Record di grandi elettori sleali, Clinton più tradita di Trump

Il prossimo presidente ha 'perso' due voti, la candidata democratica invece cinque. Nelle scorse settimane, era nato un movimento per chiedere ai repubblicani di bloccare l'elezione di Trump, invece le maggiori defezioni ci sono state tra i democratici
AP

Chi sperava in un esito a sorpresa, augurandosi di non vedere Donald Trump alla Casa Bianca, sarà rimasto deluso dal voto dei grandi elettori, che sarà ufficializzato il 6 gennaio, ultimo passo prima del giuramento del 20 gennaio del nuovo presidente degli Stati Uniti. La scelta dei sette grandi elettori 'sleali', ovvero quelli che non hanno seguito il voto popolare nello Stato di appartenenza, sarà forse ricordata come una "rumorosa nota a fondo pagina" di una "caotica" elezione presidenziale, scrive Politico. Ma la loro scelta rappresenta anche una storica frattura tra gli elettori e i candidati per cui ci si aspettava che votassero.

Il numero di elettori sleali (o infedeli) è stato quest'anno il maggiore nella storia delle elezioni presidenziali statunitensi. Il record precedente risaliva al 1808, quando sei elettori democratici-repubblicani si opposero a James Madison, quarto presidente degli Stati Uniti. È anche la prima volta dal 1832 che più di un elettore si è dimostrato infedele in un'elezione.

Il cuore della 'rivolta' è stato lo Stato di Washington, dove tre elettori democratici hanno deciso di non votare per Hillary Clinton, scegliendo al suo posto Colin Powell, ex generale, repubblicano e primo afroamericano alla guida del dipartimento di Stato, con George W. Bush. Questi democratici avevano deciso di sostenere lo sforzo per bloccare l'elezione di Trump creando il sostegno per un candidato repubblicano alternativo. Un quarto elettore di Washington ha votato per Faith Spotted Eagle, una nativa americana conosciuta per la sua lotta contro gli oleodotti in South Dakota. Un quinto elettore democratico infedele è stato registrato alle Hawaii, dove un voto è andato al rivale di Hillary Clinton alle primarie, il senatore Bernie Sanders.

Gli unici due voti contro Trump sono stati espressi in Texas. Uno, quello di Chris Suprun per il governatore dell'Ohio, John Kasich, era atteso. L'altro, a sorpresa, è stato espresso da un elettore sconosciuto a favore di Ron Paul, ex deputato, candidato libertario alla Casa Bianca nel 1988 e candidato alle primarie repubblicane nel 2008 e 2012. Trump, quindi, ha ottenuto 304 voti popolari (invece di 306), mentre Clinton 227 (invece di 232).

Il numero di elettori sleali avrebbe potuto essere persino più alto: tre elettori democratici - uno in Maine, uno in Minnesota e uno in Colorado - hanno cercato di rifiutarsi di votare per Clinton, ma i funzionari elettorali dei rispettivi Stati gliel'hanno impedito. David Bright, elettore del Maine, aveva votato per Sanders, ma dopo che gli è stato detto che il suo voto non era idoneo, in base a una legge statale, ha espresso la propria preferenza per Clinton. Muhammad Abdurrahman, elettore del Minnesota, aveva cercato a sua volta di votare Sanders, ma è stato sostituito, in base a una legge statale, da un altro elettore che ha votato per Clinton. In Colorado, Micheal Baca - uno dei leader del tentativo di bloccare Trump con il Collegio elettorale - è stato sostituito per aver tentato di votare per Kasich. Quest'anno, per la prima volta, visto il gran discutere, sono state applicate le leggi statali che costringono i grandi elettori a votare per il vincitore del loro Stato; in altre occasioni, davanti a singoli casi, i funzionari statali avevano evitato di intervenire.

Secondo Politico, ci sono stati solo 157 grandi elettori sleali in tutto e la maggior parte risale al diciannovesimo secolo. L'ultimo, prima di questi sette, era stato registrato in Minnesota nel 2004, quando un elettore non votò per John Kerry, ma per il suo vice, John Edwards.

Altri Servizi

Trump verso la prima sconfitta legislativa nonostante le minacce?

Ultimatum del presidente ai repubblicani ribelli: o votano sì alla Camera sulla riforma sanitaria o l'Obamacare non verrà abrogata. Ryan alla Casa Bianca per dire che non ci sono i voti per l'ok. Alle 20.30 il voto finale
AP

Donald Trump riuscirà a unire il partito repubblicano nella sua prima sfida legislativa? E riuscirà a mantenere la promessa fatta in campagna elettorale, quella di abolire una "disastrosa" Obamacare? E' quello che si domandavano osservatori politici e investitori all'inizio di un giorno in cui alla Camera è atteso il voto finale sulla "Ryancare" o "Trumpcare", la proposta di riforma sanitaria pensata per abrograre e sostituire quella approvata sette anni fa dall'allora presidente Barack Obama. Paul Ryan, lo speaker alla Camera, si è recato alla Casa Bianca dopo una mattinata di negoziati inutili: i numeri non ci sono per approvare il disegno di legge.

Wall Street, terminata la peggiore settimana da novembre

Dubbi e preoccupazioni sull'amministrazione Trump, a causa delle difficoltà dei repubblicani sulla riforma sanitaria
AP

Dubbi su strategia Trump sul trade, investitori più preoccupati

Questo pesa sull'umore dei mercati, che abbandonano almeno in parte l'ottimismo visto dopo il voto dello scorso novembre.

