Papa Francesco alle compagnie petrolifere: "Il mondo deve convertirsi all'energia pulita"

Incontro in Vaticano con i manager di alcuni colossi del settore, tra cui la statunitense Exxon, spesso criticata dagli ambientalisti. Il pontefice: "Rispettate l'accordo di Parigi"

Il mondo deve convertirsi all'energia pulita. È l'appello lanciato da papa Francesco in Vaticano, alla fine di una conferenza di due giorni a cui hanno partecipato i manager dei principali gruppi petroliferi. "La civiltà richiede energia, ma l'uso di energia non deve distruggere la civiltà", è stato il suo messaggio, sottolineando la necessità di rispettare l'ambiente e le condizioni di vita delle persone.

“Non c’è tempo da perdere”, perché nonostante “196 nazioni abbiano negoziato e adottato l’Accordo di Parigi con la ferma intenzione di limitare la crescita del riscaldamento globale sotto i 2°C rispetto ai livelli pre-industriali e, se possibile, sotto 1,5°C”, due anni e mezzo dopo la firma dello stesso Accordo “le emissioni di CO2 e le concentrazioni atmosferiche dovute ai gas-serra sono sempre molto alte”. “Questo – incalza – è piuttosto inquietante e preoccupante”. Ha poi espresso preoccupazione per “le continue esplorazioni per nuove riserve di combustibile fossile, allorquando l’Accordo di Parigi consiglia chiaramente di mantenere nel sottosuolo la maggior parte del carburante fossile”. Ecco perché “c’è bisogno di discutere insieme – industriali, investitori, ricercatori e utenti – riguardo alla transizione e alla ricerca di alternative".

Il pontefice ha parlato di una sfida, quella "di riuscire a garantire l'enorme quantità di energia necessaria per tutti con modalità di sfruttamento delle risorse che evitino di produrre squilibri ambientali tali da causare un processo di degrado e inquinamento, da cui l'intera umanità di oggi e di domani resterebbe gravemente ferita". "Occorre individuare una strategia globale di lungo termine, che offra sicurezza energetica e favorisca in tal modo la stabilità economica, protegga la salute e l'ambiente e promuova lo sviluppo umano integrale, stabilendo impegni precisi per affrontare il problema dei cambiamenti climatici". In questo quadro, "è importante che con serietà d'impegno si proceda verso una transizione che faccia costantemente crescere l'impiego di energie ad alta efficienza e a basso tasso di inquinamento. Si tratta di una sfida epocale, ma anche di una grande opportunità".

"Le compagnie petrolifere e del gas stanno sviluppando approcci più approfonditi per valutare il rischio climatico e modificare di conseguenza i loro piani imprenditoriali. Questo è degno di lode. Gli investitori globali stanno rivedendo le loro strategie d'investimento per tenere conto delle considerazioni di natura ambientale. Iniziano a emergere nuovi approcci alla 'finanza verde'. Certamente si sono fatti dei progressi. Ma è sufficiente? Abbiamo svoltato in tempo? Nessuno può rispondere con certezza a questa domanda, ma ogni mese che passa la sfida della transizione energetica diventa sempre più pressante' ha detto papa Francesco.

Tra i gruppi presenti in Vaticano c'era anche Exxon Mobil, da sempre criticata dagli ambientalisti, che si propone come "parte della soluzione" al cambiamento climatico. Sotto la guida del suo amministratore delegato Darren Woods, il colosso statunitense si è impegnato a ridurre del 15% le emissioni di metano entro il 2020.


Altri Servizi

Nia Franklin, prima Miss America senza sfilata in bikini

Afroamericana, 24 anni, cantante d'opera. La rivoluzione al concorso decisa dopo uno scandalo interno e la nascita del movimento #MeToo contro le violenze sulle donne
Ap

Nia Imani Franklin è la prima Miss America a essere stata incoronata senza aver dovuto indossare un costume da bagno. La ragazza afroamericana, 24 anni, che ha partecipato alla competizione ad Atlantic City come Miss New York, ha detto in conferenza stampa di essere contenta di non aver dovuto indossare un costume da bagno e di apprezzare il cambiamento deciso per il concorso, nato 97 anni fa.

Popolazione Usa nata all'estero a livelli record dal 1910

Primato in termini percentuali: ora è il 13,7%; negli ultimi anni, in forte aumento l'arrivo di asiatici, dopo decenni di grandi flussi migratori dall'America Latina; cento anni fa, invece, arrivavano soprattutto europei (tanti italiani)
AP

La popolazione statunitense nata all'estero ha raggiunto il suo massimo livello percentuale dal 1910, secondo i dati governativi resi pubblici oggi. Rispetto al recente passato, le persone vengono di più dall'Asia e hanno una laurea. La popolazione nata all'estero, nel 2017, era il 13,7%, ovvero 44,5 milioni di persone, contro il 13,5% del 2016.

