Michelle Obama: l'America ha perso la speranza (dopo le elezioni)

Ultima intervista televisiva prima di lasciare la Casa Bianca. Secondo la moglie di Barack, gli Usa hanno bisogno di un adulto alla Casa Bianca

Altro che "Hope", uno degli slogan che - insieme a "Yes, we can" - permisero a Barack Obama di vincere le elezioni presidenziali del 2008. Otto anni dopo, e reduce da una campagna elettorale tanto improbabile quanto agguerrita, la first lady Michelle sostiene che l'America ha perso la speranza. Tutta colpa della vittoria shock alle elezioni dello scorso 8 dicembre del repubblicano Donald Trump, un uomo - insinua lei - che non è l'adulto giusto per state alla Casa Bianca.

Nella sua ultima intervista televisiva prima di lasciare la Casa Bianca, la moglie del 44esimo Commander in chief ha detto alla regina americana dei talk show Oprah Winfrey: "Ora stiamo sentendo cosa significa non avere speranza".

Per una donna che è stata protagonista dell'ultima campagna elettorale schierandosi dalla parte di un'altra donna, Hillary Clinton, nella speranza che potesse fare la storia colorando di rosa per la prima volta lo Studio Ovale, Michelle ha spiegato che "la speranza è necessaria. E' un concetto necessario", ha detto durante parti dell'intervista trasmesse durante "CBS This Morning".

Secondo lei, il marito "Barack non ha solo parlato di speranza perché pensava che fosse uno slog carino per ottenere voti. Lui, io e tanti altri crediamo che cos'altro abbiamo se non la speranza? Cosa dai ai tuoi figli se non puoi dare loro speranza?".

La madre di Sasha e Malia ha usato una metafora per dire che così come un bambino che sbatte la testa nel bordo di un tavolo guarda a mamma o papà per capire se si sono fatti male, così l'America "ha bisogno di un adulto nella Casa Bianca che in tempi di crisi e tensioni sappia dire" - proprio come un genitore che cerca di minimizzare l'accaduto - 'Hey, tutto è ok. Ricordiamo delle cose belle che abbiamo. Guardiamo al futuro e a tutte le cose che stiamo costruendo'". La first lady ha poi posto una domanda retorica: "Cosa facciamo se non abbiamo speranza, Oprah?".

Winfrey, una afroamericana come Michelle, aveva dato il suo endorsement a Barack nel 2007 ma non lo fece pubblicamente nel 2012. Quest'anno ha spinto gli elettori a votare per Clinton dicendo: "Non vi deve piacere...vi piace la democrazia o volete un demagogo?".

Altri Servizi

Wall Street, focus sul commercio e sui segnali di recessione

Dati in programma: avvio di nuovi cantieri e fiducia dei consumatori
AP

Afghanistan, Trump stringe i tempi per un accordo con i talebani

Il presidente, contrario alla presenza di soldati Usa nel Paese, vuole trovare una soluzione prima delle presidenziali del prossimo anno
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha incontrato i suoi massimi consiglieri per valutare un possibile accordo con i talebani, che potrebbe permettere agli Stati Uniti di mettere fine alla loro presenza in Afghanistan. All'incontro hanno partecipato, tra gli altri, il vicepresidente Mike Pence, il segretario di Stato, Mike Pompeo, la direttrice della Cia, Gina Haspel, e il consigliere per la sicurezza nazionale, John Bolton. In un tweet dopo l'incontro, che si è tenuto nel suo golf club in New Jersey, Trump ha scritto che gli Stati Uniti "stanno cercando di fare un accordo, se possibile".

BlackRock diventerà socio di maggioranza nel proprietario di Sport Illustrated

Si tratta di Authentic Brands, che controlla anche i diritti legati a Marilyn Monroe e Muhammad Ali

Il più grane asset manager al mondo scommette sul private equity. BlackRock sta per prendere la quota di controllo di Authentic Brands, gruppo con sede a New York che ha le licenze di 50 marchi tra l'intrattenimento e il lifestyle che generano ogni anno 9,3 miliardi di dollari. 

Usa verso proroga di 3 mesi per permettere a Huawei di acquistare da fornitori Usa

La Casa Bianca ha subito le pressioni delle società tecnologiche Usa, preoccupate dalla possibilità di perdere diversi miliardi di dollari
AP

Il Dipartimento del Commercio statunitense dovrebbe estendere di 90 giorni il permesso concesso a Huawei Technologies di acquistare forniture dagli Stati Uniti in modo da garantire l'assistenza ai suoi clienti americani, il funzionamento delle reti di telecomunicazione, in particolare nelle zone rurali, e gli aggiornamenti dei software. Lo riporta l'agenzia Reuters, che ricorda che la "licenza provvisoria" è in scadenza luned" prossimo.

Cbs e Viacom tornano a sposarsi

Nasce ViacomCBS, un gruppo con rivavi di oltre 28 miliardi di dollari

Cbs e Viacom hanno deciso di tornare a sposarsi creando un colosso dell'intrattenimento con ricavi di oltre 28 miliardi di dollari. Lo hanno annunciato in una nota congiunta le due aziende. Il gruppo che nasce dalla fusione si chiamerà ViacomCBS.

Tsai (Alibaba) compra Brooklyn Nets e Barclays Arena per 3,5 mld $

Finisce l'era del russo Mikhail Prokhorov, artefice dello spostamento dal New Jersey a New York
Ap

I Brooklyn Nets hanno un nuovo proprietario. Il vicepresidente esecutivo di Alibaba Group, Joe Tsai, ha esercitato l'opzione di acquisto per le quote della società non ancora in suo possesso (il 51%), mettendo fine all'era di Mikhail Prokhorov, il magnate russo che aveva spostato la franchigia Nba - il massimo campionato professionistico di pallacanestro di Stati Uniti e Canada - dal New Jersey a New York.

Per il re del "Big Short", proteste Hong Kong una minaccia per economia globale

Steve Eisman teme che possano diventare un "cigno nero"

Le proteste a Hong Kong potrebbero mettere a repentaglio un qualsiasi accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina e potrebbero pesare sull'economia globale. Per questo, quelle proteste sono la principale preoccupazione per Steve Eisman, l'investitore reso celebre anche fuori dagli ambienti di Wall Street grazie al film "The Big short".

Wall Street, pesano le tensioni internazionali

Dalla guerra commerciale tra Usa e Cina alle proteste a Hong Kong
AP

Hong Kong, la Cina accusa gli Usa di fomentare il caos

Pechino biasima soprattutto Pelosi e McConnell

Gli Stati Uniti fomentano il caos a Hong Kong. L'accusa è stata formulata dalla portavoce del ministero degli Esteri cinese, secondo cui ci sono "prove evidenti" del coinvolgimento di Washington nelle proteste. La portavoce Hua Chunying ha commentato: "Gli Stati Uniti hanno negato in molte occasioni il loro coinvolgimento nelle violenze in corso a Hong Kong. I commenti di alcuni membri del Congresso - il riferimento è alla speaker della Camera, la democratica Nancy Pelosi, e al leader della maggioranza repubblicana in Senato, Mitch McConnell, ndr - hanno fornito al mondo nuove ed evidenti prove del coinvolgimento" degli Stati Uniti.

Ap

La popolarità di Donald Trump è in forte calo e il presidente sarebbe sconfitto nelle elezioni del 2020 da uno qualsiasi dei quattro principali candidati democratici. È il risultato dell'ultimo sondaggio condotto da Fox News.