassi "non è predefinita". Una recessione è da escludere ma se l'economia Usa dovesse frenare, la Federal Reserve sarebbe pronta ad accelerare il passo con cui ha ripreso a tagliare il costo del denaro. Anche durante una crisi, però, la banca centrale Usa non arriverebbe a portare i tassi in territorio negativo. Se proprio tornerà a comprare bond come fece durante la crisi del 2008. Sono questi i messaggi con cui Jerome Powell ha cercato di rassicurare i mercati, anche sulle iniezioni di liquidità realizzate negli ultimi due giorni per ridare fiato al mercato monetario statunitense.

Ambiente, Trump revoca l'autonomia della California sulle emissioni delle auto

Scontro tra il governo federale e il Golden State, intenzionato a seguire le norme dell'era Obama che l'attuale amministrazione vuole cancellare

"L'amministrazione Trump sta revocando alla California l'esenzione federale sulle emissioni, in modo da produrre auto molto meno costose per i consumatori e allo stesso tempo sostanzialmente più sicure". Lo ha scritto su Twitter il presidente statunitense, Donald Trump, confermando quindi le indiscrezioni del Washington Post. Alla California, infatti, era stata concessa autonomia sui limiti alle emissioni e il Golden State ne aveva approfittato per fissare dei limiti più stringenti rispetto a quelli proposti da Trump. La decisione farà partire senza dubbio una battaglia legale tra governo federale e California, facendo cadere nell'incertezza i produttori e creando tensioni nel mercato automobilistico.

Wall Street attende la decisione della Fed sui tassi

Alle 20 italiane l'annuncio: probabile un nuovo taglio di 25 punti base
AP

Sciopero Gm, interviene Trump (che sta con i lavoratori)

Lo scrive Politico. Il presidente vuole un accordo che comprenda la riapertura della fabbrica di Lordstown
AP

Wall Street attende le decisioni della Fed

Oggi inizia la riunione del Fomc, che domani comunicherà le sue decisioni sul taglio dei tassi
AP

Wall Street, pesano le tensioni in Medio Oriente

L'aumento del prezzo del petrolio, dopo gli attacchi contro gli impianti sauditi, fa temere il rallentamento dell'economia mondiale
AP

Nuove accuse contro il giudice Kavanaugh, i Dem: "Impeachment"

I candidati alla presidenza contro il giudice della Corte Suprema, la cui nomina è stata confermata lo scorso anno nonostante le accuse di tentato stupro e molestie sessuali
Ap

Nessun accordo sul contratto collettivo, sciopero alla General Motors

La protesta coinvolgerà circa 50.000 lavoratori. Presto le trattative del sindacato Uaw anche con Ford e Fca
AP