Bannon difende Salvini e Orbán: si stanno riprendendo la sovranità dei loro Paesi

L'ex stratega di ultra destra di Donald Trump: cercano di rendere migliori le loro nazioni

Stanno cercando di "riprendersi la sovranità dei loro Paesi". Per questo vanno lodati. Steve Bannon, l'ex stratega di ultra destra del presidente americano, Donald Trump, difende Matteo Salvini e Viktor Orbán, due uomini accumunati da una politica durissima in tema di migrazione. 

Trump "probabilmente" annucia domani dazi per 200 miliardi di dollari contro la Cina

Sarebbero del 10% anziché del 25% ma potrebbero aumentare a seconda di come andranno le trattative con Pechino. Il vicepremier cinese a Washington il 27 e 28 settembre
Ap

Già lunedì il presidente americano, Donald Trump, dovrebbe annunciare nuovi dazi contro importazioni cinesi aventi un valore annuo di 200 miliardi di dollari. Anche il Wall Street Journal e poi Reuters confermano dunque le indiscrezioni di Bloomberg che venerdì 14 settembre avevano fatto invertire rotta agli indici americani.

Florence: almeno 11 morti e un milione di persone senza elettricità

Trump firma dichiarazione di disastro in North Carolina; visiterà le zone colpite la settimana prossima. Atteso fino a un metro di precipitazioni
ap

Aveva toccato terra alle 7:15 (ora locale, le 13:15 in Italia) di venerdì vicino a Wrightsville Beach, in North Carolina, negli Stati Uniti, colpendo lo Stato con piogge e venti forti. Dopo una decina di ore, l'uragano Florence era diventato una tempesta tropicale ancora devastante che di sabato mattina si è mossa "lentamente" nella parte orientale del South Carolina provocando "allagamenti catastrofici" in tutti e due gli Stati con piogge fino a un metro.

Le piogge torrenziali di Florence inondano le Caroline

L'uragano si è indebolito a depressione tropicale ma le precipitazioni non si fermano. Raggiunti fino a 80 cm di pioggia. Strade impraticabili. Rischio frane. Almeno 13 morti
AP

Prima uragano. Poi tempesta tropicale. Ora depressione tropicale. Florence, che ha toccato terra venerdì scorso in North Carolina, ha cambiato status ma non per questa è meno devastante. Almeno 13 sono le morti associate a questo disastro naturale che sta versando piogge senza precedenti, spingendo i livelli dei fiumi a nuovi massimi e che, arrivato ieri in South Carolina, si spinge ora verso la parte sudoccidentale della Virginia. Agli allagamenti si teme il rischio di frane mortali. Come se non bastasse in North e South Carolina potrebbero arrivare questa notte dei tornado.

Trump invierà un sms a tutti i cellulari d'America, test per una "allerta presidenziale"

Il 20 settembre alle 20.18 italiane tutti i cellulari statunitensi riceveranno un messaggio. L'intento: testare un sistema da usare in caso di emergenze nazionali

Giovedì 20 settembre l'amministrazione americana invierà un sms a tutti i cellulari degli Stati Uniti. L'obiettivo: testare un sistema di allerta mai usato e pensato per mettere in guardia la popolazione in merito a emergenze nazionali.

Russiagate: cosa Mueller vuole capire con l'aiuto di Manafort

L'ex direttore della campagna Trump pronto a collaborare con il procuratore speciale

Non è chiaro se Paul Manafort sia in possesso di informazioni potenzialmente dannose per Donald Trump, ma il suo mea culpa e l'impegno a collaborare "pienamente" con gli inquirenti danno al procuratore speciale Robert Mueller un'ottima occasione per fargli domande chiave nell'ambito del Russiagate, l'inchiesta sulla presunta interferenza di Mosca nelle elezioni del 2016 e sulla potenziale collusione tra la campagna Trump e il Cremlino.

L'uragano Florence sarà "devastante". Trump a chi si trova nelle Caroline, "andatevene"

I governatori chiedono alla popolazione di fuggire, ma non tutti lo faranno. La tempesta arriverà sulla costa giovedì notte
Ap

Il presidente americano, Donald Trump, e il leader della protezione civile americana hanno lanciato dalla Casa Bianca un messaggio alle persone, oltre un milione, a cui è stato ordinato di lasciare il North e il South Carolina in vista dell'arrivo dell'uragano Florence, atteso giovedì notte: "Andatevene, se ve lo hanno chiesto" perché sarà un evento "devastante". Molti, però, sceglieranno di restare, scrive Usa Today, che ricorda che solo tre Stati, ovvero California, New York e North Carolina, hanno delle leggi sull'evacuazione obbligatoria, con multe fino a mille dollari e una pena carceraria fino a 6 mesi.

Snapchat dice addio a un altro top manager, nuovi minimi storici per il titolo

Imran Khan, da quasi 4 anni direttore strategia del gruppo, dovrebbe lanciare un'azienda propria

Snapchat dice addio a un altro dei manager più vicini al Ceo Evan Spiegel in una fase in cui il titolo della controllante della app viaggia su minimi storici.