Taylor Swift contro "l'autocrazia" dell'America di Trump

Intervista della cantante americana al Guardian

Per anni ha evitato di esprimere il suo orientamento politico. Ma dopo il silenzio durante la campagna elettorale del 2016 che ha portato Donald Trump alla Casa Bianca, Taylor Swift ha rotto il silenzio. Dicendo che avrebbe sostenuto Hillary Clinton. E che secondo lei, Trump crede che gli Stati Uniti siano una "autocrazia".

In una intervista al quotidiano britannico Guardian, la cantante ha detto: "Le cose che ti succedono nella vita sono quelle che sviluppano le tue opinioni politiche. Stavo vivendo nel paradiso degli otto anni di Obama, in cui vai, voti, la persona per la quale hai votato vince e tutti sono felici. Gli ultimi tre anni hanno preso alla sprovvista tutti, inclusa me stessa".

Swift ha giustificato il suo silenzio in ambito politico dicendo al Guardian che la sua carriera era iniziata nella musica country e che le era stato consigliato di non esprimersi. Poi qualcosa è cambiato dopo avere denunciato un DJ accusandolo di molestie sessuali (lei ha vinto la causa nel 2017). E nel 2018 ha rotto il ghiaccio quando è venuta allo scoperto dando il suo sostegno a due candidati democratici in Tennessee (lo stato in cui si sta cercando di impedire l'aborto). "Sono a favore della scelta. Non posso credere che questo sia succedendo", ha detto in riferimento allo stato natale.

Ora Swift non nasconde come la pensa. Dopo avere lanciato l'album "Lover" - che include una canzone sui diritti della comunità LGBT - l'artista ha lanciato una petizione contro le discriminazioni di genere sul posto di lavoro. E in vista delle elezioni americane del novembre del 2020, Swift è pronta a fare il possibile per impedire la rielezione di Trump.

"Non posso credere che siamo arrivati a questo punto. E' scioccante e orrendo. Voglio fare quello che posso per il 2020. Voglio capire come aiutare, quali sono i modi più efficaci per farlo", ha detto al Guardian.

Altri Servizi

Wall Street attende le decisioni della Fed

Oggi inizia la riunione del Fomc, che domani comunicherà le sue decisioni sul taglio dei tassi
AP

Wall Street, indici vicini ai record

Allentamento tensioni Usa-Cina e stimoli Bce spingono i mercati
AP

Disney e Apple rivali sullo streaming, Iger lascia il board di Cupertino

A novembre, le due società lanceranno i rispettivi cataloghi, creando un possibile conflitto d'interesse per il Ceo dell'azienda di intrattenimento
Ap

L'amministratore delegato di Walt Disney Co., Robert Iger, si è dimesso dal Board of Directors di Apple. Lo ha reso noto la società di Cupertino, recidendo il legame tra le due aziende, che si preparano a lanciare i propri servizi di video-streming. Iger, che guida Disney dal 2005 e faceva parte del board di Apple dal 2012, aveva un rapporto stretto con il fondatore di Apple, Steve Jobs, nato nel 2006 con la vendita di Pixar Animation Studios, di cui Jobs era presidente, alla Disney.

Ex funzionari Usa: spionaggio israeliano contro Trump

Lo scrive Politico. Non ci sarebbero state conseguenze per l'alleato
Ap

Israele avrebbe piazzato dei dispositivi vicino alla Casa Bianca e in altri luoghi sensibili di Washington per spiare l'amministrazione Trump, secondo tre ex funzionari statunitensi a conoscenza della questione, che hanno parlato con Politico. Negli ultimi due anni, il governo statunitense è arrivato alla conclusione che Israele sarebbe il probabile autore del posizionamento di diversi dispositivi di sorveglianza delle comunicazioni telefoniche, ma al contrario di quanto avvenuto in altri casi di spionaggio scoperti su suolo statunitense, l'amministrazione Trump non ha attaccato quella israeliana e non ci sono state conseguenze per l'alleato, secondo una delle fonti. 

Mondiali di basket, peggior risultato di sempre per gli Usa. Ma Popovich difende la squadra

Il coach contro l'arroganza in patria, dopo il settimo posto ai campionati iridati: "Qualcuno pensa che dovremmo vergognarci, ma non è scritto nella pietra che gli Usa debbano vincere"
Ap

Gli Stati Uniti hanno chiuso i Mondiali di basket al settimo posto, battendo la Polonia 87-74. Guai, però, a parlare di spedizione cinese fallimentare - come fatto da tutti i media statunitensi, e non solo - secondo l'allenatore Gregg Popovich. "Qualcuno pensa che dovremmo vergognarci perché non abbiamo vinto la medaglia d'oro. Questo è un atteggiamento ridicolo, immaturo, arrogante, che mostra mancanza di rispetto per le altre squadre e per questi ragazzi, che hanno dato il massimo". Gli Stati Uniti hanno perso nei quarti di finale contro la Francia (89-79), perdendo poi (94-89) contro la Serbia - altra delusa del Mondiale in Cina - nella partita per l'accesso alla finale per il quinto posto.  "Ci sono molte grandi squadre al mondo. Non è scritto nella pietra che gli Stati Uniti debbano vincere" ha aggiunto Popovich, l'allenatore con più partite vinte nella storia della Nba, il massimo campionato professionistico nordamericano. 

Trump: "Hamza bin Laden ucciso in un'operazione Usa"

Il presidente conferma la morte del figlio ed erede del leader di al Qaida e il coinvolgimento statunitense
Ap

Hamza bin Laden, come il padre Osama, è stato ucciso dagli Stati Uniti. A confermare la notizia della sua morte e del coinvolgimento statunitense è stato il presidente Donald Trump. "Hamza Bin Laden, alto responsabile di al Qaida e figlio di Osama Bin Laden, è stato ucciso in un'operazione antiterrorismo compiuta dagli Stati Uniti nella regione dell'Afghanistan/Pakistan" ha dichiarato il presidente, in un comunicato.

Wall Street, pesano le tensioni in Medio Oriente

L'aumento del prezzo del petrolio, dopo gli attacchi contro gli impianti sauditi, fa temere il rallentamento dell'economia mondiale
AP

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino ha sospeso i dazi su 16 categorie di prodotti
AP

La Cina sospende i dazi su 16 categorie di prodotti, ma non quelli sui semi di soia

Segnale di distensione in vista dei negoziati, ma i prodotti più importanti restano tassati

La Cina ha annunciato la sospensione per un anno, dal 17 settembre, i dazi su 16 categorie di prodotti importati dagli Stati Uniti in vista della ripresa delle trattative commerciali tra i due Paesi, in programma per l'inizio di ottobre. Lo ha reso noto il ministero delle Finanze cinese. Tra i prodotti esentati ci sono farmaci anti-cancro e prodotti chimici, mentre restano in vigore i dazi sui prodotti agricoli come i semi di soia, che hanno maggiormente danneggiato gli Stati Uniti. In tutto, sono oltre 5.000 le categorie di prodotti soggette ai dazi aggiuntivi cinesi, frutto della guerra commerciale in atto da oltre un anno. Pechino, secondo il South China Morning Post, avrebbe offerto agli Stati Uniti di aumentare gli acquisti di prodotti agricoli Usa in cambio di un rinvio dei nuovi dazi statunitensi e di un allentamento dei divieti su Huawei, inserita nella 'black list' delle società con cui le aziende americane non posso fare affari.