Trump firma un nuovo permesso per la costruzione dell'oleodotto Keystone XL

Tra proteste, revisioni, blocchi, approvazioni e sentenze giudiziarie, il progetto è fermo da oltre un decennio. Per gli ambientalisti, il presidente attenta alla Costituzione

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha firmato un permesso presidenziale per autorizzare la costruzione dell'oleodotto Keystone XL, che collegherebbe Canada e Stati Uniti, due anni dopo aver approvato il progetto, che era invece stato bocciato dal predecessore Barack Obama. Il controverso progetto, che ha scatenato le proteste di ambientalisti e popolazioni locali, è stato proposto oltre un decennio fa per trasportare il petrolio estratto dalle sabbie bituminose dell'Alberta, in Canada, fino al Golfo del Messico.

Il permesso sostituisce quello concesso nel marzo 2017 e dovrebbe consentire alla TransCanada Corporation di cominciare a costruire l'oleodotto in Montana. Proprio in Montana, il giudice federale Brian Morris - nominato da Barack Obama - ha sentenziato, nel novembre 2018, che l'amministrazione Trump non ha valutato tutti i possibili impatti ambientali dell'opera, come necessario per legge, e, per questo, ha chiesto nuove verifiche.

Un portavoce della Casa Bianca ha spiegato, scrive la Associated Press, che il nuovo permesso "dissipa qualsiasi incertezza" sul progetto. "Nello specifico, questo permesso rinforza, come avrebbe già dovuto essere chiaro, il fatto che il permesso presidenziale è un esercizio dell'autorità presidenziale che non è soggetta alla revisione giudiziaria secondo l'Administrative Procedure Act"; il permesso presidenziale è necessario perché l'oleodotto varca il confine statunitense.

Un avvocato di un gruppo di ambientalisti che ha fatto causa all'amministrazione Trump sostiene l'illegalità dell'azione del presidente. Per questo, il loro prossimo passo sarà quello di chiedere un ordine del tribunale per impedire alla TransCanada di far partire i lavori. Per l'avvocato Stephan Volker, "il presidente Trump ha lanciato un attacco diretto al nostro sistema e il suo tentativo di rovesciare il nostro sistema di 'checks and balances' non è altro che un attacco alla nostra Costituzione".

Il Keystone XL, proposto per la prima volta nel 2008 sotto l'amministrazione di George W. Bush, è un'estensione (Fase 4) del sistema Keystone - già in funzione - voluta per portare 830.000 barili di petrolio al giorno dall'Alberta, in Canada, a Steele City, in Nebraska, a circa 1.900 chilometri di distanza, dove si collegherebbe agli esistenti oleodotti che trasportano il petrolio alle raffinerie del golfo del Messico. Il percorso proposto, negli Stati Uniti, attraverserebbe anche Montana e South Dakota.

Dopo anni di studi e revisioni, Barack Obama bocciò il progetto nel 2015, dopo averlo inizialmente approvato. Trump ha ribaltato la decisione subito dopo l'inizio del suo mandato, nel 2017, perché il progetto da 8 miliardi di dollari darebbe una grossa spinta all'occupazione e allo sviluppo del settore energetico. Poi, la decisione del giudice del Montana e, ora, questo nuovo permesso presidenziale.

Altri Servizi

Usa, effetto coronavirus: 10 milioni di disoccupati in due settimane

La scorsa settimana, 6,6 milioni di nuove richieste di sussidi di disoccupazione, il doppio della settimana precedente
Ap

Il numero dei lavoratori che per la prima volta hanno fatto richiesta, la scorsa settimana, per ricevere i sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti ha registrato un aumento record, perché ha fortemente subito gli effetti della pandemia di coronavirus. Secondo quanto riportato dal dipartimento del Lavoro, le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione sono aumentate di 3,341 milioni a 6,648 milioni di unità; gli analisti attendevano un dato in rialzo di 3,1 milioni. 

Wall Street, resta l'agitazione per coronavirus e petrolio

Dati in programma: indice dei prezzi e fiducia dei consumatori
AP

Coronavirus, oltre 2mila morti negli Stati Uniti. Trump rinuncia alla quarantena per New York

Il presidente americano impone delle limitazioni per provare a contenere i contagi dopo che negli Usa sono più di 120mila i casi
White House /Shealah Craighead

Donald Trump torna sui suoi passi e abbandona l’idea di mettere in quarantena gli stati di New York, New Jersey e Connecticut dopo che nelle ultime ore quest’idea, da lui stesso paventata, aveva riscosso non poche critiche. È lo stesso presidente americano a darne notizia su Twitter: "Su raccomandazione della Task Force Coronavirus della Casa Bianca e dopo essermi consultato con i governatori di New York, New Jersey e Connecticut, ho chiesto di limitare rigorosamente gli spostamenti nell'area, sotto il controllo degli stessi governatori, in consultazione con il Governo federale. Ma non sarà necessaria una quarantena", ha spiegato il tycoon.

Cuomo: "Coronavirus sottovalutato". Nello Stato di New York, 75.795 casi e 1.550 morti

I positivi aumentati del 14% in un giorno, i morti del 27,2%
iStock

Il governatore dello Stato di New York, Andrew Cuomo, ha dichiarato che il coronavirus "è più pericoloso" di quanto atteso; nell'ultima giornata, i casi sono aumentati del 14% a 75.795 e i morti sono aumentati del 27,2% da 1.218 a 1.550. "Abbiamo sottovalutato questo virus, è più potente e pericoloso di quanto pensassimo". "Tutti vogliono sapere una cosa: 'Quando finirà?'. Nessuno lo sa, ma posso dire che non sarà presto. Quindi ricalibrate voi stessi e le vostre aspettativ, cos" da non essere delusi ogni mattina, quando vi svegliate".

Wall Street, verso un'altra settimana volatile

Il presidente Trump 'rinuncia' a far ripartire gli Stati Uniti entro Pasqua
AP

Wall Street riparte dopo il primo trimestre peggiore della sua storia

Oggi atteso il dato sull'occupazione nel settore privato
AP

Coronavirus, in California raddoppia in un giorno il numero di pazienti in terapia intensiva

Sono passati da 200 a 410 in meno di 24 ore, lo ha annunciato il governatore Gavin Newsom
Wikipedia

Il numero di pazienti affetti da coronavirus ricoverati in terapia intensiva in California è raddoppiato in meno di 24 ore, passando dai 200 di venerdì a 410 di sabato. A darne notizia è il governatore californiano Gavin Newsom che ha spiegato che anche il numero di pazienti ospedalizzati, risultati positivi al coronavirus, è aumentato del 38,6%, passando dai 746 di venerdì ai 1.034 di sabato.

Wall Street, attenzione alle richieste di disoccupazione

In programma anche il deficit della bilancia commerciale
AP

Coronavirus, Pence: "Situazione Usa comparabile a quella dell'Italia"

Il vicepresidente Usa: "Il futuro è nelle nostre mani". I casi negli Stati Uniti sono 189.633, i morti 4.081

Trump allenta gli standard ambientali per le auto

Le nuove norme, che cancellano le misure volute da Obama, saranno subito portate in tribunale da Stati e gruppi ambientalisti