Aumentano i dubbi sulla capacità dell'amministrazione americana di portare avanti l'agenda economica del presidente Donald Trump sulla crescita, almeno per quanto riguarda un orizzonte temporale a breve scadenza, e questo pesa sull'umore dei mercati, che abbandonano almeno in parte l'ottimismo visto dopo il voto dello scorso novembre.

Libia: soluzione pronta per la stabilizzazione politica. E ringrazia l'Italia

Intervista al ministro degli Esteri di Tripoli, Mohamed Taher Siala, che loda Roma sul piano di immigrazione e aiuti umanitari. Chiede aiuto a comunità internazionale. Presto per commentare su Trump ma la gente in Libia non può aspettare
AP

Una soluzione per la stabilizzazione politica della Libia “è pronta” ma occorre che la comunità internazionale faccia pressione sulle parti perché gli accordi vengano rispettati. L’appello giunge dal ministro degli Esteri di Tripoli, Mohamed Taher Siala, che in una intervista si dice ottimista rispetto alla riconciliazione del Paese ancora diviso dopo la drammatica caduta del regime di Muammar Gheddafi nel 2011. E ringrazia l'Italia per il buon lavoro in tema di immigrazione e aiuti umanitari.

Internet, il Senato Usa approva l'abrogazione delle norme di Obama a difesa della privacy

I provider non dovranno chiedere il permesso agli utenti per usare i loro dati. Prossimo obiettivo dei repubblicani: colpire la 'net neutrality'
Dell

Il Senato statunitense ha deciso di cancellare le norme a difesa della privacy degli utenti sul web volute dell'amministrazione Obama, che sarebbero entrate in vigore alla fine dell'anno. La misura approvata con 50 voti a favore e 48 contrari prevede l'abolizione delle regole sulla privacy online che avrebbero obbligato i provider di internet a chiedere il consenso agli utenti prima di poter condividerne i loro dati finanziari, la cronologia di navigazione e le informazioni personali; senza la legge di Obama, provider come Verizon, Comcast e AT&T avranno più potere per raccogliere dati personali sugli utenti e venderli alle società interessate.

Apple lancia edizione speciale iPhone 7 e aggiorna iPad da 9,7 pollici

Smartphone rossi per finanziare la lotta contro l'Aids. Nuovo tablet più economico per rilanciare le vendite
Apple

Doppio annuncio da parte di Apple: il gruppo di Cupertino (California) ha lanciato una edizione speciale dell'iPhone 7 e dell'iPhone 7 Plus e ha aggiornato l'iPad con schermo da 9,7 pollici con un display più luminoso e una performance migliore.

Google rassicura gli inserzionisti su contenuti inopportuni

Vari clienti avevano ritirato i loro messaggi promozionali da YouTube, parte del gruppo controllato da Alphabet, perché finiti accando a messaggi offensivi

Google ha presentato un piano di azione dettagliato con cui cerca di tranquillizzare i suoi inserzionisti e punta a proteggere il lucrativo business pubblicitario. La mossa segue le polemiche dei clienti britannici esplosa per i contenuti estremisti su YouTube. Una serie di inserzionisti tra cui lo stesso governo di Theresa May hanno tolto i loro messaggi pubblicitari dalla piattaforma di video per timore che finissero vicini a contenuti offensivi.

FedEx: utili trimestrali cresciuti meno del previsto

Il colosso delle spedizioni ha chiuso il suo terzo trimestre fiscale con ricavi in linea alle stime
iStock

FedEx ha chiuso il suo terzo trimestre fiscale con utili deludenti e ricavi in linea alle stime degli analisti. Il colosso americano delle spedizioni ha per altro detto di non essere in grado di fornire le guidance sui profitti per il 2017.

L'amministrazione Trump dà il via libera a Keystone XL

L'oleodotto è una estensione di quello che collega il Canada alle raffinerie del Golfo del Messico. Era stato fermato da Barack Obama dopo le proteste degli ambientalisti. Potrebbe essere pronto per il 2019 e il costo previsto è di 8 miliardi di dollari
AP

Alla fine l'amministrazione Trump ha mantenuto una delle sue promesse, togliendo di mezzo il blocco voluto da Barack Obama e ridando cos" a TransCanada la possibilità di continuare la costruzione di Keystone XL. L'oleodotto collegherà i pozzi petroliferi del Canada alle raffinerie americane del Golfo del Messico. Per farlo attraversa gli Stati Uniti, passando per aree incontaminate e mettendo a rischio non solo la vita e la sopravvivenza di alcune comunità di nativi, ma anche l'ecosistema di regioni fragili. "Stiamo lavorando agli ultimi dettagli, si tratta di un incredibile oleodotto e sono molto orgoglioso", ha detto Trump ricordando che saranno creati nuovi posti di lavoro.

Trimestrale Nike, lo 'swoosh' continuerà a crescere?

Dopo un 2016 non facile, il colosso statunitense può guardare con ottimismo al futuro
iStock

Nike pubblicherà martedì i risultati trimestrali, per cui gli analisti di Reuters attendono guadagni di 0,53 dollari ad azione e 8,47 miliardi di dollari di fatturato per il terzo trimestre fiscale; lo scorso anno, nello stesso periodo, Nike registrò guadagni di 0,55 dollari ad azione e 8,03 miliardi di fatturato. Lo scorso anno, Nike è stato il peggior titolo del Dow Jones Industrial Average, ma finora è stato uno dei migliori nel 2017; secondo gli analisti, la società di abbigliamento sportivo potrebbe continuare a crescere.