Michelle Obama: l'America ha perso la speranza (dopo le elezioni)

Ultima intervista televisiva prima di lasciare la Casa Bianca. Secondo la moglie di Barack, gli Usa hanno bisogno di un adulto alla Casa Bianca

Altro che "Hope", uno degli slogan che - insieme a "Yes, we can" - permisero a Barack Obama di vincere le elezioni presidenziali del 2008. Otto anni dopo, e reduce da una campagna elettorale tanto improbabile quanto agguerrita, la first lady Michelle sostiene che l'America ha perso la speranza. Tutta colpa della vittoria shock alle elezioni dello scorso 8 dicembre del repubblicano Donald Trump, un uomo - insinua lei - che non è l'adulto giusto per state alla Casa Bianca.

Nella sua ultima intervista televisiva prima di lasciare la Casa Bianca, la moglie del 44esimo Commander in chief ha detto alla regina americana dei talk show Oprah Winfrey: "Ora stiamo sentendo cosa significa non avere speranza".

Per una donna che è stata protagonista dell'ultima campagna elettorale schierandosi dalla parte di un'altra donna, Hillary Clinton, nella speranza che potesse fare la storia colorando di rosa per la prima volta lo Studio Ovale, Michelle ha spiegato che "la speranza è necessaria. E' un concetto necessario", ha detto durante parti dell'intervista trasmesse durante "CBS This Morning".

Secondo lei, il marito "Barack non ha solo parlato di speranza perché pensava che fosse uno slog carino per ottenere voti. Lui, io e tanti altri crediamo che cos'altro abbiamo se non la speranza? Cosa dai ai tuoi figli se non puoi dare loro speranza?".

La madre di Sasha e Malia ha usato una metafora per dire che cos" come un bambino che sbatte la testa nel bordo di un tavolo guarda a mamma o papà per capire se si sono fatti male, cos" l'America "ha bisogno di un adulto nella Casa Bianca che in tempi di crisi e tensioni sappia dire" - proprio come un genitore che cerca di minimizzare l'accaduto - 'Hey, tutto è ok. Ricordiamo delle cose belle che abbiamo. Guardiamo al futuro e a tutte le cose che stiamo costruendo'". La first lady ha poi posto una domanda retorica: "Cosa facciamo se non abbiamo speranza, Oprah?".

Winfrey, una afroamericana come Michelle, aveva dato il suo endorsement a Barack nel 2007 ma non lo fece pubblicamente nel 2012. Quest'anno ha spinto gli elettori a votare per Clinton dicendo: "Non vi deve piacere...vi piace la democrazia o volete un demagogo?".

Altri Servizi

Gli Stati Uniti stanno valutando l'uscita dal Consiglio dei diritti umani dell’Onu

Lo riporta Politico citando fonti anonime secondo cui il segretario di Stato, Rex Tillerson, avrebbe espresso scetticismo sull’organo delle Nazioni Unite

L’amministrazione americana sta valutando se far uscire gli Stati Uniti dal Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, organo spesso accusato di avere un atteggiamento ostile nei confronti di Israele e allo stesso modo criticato per aver ammesso al suo interno governi ritenuti responsabili di diversi abusi. La notizia arriva da Politico che cita due fonti vicine ad attuali e ad ex funzionari americani.

Le cene di Trump: Sì a quella con Farage, no a quella con i corrispondenti della Casa Bianca

Il presidente americano incontra l’ex leader dell’Ukip nel suo hotel di Washington poche ore dopo l’annuncio su twitter della sua diserzione alla cena dei corrispondenti, evento che si tiene ogni anno a partire dal 1921

Per una cena che salta ce n’è una che spunta "misteriosamente" nella fitta agenda di Donald Trump. Nelle ultime ore infatti il presidente americano ha prima annunciato che non avrebbe presenziato alla cena annuale dei corrispondenti della stampa alla Casa Bianca, segnando così un’altra rottura con i media americani accusati di "fabbricare notizie false" e di essere "nemici del popolo". Poche ore dopo, invece, ha incontrato nel suo hotel di Washington - proprio a cena -  l'ex leader dell'Upik, il partito antieuropeo britannico, Nigel Farage. L’incontro in questione non era previsto tra gli impegni di Trump e nessuno della stampa al suo segutio era stato messo al corrente.

Trump pronto a incontrare Ceo assicurazioni mediche per abolire Obamacare

Il presidente vuole smantellare la riforma entrata in vigore nel 2010. Lunedì 27 febbraio vedrà i vertici di UnitedHealth, Aetna, Blue Cross and Blue Shield, Cigna e Humana

Dopo avere incontrato i leader del settore manifatturiero, finanziario, farmaceutico e retail, Donald Trump si prepara ad accogliere alla Casa Bianca i rappresentanti di gruppi assicurativi. Secondo fonti del Wall Street Journal, il meeting previsto lunedì 27 febbraio ha un obiettivo: incoraggiare quei gruppi a sottoscrivere le misure che il governo Trump sta mettendo a punto in tema di sanità. Perché l'intento è quello di smantellare la riforma sanitaria approvata nel 2010 e tanto voluta dall'allora presidente americano Barack Obama.

