Michelle Obama: l'America ha perso la speranza (dopo le elezioni)

Ultima intervista televisiva prima di lasciare la Casa Bianca. Secondo la moglie di Barack, gli Usa hanno bisogno di un adulto alla Casa Bianca

Altro che "Hope", uno degli slogan che - insieme a "Yes, we can" - permisero a Barack Obama di vincere le elezioni presidenziali del 2008. Otto anni dopo, e reduce da una campagna elettorale tanto improbabile quanto agguerrita, la first lady Michelle sostiene che l'America ha perso la speranza. Tutta colpa della vittoria shock alle elezioni dello scorso 8 dicembre del repubblicano Donald Trump, un uomo - insinua lei - che non è l'adulto giusto per state alla Casa Bianca.

Nella sua ultima intervista televisiva prima di lasciare la Casa Bianca, la moglie del 44esimo Commander in chief ha detto alla regina americana dei talk show Oprah Winfrey: "Ora stiamo sentendo cosa significa non avere speranza".

Per una donna che è stata protagonista dell'ultima campagna elettorale schierandosi dalla parte di un'altra donna, Hillary Clinton, nella speranza che potesse fare la storia colorando di rosa per la prima volta lo Studio Ovale, Michelle ha spiegato che "la speranza è necessaria. E' un concetto necessario", ha detto durante parti dell'intervista trasmesse durante "CBS This Morning".

Secondo lei, il marito "Barack non ha solo parlato di speranza perché pensava che fosse uno slog carino per ottenere voti. Lui, io e tanti altri crediamo che cos'altro abbiamo se non la speranza? Cosa dai ai tuoi figli se non puoi dare loro speranza?".

La madre di Sasha e Malia ha usato una metafora per dire che così come un bambino che sbatte la testa nel bordo di un tavolo guarda a mamma o papà per capire se si sono fatti male, così l'America "ha bisogno di un adulto nella Casa Bianca che in tempi di crisi e tensioni sappia dire" - proprio come un genitore che cerca di minimizzare l'accaduto - 'Hey, tutto è ok. Ricordiamo delle cose belle che abbiamo. Guardiamo al futuro e a tutte le cose che stiamo costruendo'". La first lady ha poi posto una domanda retorica: "Cosa facciamo se non abbiamo speranza, Oprah?".

Winfrey, una afroamericana come Michelle, aveva dato il suo endorsement a Barack nel 2007 ma non lo fece pubblicamente nel 2012. Quest'anno ha spinto gli elettori a votare per Clinton dicendo: "Non vi deve piacere...vi piace la democrazia o volete un demagogo?".

Altri Servizi

Wall Street attende le decisioni della Fed

La Federal Reserve annuncia alle 14 (le 20 in Italia) le sue decisioni di politica monetaria e diffonde le nuove stime economiche e sui tassi
iStock

Summit Trump-Kim: il vincitore è la Cina

Per gli esperti, troppe concessioni degli Usa alla Corea del Nord. Giappone e Corea del Sud gli sconfitti. La Russia osserva: "il diavolo sta nei dettagli" (che mancano)
AP

Quello tra Donald Trump e Kim Jong Un è stato certamente un incontro "storico", un buon inizio di un lungo iter diplomatico volto a portare alla denuclearizzazione della penisola coreana e magari alla fine ufficiale della Guerra di Corea (iniziata nel 1950 e finita nel 1953 ma solo con un armistizio). Tuttavia, tra il leader americano e quello nordcoreano, è il secondo che sembra avere avuto la meglio. E la Cina di Xi Jinping ha vinto indirettamente su tutti mentre il Giappone di Shinzo Abe e la Corea del Sud di Moon Jae-in emergono come gli sconfitti. E' questa l'impressione generale tra gli esperti americani di politica estera.

