Trump firma un nuovo permesso per la costruzione dell'oleodotto Keystone XL

Tra proteste, revisioni, blocchi, approvazioni e sentenze giudiziarie, il progetto è fermo da oltre un decennio. Per gli ambientalisti, il presidente attenta alla Costituzione

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha firmato un permesso presidenziale per autorizzare la costruzione dell'oleodotto Keystone XL, che collegherebbe Canada e Stati Uniti, due anni dopo aver approvato il progetto, che era invece stato bocciato dal predecessore Barack Obama. Il controverso progetto, che ha scatenato le proteste di ambientalisti e popolazioni locali, è stato proposto oltre un decennio fa per trasportare il petrolio estratto dalle sabbie bituminose dell'Alberta, in Canada, fino al Golfo del Messico.

Il permesso sostituisce quello concesso nel marzo 2017 e dovrebbe consentire alla TransCanada Corporation di cominciare a costruire l'oleodotto in Montana. Proprio in Montana, il giudice federale Brian Morris - nominato da Barack Obama - ha sentenziato, nel novembre 2018, che l'amministrazione Trump non ha valutato tutti i possibili impatti ambientali dell'opera, come necessario per legge, e, per questo, ha chiesto nuove verifiche.

Un portavoce della Casa Bianca ha spiegato, scrive la Associated Press, che il nuovo permesso "dissipa qualsiasi incertezza" sul progetto. "Nello specifico, questo permesso rinforza, come avrebbe già dovuto essere chiaro, il fatto che il permesso presidenziale è un esercizio dell'autorità presidenziale che non è soggetta alla revisione giudiziaria secondo l'Administrative Procedure Act"; il permesso presidenziale è necessario perché l'oleodotto varca il confine statunitense.

Un avvocato di un gruppo di ambientalisti che ha fatto causa all'amministrazione Trump sostiene l'illegalità dell'azione del presidente. Per questo, il loro prossimo passo sarà quello di chiedere un ordine del tribunale per impedire alla TransCanada di far partire i lavori. Per l'avvocato Stephan Volker, "il presidente Trump ha lanciato un attacco diretto al nostro sistema e il suo tentativo di rovesciare il nostro sistema di 'checks and balances' non è altro che un attacco alla nostra Costituzione".

Il Keystone XL, proposto per la prima volta nel 2008 sotto l'amministrazione di George W. Bush, è un'estensione (Fase 4) del sistema Keystone - già in funzione - voluta per portare 830.000 barili di petrolio al giorno dall'Alberta, in Canada, a Steele City, in Nebraska, a circa 1.900 chilometri di distanza, dove si collegherebbe agli esistenti oleodotti che trasportano il petrolio alle raffinerie del golfo del Messico. Il percorso proposto, negli Stati Uniti, attraverserebbe anche Montana e South Dakota.

Dopo anni di studi e revisioni, Barack Obama bocciò il progetto nel 2015, dopo averlo inizialmente approvato. Trump ha ribaltato la decisione subito dopo l'inizio del suo mandato, nel 2017, perché il progetto da 8 miliardi di dollari darebbe una grossa spinta all'occupazione e allo sviluppo del settore energetico. Poi, la decisione del giudice del Montana e, ora, questo nuovo permesso presidenziale.

Altri Servizi

Wall Street attende le trimestrali delle banche

Si attende anche la firma sulla 'fase uno' dell'accordo commerciale tra Usa e Cina
AP

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

C'è meno preoccupazione per la situazione in Medio Oriente
AP

Amazon in tribunale per bloccare il progetto Microsoft-Pentagono

Bezos ha perso un contratto da 10 miliardi di dollari con il Pentagono e accusa Trump

Amazon ha deciso di chiedere a un tribunale federale di impedire temporaneamente a Microsoft di lavorare al progetto per cui ha ottenuto un contratto da 10 miliardi di dollari dal dipartimento della Difesa statunitense. Microsoft dovrebbe cominciare a lavorare al progetto l'11 febbraio, ma Amazon sta cercando di ottenere un'ingiunzione preliminare per impedirglielo.

