Usa 2020, Buttigieg risponde a Rush Limbaugh: "Amo mio marito e non prendo lezioni sulla famiglia"

Il candidato dem alla Casa Bianca replica alle affermazioni omofobe del commentatore radiofonico di destra
Wikipedia

Pete Buttigieg, candidato democratico alla Casa Bianca apertamente gay, ha replicato alle recenti affermazioni omofobe di Rush Limbaugh, commentatore radiofonico di destra, secondo cui l'America "non è pronta per avere un presidente gay". "Amo mio marito, sono fedele a mio marito. Sul palco solitamente ci abbracciamo e basta, ma lo amo moltissimo", ha detto l'ex sindaco di South Bend in un'intervista rilasciata a Dana Bash nel programma "State of the Union" sulla Cnn nella quale ha poi sottolineato: "Non prendo lezioni sui valori della famiglia da un presentatore radio conservatore".

La scorsa settimana Limbaugh aveva infatti detto che difficilmente gli americani sceglierebbero "un 37enne gay" invece di Trump, da lui definito "Mister Man". Questo perché "nonostante tutti i grandi progressi, nonostante la grande saggezza e nonostante tutta l'eccezionale strada fatta, l'America non è ancora pronta per eleggere un ragazzo gay che bacia il marito sul palco del dibattito presidenziale".

Dichiarazioni che hanno ovviamente aperto la polemica in un momento in cui il dibattito pubblico era già particolarmente caldo dopo la decisione di Trump di insignire il controverso conduttore radiofonico con la medaglia presidenziale per la libertà, la più alta onorificenza civile in America.

Limbaugh è un personaggio controverso, già in passato al centro di polveroni mediatici e più volte accusato di razzismo e sessismo. Fra le altre cose è stato tra i promotori - proprio insieme Trump - del Birther movement che negava la nascita americana di Barack Obama. Il tycoon dal canto suo ha provato a buttare benzina sul fuoco: "Penso che ci sarebbe qualcuno che non lo vota, ma io non sarei tra loro", ha dichiarato il capo della Casa Bianca sottolineando che l'omosessualità "non sembra stia danneggiando" Buttigieg.

Joe Biden, rivale di quest’ultimo nella sfida per nomination democratica, ha invece immediatamente difeso il collega del partito: "Io e Pete siamo competitor ma è una persona d'onore, ha coraggio ed è incredibilmente intelligente", ha dichiarato l'ex vice presidente. "Questi attacchi omofobi contro Pete Buttigieg sono odiosi e offensivi. Non li tollereremo nella corsa presidenziale democratica e combatteremo insieme contro l'odio e il bigottismo che Donald Trump promuove e premia", ha invece scritto Elizabeth Warren su Twitter.

Altri Servizi

Wall Street, attesa per il rapporto sull'occupazione

Petrolio in rialzo dopo il diffuso ottimismo sul taglio della produzione
AP

Wall Street, attenzione alle richieste di disoccupazione

In programma anche il deficit della bilancia commerciale
AP

Wall Street riparte dopo il primo trimestre peggiore della sua storia

Oggi atteso il dato sull'occupazione nel settore privato
AP

Coronavirus, oltre 2mila morti negli Stati Uniti. Trump rinuncia alla quarantena per New York

Il presidente americano impone delle limitazioni per provare a contenere i contagi dopo che negli Usa sono più di 120mila i casi
White House /Shealah Craighead

Donald Trump torna sui suoi passi e abbandona l’idea di mettere in quarantena gli stati di New York, New Jersey e Connecticut dopo che nelle ultime ore quest’idea, da lui stesso paventata, aveva riscosso non poche critiche. È lo stesso presidente americano a darne notizia su Twitter: "Su raccomandazione della Task Force Coronavirus della Casa Bianca e dopo essermi consultato con i governatori di New York, New Jersey e Connecticut, ho chiesto di limitare rigorosamente gli spostamenti nell'area, sotto il controllo degli stessi governatori, in consultazione con il Governo federale. Ma non sarà necessaria una quarantena", ha spiegato il tycoon.

Usa, effetto coronavirus: 10 milioni di disoccupati in due settimane

La scorsa settimana, 6,6 milioni di nuove richieste di sussidi di disoccupazione, il doppio della settimana precedente
Ap

Il numero dei lavoratori che per la prima volta hanno fatto richiesta, la scorsa settimana, per ricevere i sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti ha registrato un aumento record, perché ha fortemente subito gli effetti della pandemia di coronavirus. Secondo quanto riportato dal dipartimento del Lavoro, le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione sono aumentate di 3,341 milioni a 6,648 milioni di unità; gli analisti attendevano un dato in rialzo di 3,1 milioni. 

Usa: -701.000 posti di lavoro a marzo, la disoccupazione sale al 4,4%

Primi effetti del coronavirus, ma i dati si riferiscono solo fino al 12 marzo, all'inizio dell'applicazione delle misure restrittive per contenere la diffusione della pandemia

Coronavirus, Pence: "Situazione Usa comparabile a quella dell'Italia"

Il vicepresidente Usa: "Il futuro è nelle nostre mani". I casi negli Stati Uniti sono 189.633, i morti 4.081

Trump allenta gli standard ambientali per le auto

Le nuove norme, che cancellano le misure volute da Obama, saranno subito portate in tribunale da Stati e gruppi ambientalisti

Cuomo: "Coronavirus sottovalutato". Nello Stato di New York, 75.795 casi e 1.550 morti

I positivi aumentati del 14% in un giorno, i morti del 27,2%
iStock

Wall Street, resta l'agitazione per coronavirus e petrolio

Dati in programma: indice dei prezzi e fiducia dei consumatori
AP