Citi: 10mila posti di lavoro potrebbero essere sostituiti da robot

FT: a livello di settore, possibile un taglio di posti di lavoro maggiore di quello registrato tra il 2007 e il 2017, quando quasi 60mila posizioni furono eliminate in otto delle 10 principali banche d'investimento al mondo
iStock

L'automazione potrebbe portare alla perdita di 10mila posti di lavoro in Citi nei prossimi cinque anni. L'avvertimento è giunto da Jamie Forese, presidente della banca americana e responsabile del gruppo di clienti istituzionali.

Argentina: accordo con Fmi per aiuti da 50 miliardi di dollari

Piano in tre anni. Buenos Aires vuole accere alla prima tranche e trattare il resto del prestito come precauzione. In cambio, riduzione più rapida del deficit, autonomia banca centrale e target "realistici" inflazione

Il Fondo monetario internazionale è pronto a concedere all'Argentina fino a 50 miliardi di dollari di aiuti in tre anni. Un accordo tra l'istituzione di Washington e la nazione sudamericana è stato annunciato nella notte. Esso è giunto più rapidamente delle attese, che erano per un'intesa in arrivo entro sei settimane dall'8 maggio scorso, la data in cui il presidente argentino Mauricio Macri comunicò di avere chiesto sostegno al Fondo.

Trump e Kim a Singapore per il summit, cautela dagli Usa

Il presidente americano cerca di contenere le aspettative dell'incontro che potrebbe essere più simbolico che altro

Prima Kim Jong Un. Poi Donald Trump. Nel giro di qualche ora, il presidente nordcoreano e quello americano sono arrivati a Singapore per un summit potenzialmente storico. Sarà il primo incontro tra un leader nordcoreano e un presidente americano in carica, il primo tra  due leader di due nazioni che sono nemiche da quasi settanta anni.

Trump, linea dura sulla denuclearizzazione con Kim? I dubbi degli esperti

Il presidente Usa sembra aver abbandonato l'aggressività delle settimane scorse e l'idea di un risultato immediato con la Corea del Nord: "Il 12 giugno daremo inizio a un processo"

L'immediata denuclearizzazione della Corea del Nord è stata a lungo l'obiettivo dichiarato di Washington con Pyongyang. Ora, però, il presidente statunitense, Donald Trump, ha pubblicamente abbassato le sue pretese e ora molti esperti si chiedono quali saranno le richieste che presenterà al leader Kim Jong Un, nel tanto atteso incontro del 12 giugno a Singapore.

AT&T: giudice dà ok a merger con Time Warner, al via risiko dei media

Dura sconfitta per l'amministrazione Trump. Attesa l'offerta di Comcast sugli asset che 21st Century Fox ha promesso a Disney

AT&T e Time Warner possono convolare a nozze senza alcuna condizione. Un giudice federale ha dato il suo via libera a un merger da 80 miliardi di dollari, originariamente annunciato nell'ottobre 2016, spianando la strada a un risiko del settore dei media. Tra qualche ora Comcast - che controlla NBCUniversal - potrebbe lanciare la sua offerta in contanti per gli asset che 21st Century Fox ha già promesso a Walt Disney in un'operazione in azioni da 52,4 miliardi di dollari. Per l'amministrazione Trump, la decisione rappresenta un duro colpo: nel novembre 2017 la Giustizia Usa aveva bloccato il merger sostenendo che avrebbe leso i consumatori.

Trump stringe la mano a Kim: avremo una magnifica relazione

Un nuovo capitolo per i rapporti tra Stati Uniti e Corea del Nord

L'incontro tra Donald Trump e il leader della Corea del Nord, Kim Jong Un, si è aperto a Singapore con una stretta di mano e un colloquio bilaterale durato circa quaranta minuti. "Sono veramente felice, avremo un'ottima discussione e credo sarà un successo. Credo sarà veramente positivo e la nostra relazione sarà magnifica, non ho dubbi", ha detto il presidente americano. Kim ha risposto: "Non è stato facile arrivare fino a qui, ci sono stati ostacoli ma li abbiamo superati per essere qui".

Kim si impegna per la denuclearizzazione, Trump: "Solo dopo rimuoveremo le sanzioni"

Lo storico incontro si è concluso positivamente, ma gli interrogativi restano