Usa 2020: stasera il dibattito Dem, il 3 febbraio si vota in Iowa

Ultimo confronto tra i candidati prima dell'inizio della. corsa verso la nomination
AP

Va in scena il settimo dibattito tra i candidati alla nomination democratica per le presidenziali statunitensi, l'ultimo prima dell'inizio delle primarie, previsto tra tre settimane. Sarà il dibattito con il minor numero di partecipanti, frutto dei requisiti più severi per la qualificazione e di un campo di pretendenti che, pian piano, si sta assottigliando.

Usa-Iran, secondo il Nyt gli americani pianificavano di uccidere Soleimani da 18 mesi

Un lungo reportage del quotidiano spiega l’escalation dei "sette giorni più pericolosi" dell’amministrazione Trump e i retroscena che hanno evitato una possibile guerra
Ap

Negli ultimi giorni Trump ha più volte ribadito che l’operazione che ha portato il 3 gennaio scorso all’uccisione di Qassem Soleimani è stata frutto di una decisione "dell'ultimo minuto", giustificata dal fatto che il generale iraniano delle Forze Quds dei Pasdaran stesse progettando un attacco "imminente" di sostanziale portata contro le forze americane.

Usa2020, Bloomberg: "Spenderò un miliardo per battere Trump"

Il candidato pronto a impegnarsi anche se non otterrà la nomination democratica
iStock

L’ex sindaco di New York e candidato alla nomination democratica, Michael Bloomberg, è pronto a spendere un miliardo di dollari per battere Donald Trump. È stato lui stesso a dichiararlo in un’intervista al New York Times nella quale si è detto disponibile a impegnarsi finanziariamente a sostenere uno dei suoi rivali, Bernie Sanders o Elizabeth Warren, nell’ipotesi in cui non dovesse essere lui il candidato dei Dem.

Wall Street, il focus torna sulla Cina

Archiviate, al momento, le preoccupazioni per gli sviluppi iraniani, gli investitori tornano a guardare al negoziato commerciale tra Washington e Pechino
AP

Trump autorizzò l'uccisione di Soleimani 7 mesi fa

Il presidente contro Dem e media: "Fatto quello che andava fatto da 20 anni. Ma vogliono farlo passare per un ragazzo magnifico"
Ap

Il presidente statunitense, Donald Trump, avrebbe autorizzato l'assassinio del generale iraniano Qassem Soleimani sette mesi fa. Lo riporta la Nbc, citando attuali ed ex funzionari dell'amministrazione. A giugno, Trump avrebbe firmato una direttiva presidenziale, fornendo l'autorizzazione per l'operazione in caso di azioni aggressive iraniane, che prevedeva comunque l'assenso finale del presidente prima di qualsiasi operazione specifica per uccidere Soleimani

Trump torna sulle orme dei predecessori: sì al dialogo costante con la Cina

Non solo l'accordo commerciale: i due Paesi annunceranno l'organizzazione di incontri semestrali per costruire rapporti più solidi. Nel 2009, il dialogo tra Washington e Pechino evitò agli Usa una crisi economica più profonda
Ap

Stati Uniti e Cina hanno deciso di organizzare dei colloqui semestrali per promuovere riforme economiche e risolvere le dispute commerciali. Lo scrive il Wall Street Journal, ricordando che si tratta di una formula usata dalle passate amministrazioni statunitensi, che era stata criticata e abbandonata dall'amministrazione Trump.

Iran, Trump: "Non vogliamo usare la forza militare, imporremo nuove sanzioni"

Appello agli altri firmatari dell'intesa del 2015: "Serve un nuovo accordo nucleare con Teheran". E chiede alla Nato un maggior coinvolgimento in Medio Oriente
Ap

Gli Stati Uniti faranno ricorso a nuove sanzioni contro l'Iran, ma non all'uso della forza militare, se non ci saranno nuovi attacchi. È quanto emerge dal discorso del presidente statunitense, Donald Trump, che ha parlato dalla Casa Bianca dopo gli attacchi missilistici iraniani contro due basi statunitensi in Iraq, compiuti la scorsa notte come rappresaglia per l'assassinio del generale iraniano Qassem Soleimani, avvenuto a Baghdad il 3 gennaio. "Nessun americano è stato ferito nell'attacco iraniano. Ci sono stati solo lievi danni alle basi militari" ha detto il capo di Stato.