Le dichiarazioni di Clinton sulla sua sconfitta? Per il NyPost sta preparando la corsa per il 2020

L'ipotesi però potrebbe favorire Donald Trump e togliere attenzione e possibilità ad altri democratici

"Se le elezioni si fossero tenute il 27 ottobre, probabilmente sarei diventata presidente", con queste parole Hillary Clinton ha commentato ai microfoni di Cnn la sconfitta alle elezioni presidenziali statunitensi. La dichiarazione è parte di una più ampia intervista rilasciata alla giornalista dell'emittente televisiva americana, Christiane Amanpour, durante un evento organizzato a New York dalla non profit Women for Women International.

Ammettendo di aver iniziato il processo di analisi della sua sconfitta, Clinton ha ammesso di sentirsi responsabile per l’esito delle elezioni, ma ha anche dichiarato di essere pienamente convinta che a giocare un ruolo chiave nella vittoria di Trump sia stata tanto la misoginia quanto i comportamenti dell’FBI e le interferenze della Russia.

Ebbene, secondo alcuni commentatori politici americani, tra cui Michael Goodwin, editorialista del New York Post, le dichiarazioni dell’ex candidata democratica lascerebbero presagire una sola cosa: il suo ritorno sulla scena politica per prepararsi alle elezioni del 2020.

Secondo Goodwin la notizia pubblicata in settimana da Politico secondo cui l’ex first lady starebbe per lanciare un gruppo politico nuovo per finanziare organizzazioni volte a ostacolare l'agenda del presidente Donald Trump e che dovrebbe chiamarsi "Onward Together", sarebbe un altro indizio di questa sua volontà. Un’ipotesi che però, secondo il giornalista americano, potrebbe far felice proprio Donald Trump. Goodwin sottolinea infatti che il partito democratico sta vivendo uno dei momenti più bui della sua storia: diviso al suo interno, senza più un leader forte in grado di rilanciarlo e con un Congresso dove i repubblicani possono vantare una maggioranza sia al Senato che alla Camera. Una situazione tutt’altro che felice in cui è "difficile immaginare Hillary Clinton come la salvatrice del partito".

L’analisi di Goodwin è infatti incentrata sull’idea che la sua presenza sulle scene politiche impedisca un rinnovamento tra i democratici, soprattutto per la capacità dell’ex segretario di Stato di catalizzare attenzione mediatica e raccogiere soldi dai donatori. E questo non può che essere un bene per Donald Trump che ha già sfruttato l’occasione rispondendo alle dichiarazioni di Hillary Clinton sulla sua sconfitta: "Comey è stata la miglior cosa che le potesse capitare", ha twittato Trump in risposta alle accuse di Clinton secondo cui la lettera del direttore dell’FBI al Congresso, con cui annunciava di aver scoperto nuove email "pertinenti" all’indagine compiuta nei mesi precedenti su Clinton,  poi rivelatesi prive di fondamento, l'hanno fortemente danneggiata. Il tycoon è intervenuto commentando anche i suoi presunti rapporti con la Russia, definendoli come "una scusa usata dai Democratici per giustificare la loro sconfitta elettorale".

Proprio le scuse addotte da Clinton qualche giorno fa, sono per Goodwin motivo di riflessione visto che l’ex first lady non ha voluto fare parola su quali siano stati i suoi errori come candidata, o perché il suo messaggio non sia stato in grado di raggiungere gran parte della "middle class" che ha invece votato per Trump o, ancora, perché abbia dato per scontato che gli elettori afroamericani avrebbero votato per lei con lo stesso entusiasmo con cui hanno votato per Barack Obama.

Seppure gli interrogativi siano tanti così come numerose sono le obiezioni che spingerebbero Hillary Clinton ad abbandonare la politica una volta per tutte, l’articolo di Goodwin apparso sul New York Post teorizza che l’idea dell’ex first lady sia quella di "cooptare la resistenza di Trump e farne la sua base per una potenziale corsa nel 2020". Eppure il giornalista del Post non è l’unico a credere in una rivincita del match Clinton Vs Trump. Della stessa idea sono infatti il Boston Globe e il Boston Herald sulle cui pagine sono apparsi degli articoli che partendo dall’analisi della sconfitta fatta da Clinton concludevano sottolineando che la sua corsa a Washington è tutt’altro che conclusa. Secondo loro infatti calza a pennello il vecchio adagio secondo cui "non c’è due senza tre". Idea folle per alcuni e improbabile per altri, anche se proprio Trump ha insegnato al mondo che ciò che appare inizialmente impossibile o poco probabile è in realtà assolutamente realizzabile.

 

Altri Servizi

Netflix sfida Amazon e Disney: recluta creatrice di "Grey's Anatomy"

E' corsa ai migliori talenti. Il sito di video in streaming risponde al colosso del commercio elettronico (che ha arruolato il produttore di "The Walking Dead") e a quello dell'intrattenimento (che ha silurato il gruppo)

Tra Netflix e Amazon la sfida è ufficialmente aperta così come tra vecchi e nuovi gruppi media. Il sito di video in streaming ha annunciato di avere reclutato la creatrice delle serie “Scandal” e “Grey’s Anatomy”; una risposta al fatto che tre giorni prima il colosso del commercio elettronico avesse detto di avere arruolato il creatore della serie tv "The Walking Dead".

