Cimbali apre a NY primo pop up store a marchio Faema

Tanti gli appuntamenti per promuovere la cultura del caffè

Faema sbarca a New York City, nel Lower East Side, con il suo primo pop up store Art & Caffeine. Dopo l’inaugurazione del flagship store di Milano, avvenuta lo scorso ottobre, il marchio del Gruppo Cimbali - produttore di macchine professionali per il caffè espresso - organizza a Manhattan una serie di appuntamenti pensati per promuovere la cultura del caffè.

Fino al 29 giugno numerose iniziative e un menù “speciale” sono a disposizione del pubblico, dei media e degli influencer del settore: da momenti formativi e creativi tenuti da alcuni dei più importanti guru del caffè, ai dibattiti e presentazioni curate dai professionisti del settore, fino alle competizioni di brewing, latte art e molto altro ancora. E per tutti i visitatori, la possibilità di degustare un menù speciale di 16 proposte di roaster internazionali preparate con diversi metodi di estrazione.

Le degustazioni e le dimostrazioni vedranno come protagonista FAEMA E71E, iconica macchina firmata Giugiaro Design e progettata per esaltare la manualità e l’esperienza del barista nella preparazione di caffè espresso e bevande a base di latte.

L’iniziativa di Cimbali - che vanta una quota del 23% nel mercato di riferimento da 1,5 miliardi di euro - ha anche una valenza sociale: il ricavato, infatti, sarà devoluto a Coffee Kids, un’organizzazione no-profit che aiuta i giovani coltivatori di caffè a creare un'attività di successo e una fonte di reddito sostenibile.

Lo spazio - il cui allestimento è a cura della designer e artista americana Mika Cali, l’arredo è firmato Magis, con l’Officina Collection - è aperto tutti i giorni dalle 10:00 alle 16:00.

Il programma completo degli eventi e le modalità di registrazione per parteciparvi sono consultabili qui.

Gruppo Cimbali
Altri Servizi

BlackRock diventerà socio di maggioranza nel proprietario di Sport Illustrated

Si tratta di Authentic Brands, che controlla anche i diritti legati a Marilyn Monroe e Muhammad Ali

Il più grane asset manager al mondo scommette sul private equity. BlackRock sta per prendere la quota di controllo di Authentic Brands, gruppo con sede a New York che ha le licenze di 50 marchi tra l'intrattenimento e il lifestyle che generano ogni anno 9,3 miliardi di dollari. 

Tsai (Alibaba) compra Brooklyn Nets e Barclays Arena per 3,5 mld $

Finisce l'era del russo Mikhail Prokhorov, artefice dello spostamento dal New Jersey a New York
Ap

I Brooklyn Nets hanno un nuovo proprietario. Il vicepresidente esecutivo di Alibaba Group, Joe Tsai, ha esercitato l'opzione di acquisto per le quote della società non ancora in suo possesso (il 51%), mettendo fine all'era di Mikhail Prokhorov, il magnate russo che aveva spostato la franchigia Nba - il massimo campionato professionistico di pallacanestro di Stati Uniti e Canada - dal New Jersey a New York.

Wall Street, pesano le tensioni internazionali

Dalla guerra commerciale tra Usa e Cina alle proteste a Hong Kong
AP

Usa verso proroga di 3 mesi per permettere a Huawei di acquistare da fornitori Usa

La Casa Bianca ha subito le pressioni delle società tecnologiche Usa, preoccupate dalla possibilità di perdere diversi miliardi di dollari
AP

Afghanistan, Trump stringe i tempi per un accordo con i talebani

Il presidente, contrario alla presenza di soldati Usa nel Paese, vuole trovare una soluzione prima delle presidenziali del prossimo anno
AP

GE rimbalza: Ceo compra 2 mln $ di azioni dopo accusa di frode in stile Enron

Ieri il tonfo maggiore da 11 anni dopo la diffusione di un rapporto redatto da colui che aveva avvertito sullo schema Ponzi creato da Bernie Madoff

La Fda rilancia la lotta per mettere immagini choc sui pacchetti di sigarette

L'agenzia federale perse la battaglia legale contro le multinazionali nel 2012

Wall Street, focus sul commercio e sui segnali di recessione

Dati in programma: avvio di nuovi cantieri e fiducia dei consumatori
AP

Huawei ha aiutato i governi di Uganda e Zambia a spiare oppositori politici (Wsj)

Il colosso cinese, che domina i mercati africani, ha respinto ogni accusa
AP