Netflix recluta gli ideatori di "Game of Thrones", Amazon e Disney battuti

David Benioff e Dan Weiss lasciano HBO per lavorare a film e serie TV in esclusiva per il gruppo di video in streaming

Netflix ha avuto la meglio su Amazon e Walt Disney reclutando i creatori di "Game of Thrones": David Benioff e Dan Weiss firmano un accordo pluriennale con il gruppo che offre un servizio di video in streaming. Lo ha annunciato in un tweet il gruppo.

Questo significa che i due autori lasceranno HBO per creare film e serie TV in esclusiva per Netflix. Il valore dell'accordo non è stato annunciato ma stando alla stampa americana è a nove cifre, come quelli siglati dal gruppo con Shonda Rhimes (la donna dietro ai successi di "Scandal", "Grey’s Anatomy" e "How to Get Away with Murder") e Ryan Murphy (produttore di varie serie famose come "Glee" e "American Horror Story").

Ted Sarandos, direttore dei contenuti di Netflix, ha spiegato al sito Deadline di essere "entusiasta di dare il benvenuto" a Benioff e Weiss. "Sono una forza creativa e hanno compiaciuto le audience in tutto il mondo con i loro racconti epici. Siamo impazienti di vedere cosa la loro immaginazione porterà ai nostri abbonati".

I due autori hanno aggiunto: "Abbiamo avuto un'esperianze bellisima con HBO per oltre un decennio (...) Netflix ha costruito qualcosa di sorprendente e senza precedenti e siamo onorati di unirci" al gruppo. 

Da gennaio il titolo Netflix è salito di quasi il 14% ma negli ultimi 12 mesi ha perso il 13,5%. Per un confronto, nel 2019 Amazon ha guadagnato il 19,4% ma negli ultimi 12 mesi ha ceduto quasi il 4%. Disney - reduce da una trimestrale deludente, condizionata da pesanti investimenti nello streaming - ha registrato un rialzo da gennaio e un aumento del 15,7% nell'ultimo anno.

Altri Servizi

Wall Street avanza dopo la trimestrale Ibm

Da Davos, Trump minaccia dazi sulle auto Ue senza accordo commerciale con Bruxelles
AP

Telefono Bezos hackerato, l'Onu chiede un'inchiesta sul principe ereditario saudita

 "Voleva influenzare la copertura mediatica dell'Arabia Saudita da parte del Washington Post"
AP

L'Arabia Saudita potrebbe aver hackerato il telefono di Jeff Bezos, fondatore di Amazon, per cercare di influenzare la copertura mediatica del regno da parte del Washington Post, quotidiano detenuto dallo stesso imprenditore statunitense. Lo sostengono le Nazioni Unite, che per questo hanno chiesto agli Stati Uniti l'apertura di un'indagine per verificare il "possibile coinvolgimento" del principe ereditario saudita Mohammed bin Salman.

Impeachment Trump, la difesa: "Processo incostituzionale"

Il team legale del presidente risponde alle accuse. Per i democratici, va rimosso perché rappresenta "una minaccia alla sicurezza nazionale"
Ap

I legali del presidente statunitense Donald Trump hanno respinto con decisione le accuse che hanno portato al suo impeachment, definendo il processo contro di lui "incostituzionale" e "un attacco alla libertà di voto degli americani". I democratici, invece, hanno chiesto al Senato di rimuovere la "minaccia alla sicurezza nazionale" che il presidente rappresenta. Nei primi documenti consegnati per il processo in Senato, emergono chiaramente le strategie e le opposte argomentazioni sul destino di Trump, anche in vista delle presidenziali di novembre.

Venezuela, Maduro: "Ho il pieno controllo, pronto a negoziare con gli Usa"

Il presidente ha rilasciato una lunga intervista al Washington Post: "Sapevo tutto della cospirazione, ma volevo vedere quanti fossero i rivoltosi". L'ex capo dell'intelligence: "Falso, non sapeva nulla"
AP

Il presidente venezuelano, Nicolas Maduro, ha detto di avere il totale controllo del Paese ed è pronto a tenere negoziati diretti con gli Stati Uniti. In una lunga intervista con il Washington Post, la prima con un importante quotidiano statunitense dallo scoppio della crisi, lo scorso febbraio, Maduro si è definito uno "scaltro sopravvissuto" del tentativo di rovesciarlo compiuto dall'opposizione con il sostegno degli statunitensi.

Dibattiti Dem, si cambia: l'Iowa decisivo per la partecipazione dei candidati 'minori'

Oltre ai soliti sei (Biden, Warren, Sanders, Buttigieg, Klobuchar, Steyer), potrà qualificarsi al prossimo confronto chi otterrà almeno un delegato ai caucus che apriranno la corsa alla nomination

I candidati alle primarie democratiche che otterranno un delegato ai caucus dell'Iowa del 3 febbraio potranno partecipare al dibattito in New Hampshire del 7, in previsione delle primarie nel Granite State. È questa la novità decisa dai vertici del partito democratico per dare una possibilità ai candidati meno visibili, penalizzati dalle regole più severe per la qualificazione all'ultimo dibattito che avevano permesso solo a sei candidati di salire sul palco.

Gli Usa celebrano Martin Luther King

È l'unico cittadino statunitense cui sia stata dedicata una giornata di festa nazionale

Nel 1965, le marce da Selma a Montgomery, in Alabama, furono un momento fondamentale della rivolta per i diritti civili negli Stati Uniti; diritti per cui, secondo associazioni e comunità afroamericane, è ancora necessario combattere. Per questo, ancora oggi è fondamentale celebrare Martin Luther King, il leader della lotta per l'uguaglianza razziale, premiato nel 1964, a soli 35 anni, con il Nobel per la Pace, e ucciso il 4 aprile 1968 a Memphis con un colpo di fucile alla testa.

Wall Street, l'attenzione resta sui rapporti Usa-Cina

Il presidente Trump ha ribadito che la 'fase due' dei negoziati comincerà molto presto
AP

Mnuchin avverte l'Italia: dazi Usa se applicherete la digital tax

Il segretario al Tesoro Usa intervistato dal Wall Street Journal: "Cercheremo una soluzione, come con la Francia"

Italia e Regno Unito saranno colpite dai dazi statunitensi, se decideranno di andare avanti con l'imposizione di un'imposta sulle società digitali, che colpirebbe aziende come Alphabet (Google) e Facebook. Lo ha detto il segretario al Tesoro statunitense, Steven Mnuchin, intervistato dal Wall Street Journal durante il World Economic Forum in corso a Davos, in Svizzera.

Wall Street, preoccupa il coronavirus

Si teme l'emergenza sanitaria mondiale
AP

Ambiente, Trump cancella norma di Obama a difesa dei fiumi

 Accontentati agricoltori e costruttori

L'amministrazione Trump ha messo a punto una norma che eliminerà le protezioni ambientali per corsi d'acqua, paludi e altri corpi idrici, consegnando un'importante vittoria ad agricoltori, produttori di combustibili fossili e grandi costruttori, contrari alle regole imposte dalla presidenza Obama. Dal primo giorno alla Casa Bianca, scrive il New York Times, il presidente Donald Trump diceva di voler abrogare il "Waters of the United States" di Obama, inviso ai proprietari terrieri rurali. La nuova norma, che entrerà in vigore nelle prossime settimane, è solo l'ultimo passo compiuto dall'amministrazione attuale per eliminare o indebolire le leggi o i regolamenti a difesa dell'ambiente voluti da Obama, un pacchetto di regole "orribile", "distruttivo", "uno dei peggiori esempi dell'eccessivo intervento federale", secondo Trump.