Trump contro la rimozione delle statue sudiste: "Fatta a pezzi la Storia"

Dopo le violenze di Charlottesville, prosegue la polemica tra il presidente e gli antirazzisti. Autorità cittadine e statali sempre più decise a cancellare 'gli eroi del Sud'

"Triste vedere che la Storia e la cultura del nostro grande Paese siano fatte a pezzi con la rimozione delle nostre belle statue e dei monumenti. Non potete cambiare la Storia, ma potete imparare da essa. Robert Lee, Stonewall Jackson...il prossimo chi sarà? Washington, Jefferson? Così assurdo! La bellezza che è stata portata via dalle nostre città, da paesi e parchi mancherà enormemente e non sarà mai sostituita adeguatamente!". Così il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha espresso su Twitter la propria opinione sulla rimozione di molte statue che rappresentano gli 'eroi' dei sudisti.

Wall Street: sell-off tra terrorismo e Trump

Gli investitori temono che l'agenda pro-crescita promessa dal presidente non venga attuata
AP

Charlottesville, anche Cook (Apple) e Dimon (JPMorgan) contro Trump

Molti top manager contro il presidente Usa, che ha messo sullo stesso piano suprematisti bianchi e manifestanti di sinistra

Si allunga la serie di top manager americani che hanno "scaricato" Donald Trump per i suoi commenti sui fatti di Charlottesville, dove James Alex Fields, ventenne militante dell'alt right, sabato si è lanciato con la propria auto contro i manifestanti anti-razzisti, uccidendo una persona e ferendone altre 19.

Chelsea Manning su Vogue in costume da bagno

L'ex analista diventata talpa fotografata da Annie Leibovitz nella leggendaria September Issue della rivista di moda
Vogue

Chelsea Manning, l'ex analista dell'esercito americano diventato talpa, sarà nel numero più prestigioso di Vogue America: la leggendaria "September Issue", l'edizione più attesa della rivista (tanto che il documentario su Anna Wintour, la sua celeberrima direttrice - a cui è ispirato il personaggio di Meryl Streep ne "Il Diavolo veste Prada" - si intitola proprio così: "The September Issue").

Mls, errore clamoroso del Var. Espulso Kaka per condotta violenta, ma stava scherzando

L'arbitro Jorge Gonzalez ha sventolato il rosso alla stella brasiliana durante New York Red Bulls e Orlando

Ricardo Kaka è stato espulso. Già questa è una notizia considerando che il giocatore brasiliano ex Milan e Real Madrid, oggi numero dieci di Orlando City, ha ricevuto solo un altro cartellino rosso nella sua carriera. Eppure c’è dell’altro perché l’espulsione del brasiliano, avvenuta "per condotta violenta", è scaturita dopo l’intervento del Var (video assistant referee) che esamina le decisioni degli altri arbitri in campo tramite l'ausilio di filmati, si tratta di quella che in gergo viene definita "moviola in campo".

Mlb, i Miami Marlins passano nelle mani della cordata di Derek Jeter e Michael Jordan

Il presidente David Samson ha detto che l’accordo è stato firmato, entro ottobre l’ufficialità
Ap

I Miami Marlins, squadra professionistica della Major League Baseball (la lega professionistica di baseball del nord America) passeranno nelle mani di una cordata di imprenditori con a capo Derek Jeter, ex capitano dei New York Yankees. Nel gruppo ci sarà anche Michael Jordan, ex stella dei Chicago Bulls e leggenda del basket a stelle e strisce ora presidente della franchigia Nba dei Charlotte Hornets.

Michigan, Bruno Mars dona un milione di dollari alle vittime della crisi idrica di Flint

Il cantante ha dato l’annuncio durante un suo concerto a Auburn Hills

Bruno Mars, popstar americana a cui si devono diversi successi planetari tra cui Uptown Funk, ha donato un milione di dollari alle vittime della crisi idrica di Flint, la cittadina capoluogo della contea di Genesee, in Michigan, la cui acqua risulta contaminata dal 2014. A dare l’annuncio è stato lo stesso cantautore statunitense durante la tappa ad Auburn Hills, sempre in Michigan, del suo 24K Magic World Tour, il terzo tour mondiale a supporto del suo terzo album in studio, 24K Magic.

Da Goldman ad Apple, Corporate America contro il razzismo e l'odio

Il Ceo di GE, Jeff Immelt, condanna le violenze di Charlottesville ma come Dell resta del consiglio per la manifattura di Trump, che invece l'a.d. di Merck ha lasciato

Nel giorno in cui, con 48 ore di ritardo, il presidente americano Donald Trump ha esplicitamente criticato gruppi di suprematisti bianchi responsabili delle violenze di sabato scorso a Charlottesville (Virginia), la Corporate America si è unita nel dire no all'odio e al razzismo.

Fca si unisce a Bmw e Intel per sviluppo guida autonoma

Il gruppo automobilistico italo americano ha firmato un memorandum of understanding con la rivale tedesca e Mobileye, controllata del produttore Usa di microprocessori
AP

Mentre il mercato continua a domandarsi se e quale gruppo cinese abbia fatto un'offerta per rilevare Fiat Chrysler Automobiles (Geely ha negato) e se ci sarano altri spin-off (Magneti Marelli?) dopo quello di Ferrari, il gruppo guidato da Sergio Marchionne continua a siglare intese per rafforzarsi nella tecnologia della guida autonoma. Se nel maggio 2016 Fca era diventata la prima azienda automobilistica a siglare un accordo non esclusivo con Google (Waymo), ora è il primo costruttore automobilistico ad unirsi alla tedesca Bmw e all'americana Intel per lo sviluppo di una piattaforma di guida autonoma all’avanguardia. I tre gruppi hanno infatti siglato un Memorandum of Understanding.