Cimbali apre a NY primo pop up store a marchio Faema

Tanti gli appuntamenti per promuovere la cultura del caffè

Faema sbarca a New York City, nel Lower East Side, con il suo primo pop up store Art & Caffeine. Dopo l’inaugurazione del flagship store di Milano, avvenuta lo scorso ottobre, il marchio del Gruppo Cimbali - produttore di macchine professionali per il caffè espresso - organizza a Manhattan una serie di appuntamenti pensati per promuovere la cultura del caffè.

Fino al 29 giugno numerose iniziative e un menù “speciale” sono a disposizione del pubblico, dei media e degli influencer del settore: da momenti formativi e creativi tenuti da alcuni dei più importanti guru del caffè, ai dibattiti e presentazioni curate dai professionisti del settore, fino alle competizioni di brewing, latte art e molto altro ancora. E per tutti i visitatori, la possibilità di degustare un menù speciale di 16 proposte di roaster internazionali preparate con diversi metodi di estrazione.

Le degustazioni e le dimostrazioni vedranno come protagonista FAEMA E71E, iconica macchina firmata Giugiaro Design e progettata per esaltare la manualità e l’esperienza del barista nella preparazione di caffè espresso e bevande a base di latte.

L’iniziativa di Cimbali - che vanta una quota del 23% nel mercato di riferimento da 1,5 miliardi di euro - ha anche una valenza sociale: il ricavato, infatti, sarà devoluto a Coffee Kids, un’organizzazione no-profit che aiuta i giovani coltivatori di caffè a creare un'attività di successo e una fonte di reddito sostenibile.

Lo spazio - il cui allestimento è a cura della designer e artista americana Mika Cali, l’arredo è firmato Magis, con l’Officina Collection - è aperto tutti i giorni dalle 10:00 alle 16:00.

Il programma completo degli eventi e le modalità di registrazione per parteciparvi sono consultabili qui.

Gruppo Cimbali
Altri Servizi

Wall Street avanza dopo la trimestrale Ibm

Da Davos, Trump minaccia dazi sulle auto Ue senza accordo commerciale con Bruxelles
AP

Telefono Bezos hackerato, l'Onu chiede un'inchiesta sul principe ereditario saudita

 "Voleva influenzare la copertura mediatica dell'Arabia Saudita da parte del Washington Post"
AP

L'Arabia Saudita potrebbe aver hackerato il telefono di Jeff Bezos, fondatore di Amazon, per cercare di influenzare la copertura mediatica del regno da parte del Washington Post, quotidiano detenuto dallo stesso imprenditore statunitense. Lo sostengono le Nazioni Unite, che per questo hanno chiesto agli Stati Uniti l'apertura di un'indagine per verificare il "possibile coinvolgimento" del principe ereditario saudita Mohammed bin Salman.

Impeachment Trump, la difesa: "Processo incostituzionale"

Il team legale del presidente risponde alle accuse. Per i democratici, va rimosso perché rappresenta "una minaccia alla sicurezza nazionale"
Ap

I legali del presidente statunitense Donald Trump hanno respinto con decisione le accuse che hanno portato al suo impeachment, definendo il processo contro di lui "incostituzionale" e "un attacco alla libertà di voto degli americani". I democratici, invece, hanno chiesto al Senato di rimuovere la "minaccia alla sicurezza nazionale" che il presidente rappresenta. Nei primi documenti consegnati per il processo in Senato, emergono chiaramente le strategie e le opposte argomentazioni sul destino di Trump, anche in vista delle presidenziali di novembre.

Venezuela, Maduro: "Ho il pieno controllo, pronto a negoziare con gli Usa"

Il presidente ha rilasciato una lunga intervista al Washington Post: "Sapevo tutto della cospirazione, ma volevo vedere quanti fossero i rivoltosi". L'ex capo dell'intelligence: "Falso, non sapeva nulla"
AP

Il presidente venezuelano, Nicolas Maduro, ha detto di avere il totale controllo del Paese ed è pronto a tenere negoziati diretti con gli Stati Uniti. In una lunga intervista con il Washington Post, la prima con un importante quotidiano statunitense dallo scoppio della crisi, lo scorso febbraio, Maduro si è definito uno "scaltro sopravvissuto" del tentativo di rovesciarlo compiuto dall'opposizione con il sostegno degli statunitensi.

Dibattiti Dem, si cambia: l'Iowa decisivo per la partecipazione dei candidati 'minori'

Oltre ai soliti sei (Biden, Warren, Sanders, Buttigieg, Klobuchar, Steyer), potrà qualificarsi al prossimo confronto chi otterrà almeno un delegato ai caucus che apriranno la corsa alla nomination

I candidati alle primarie democratiche che otterranno un delegato ai caucus dell'Iowa del 3 febbraio potranno partecipare al dibattito in New Hampshire del 7, in previsione delle primarie nel Granite State. È questa la novità decisa dai vertici del partito democratico per dare una possibilità ai candidati meno visibili, penalizzati dalle regole più severe per la qualificazione all'ultimo dibattito che avevano permesso solo a sei candidati di salire sul palco.

Gli Usa celebrano Martin Luther King

È l'unico cittadino statunitense cui sia stata dedicata una giornata di festa nazionale

Nel 1965, le marce da Selma a Montgomery, in Alabama, furono un momento fondamentale della rivolta per i diritti civili negli Stati Uniti; diritti per cui, secondo associazioni e comunità afroamericane, è ancora necessario combattere. Per questo, ancora oggi è fondamentale celebrare Martin Luther King, il leader della lotta per l'uguaglianza razziale, premiato nel 1964, a soli 35 anni, con il Nobel per la Pace, e ucciso il 4 aprile 1968 a Memphis con un colpo di fucile alla testa.

Wall Street, l'attenzione resta sui rapporti Usa-Cina

Il presidente Trump ha ribadito che la 'fase due' dei negoziati comincerà molto presto
AP

Mnuchin avverte l'Italia: dazi Usa se applicherete la digital tax

Il segretario al Tesoro Usa intervistato dal Wall Street Journal: "Cercheremo una soluzione, come con la Francia"

Italia e Regno Unito saranno colpite dai dazi statunitensi, se decideranno di andare avanti con l'imposizione di un'imposta sulle società digitali, che colpirebbe aziende come Alphabet (Google) e Facebook. Lo ha detto il segretario al Tesoro statunitense, Steven Mnuchin, intervistato dal Wall Street Journal durante il World Economic Forum in corso a Davos, in Svizzera.

Wall Street, preoccupa il coronavirus

Si teme l'emergenza sanitaria mondiale
AP

Ambiente, Trump cancella norma di Obama a difesa dei fiumi

 Accontentati agricoltori e costruttori

L'amministrazione Trump ha messo a punto una norma che eliminerà le protezioni ambientali per corsi d'acqua, paludi e altri corpi idrici, consegnando un'importante vittoria ad agricoltori, produttori di combustibili fossili e grandi costruttori, contrari alle regole imposte dalla presidenza Obama. Dal primo giorno alla Casa Bianca, scrive il New York Times, il presidente Donald Trump diceva di voler abrogare il "Waters of the United States" di Obama, inviso ai proprietari terrieri rurali. La nuova norma, che entrerà in vigore nelle prossime settimane, è solo l'ultimo passo compiuto dall'amministrazione attuale per eliminare o indebolire le leggi o i regolamenti a difesa dell'ambiente voluti da Obama, un pacchetto di regole "orribile", "distruttivo", "uno dei peggiori esempi dell'eccessivo intervento federale", secondo Trump.