Trump, primo passo verso la costruzione del muro con il Messico

L'amministrazione ha pubblicato una richiesta preliminare per ricevere le proposte delle società interessate ai lavori. L'obiettivo è finire il muro nel 2020, con costi stimati che vanno dai 12 miliardi di Trump ai 38 miliardi della New America Foundation

L'amministrazione del presidente Donald Trump ha mosso il primo passo tangibile verso la costruzione del muro al confine tra gli Stati Uniti e il Messico. Lo U.S. Customs and Border Protection, agenzia federale responsabile del controllo delle frontiere e dell'immigrazione, ha pubblicato una richiesta preliminare per ricevere le proposte delle società interessate ai lavori.

Nell'eleggere il suo nuovo leader, il partito democratico sceglie la tradizione

Tom Perez, ex ministro del Lavoro di Obama, ha vinto contro Keith Ellison, il primo parlamentare musulmano, sostenitore di Sanders che avrebbe potuto spostare a sinistra il Dnc
AP

Travolto da una crisi esplosa la scorsa estate con un attacco hacker dalle rivelazioni imbarazzanti e culminata con l'amara sconfitta alle elezioni presidenziali di Hillary Clinton l'8 novembre 2016, il partito democratico americano prova a voltare pagina. Scegliendo la continuità e puntando su un nuovo leader che per la prima volta ha origini ispaniche. Si chiama Tom Perez, 55 anni, ex segretario al Lavoro durante la presidenza di Barack Obama. E' stato scelto nel corso di una riunione di 447 leader democratici giunti ad Atlanta da tutti gli Stati Uniti.

I miliardari nel mondo sono 2.473. Tra i dieci più ricchi, 9 americani e uno spagnolo

Dati elaborati da Wealth-X, secondo cui il numero e il patrimonio dei paperoni ha raggiunto livelli record. Bil Gates in testa seguito da Warren Buffett e da Amancio Ortega

I miliardari nel mondo sono 2.473 con un patrimonio complessivo di 7.700 miliardi di dollari. E' quanto emerge da una ricerca condotta da Wealth-X, secondo cui il loro patrimonio sarebbe inferiore soltanto alla capitalizzazione del New York Stock Exchange e, in termini di Pil, agli Usa e alla Cina. L'88,1% dei miliardari è rappresentato da uomini: le donne parte di questa categoria sono solo 294, l'11,9% del totale.

Nel Giorno dei presidenti, previste manifestazioni contro Trump

Originariamente, con il Presidents' Day si commemorava la nascita di George Washington; poi Nixon la trasformò nella festa di tutti i presidenti

È il terzo lunedì di febbraio, il giorno in cui gli Stati Uniti festeggiano il Presidents' Day, ovvero il Giorno dei presidenti. Donald Trump, il 45esimo presidente, ha naturalmente usato il suo mezzo preferito, Twitter, per augurare agli americani di passare una bella giornata, ribadendo poi il suo slogan elettorale: "Felice Giorno dei Presidenti. Make America Great Again!".

Donald Trump a ruota libera

La conferenza per l'annuncio del nuovo segretario del lavoro si trasforma in uno scontro tra il presidente e i media americani. Per Trump la stampa non racconta agli americani la reale situazione del paese, e scende in campo per difendere il suo operato

Doveva essere una semplice conferenza stampa per annunciare la nomina del prossimo segretario al lavoro - sarà Alexander Acosta, preside della Facoltà di legge della Florida International University - ma si è trasformata in un incontro-scontro con la stampa e i media americani durato oltre un'ora.

Trump vuole carceri private, retromarcia rispetto a Obama

Il predecessore del 45esimo presidente sosteneva che le prigioni private siano meno sicure ed efficaci di quelle gestite dal governo

Donald Trump smantella un altro pezzo delle misure volute dal suo predecessore Barack Obama, questa volta in tema di carceri. Il neo segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, ha inviato un memo che fa venire meno quanto indicato dal 44esimo presidente, sotto la cui guida lo scorso agosto era circolata una direttiva affinché non venissero rinnovati i contratti con gestori e proprietari privati di centri di detenzione. La decisione si era basata su un rapporto che sottolineava come le prigioni private siano meno sicure ed efficaci di quelle gestite dal governo.

Yahoo concede sconto di 350 milioni di dollari a Verizon per asset core

Prezzo scende dai 4,83 miliardi inizialmente previsti. Le società condivideranno oneri legali e regolamentari legate agli attacchi hacker subito dal gruppo tecnologico

Dopo le indiscrezioni circolate sui media americani è arrivata la conferma: Verizon Communications e Yahoo hanno trovato un accordo per rivedere i termini dell'intesa che porterà il colosso delle telecomunicazioni a comprare gli asset "core", quelli legati a internet, della società guidata da Marissa Mayer.