Cimbali apre a NY primo pop up store a marchio Faema

Tanti gli appuntamenti per promuovere la cultura del caffè

Faema sbarca a New York City, nel Lower East Side, con il suo primo pop up store Art & Caffeine. Dopo l’inaugurazione del flagship store di Milano, avvenuta lo scorso ottobre, il marchio del Gruppo Cimbali - produttore di macchine professionali per il caffè espresso - organizza a Manhattan una serie di appuntamenti pensati per promuovere la cultura del caffè.

Fino al 29 giugno numerose iniziative e un menù “speciale” sono a disposizione del pubblico, dei media e degli influencer del settore: da momenti formativi e creativi tenuti da alcuni dei più importanti guru del caffè, ai dibattiti e presentazioni curate dai professionisti del settore, fino alle competizioni di brewing, latte art e molto altro ancora. E per tutti i visitatori, la possibilità di degustare un menù speciale di 16 proposte di roaster internazionali preparate con diversi metodi di estrazione.

Le degustazioni e le dimostrazioni vedranno come protagonista FAEMA E71E, iconica macchina firmata Giugiaro Design e progettata per esaltare la manualità e l’esperienza del barista nella preparazione di caffè espresso e bevande a base di latte.

L’iniziativa di Cimbali - che vanta una quota del 23% nel mercato di riferimento da 1,5 miliardi di euro - ha anche una valenza sociale: il ricavato, infatti, sarà devoluto a Coffee Kids, un’organizzazione no-profit che aiuta i giovani coltivatori di caffè a creare un'attività di successo e una fonte di reddito sostenibile.

Lo spazio - il cui allestimento è a cura della designer e artista americana Mika Cali, l’arredo è firmato Magis, con l’Officina Collection - è aperto tutti i giorni dalle 10:00 alle 16:00.

Il programma completo degli eventi e le modalità di registrazione per parteciparvi sono consultabili qui.

Gruppo Cimbali
Altri Servizi

Wall Street ottimista, nonostante il coronavirus

Dai verbali della Fed buone notizie per l'economia Usa, anche se il coronavirus è una minaccia per l'outlook globale
AP

Primarie Dem, sondaggio Nbc/Wsj: Sanders saldamente in testa con il 27%, crolla Biden, irrompe Bloomberg

Il senatore è stabile, l'ex vicepresidente alle sue spalle perde 11 punti; l'ex sindaco, invece, guadagna 5 punti
Ap

Il senatore Bernie Sanders è saldamente in testa a livello nazionale, secondo l'ultimo sondaggio di Nbc News/Wall Street Journal sulle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi. Alle sue spalle, come già testimoniato da altre rilevazioni, perde punti l'ex vicepresidente Joe Biden, mentre irrompe il miliardario Mike Bloomberg. Inoltre, il sondaggio mostra un tasso di approvazione per il presidente Donald Trump di nuovo ai massimi.

Wall Street attende le minute della Fed

L'attenzione resta anche sul coronavirus
AP

Usa 2020, Bloomberg si affida a un esercito di mercenari social

Una portavoce al Wsj: "È il futuro delle campagne politiche". L'esperimento in California potrebbe essere ripetuto a livello nazionale

Michael Bloomberg prepara il suo ingresso ufficiale nelle primarie democratiche statunitensi con un esercito di utenti sui social network, pagato per pubblicare messaggi a suo sostegno e invitare tutte le persone tra i contatti a votare per lui. Si tratta di una nuova tattica elettorale, resa possibile da una disponibilità praticamente illimitata di fondi.

Pelosi con Trump: "Non vi avvicinate a Huawei"

La speaker della Camera Usa avverte gli alleati: "Non mettete le vostre comunicazioni in mano a un governo autocratico che non condivide i nostri valori"
Ap

"Questa è la più insidiosa forma di aggressione, avere le comunicazioni, la 5G, dominate da un governo autocratico che non condivide i nostri valori". L'attacco è contro Huawei, il colosso cinese delle telecomunicazioni accusato dagli Stati Uniti di essere al servizio del governo di Pechino per spiare l'Occidente, ma l'autore non è, come potrebbe sembrare, il presidente Donald Trump, bensì la democratica Nancy Pelosi, la speaker della Camera, che per una volta, almeno, è della stessa opinione della Casa Bianca.

Bloomberg cresce nei sondaggi, parteciperà per la prima volta a un dibattito Dem

L'ex sindaco di New York salita sul palco a Las Vegas, in vista dei caucus in Nevada
iStock

Cresce il consenso democratico attorno all'ex sindaco di New York, Michael Bloomberg, che potrà partecipare domani - per la prima volta - al dibattito previsto a Las Vegas, in vista dei caucus in Nevada del 22 febbraio. Secondo un sondaggio nazionale di Npr, Pbs NewsHour e Marist pubblicato oggi, infatti, il miliardario americano ha superato la soglia minima del 10% dell'ipotetico consenso, necessaria per ricevere un invito al dibattito.

Sanders voleva candidarsi contro Obama nel 2012

Lo scrive The Atlantic. Il senatore fu fermato dal leader della maggioranza in Senato, Harry Reid
AP

Il senatore Bernie Sanders fu molto vicino a sfidare l'allora presidente Barack Obama alle primarie democratiche del 2012. Lo riporta The Atlantic, che in un articolo ripercorre i difficili rapporti tra il candidato alla nomination democratica per le presidenziali di novembre e il 44esimo presidente.

Le calciatrici della nazionale Usa chiedono 66 milioni in danni per discriminazione

A maggio comincerà il processo contro la federcalcio Usa
Ap

Le giocatrici della nazionale statunitense di calcio chiedono un risarcimento di oltre 66 milioni di dollari alla federcalcio (U.S. Soccer Federation) nell'ambito della loro causa per discriminazione di genere. La richiesta è contenuta nei documenti presentati ieri sera al tribunale distrettuale di Los Angeles, prima dell'inizio del processo, in programma il 5 maggio. Tra i documenti presentati, anche gli accordi collettivi della nazionale maschile e della nazionale femminile, da cui emerge non solo la disparità di trattamento per i bonus, ma anche la differente struttura dei pagamenti riservati ad atleti e atlete.

Roger Stone (amico di Trump) condannato a 40 mesi di carcere

Condannato per aver ostacolato le indagini sulle ingerenze della Russia nelle elezioni del 2016
Ap

Roger Stone, amico ed ex consigliere del presidente statunitense Donald Trump, è stato condannato a tre anni e quattro mesi di prigione per aver mentito agli investigatori e per aver ostacolato le indagini del procuratore Robert Mueller sulle ingerenze russe nelle elezioni del 2016. Nei giorni scorsi, Trump era intervenuto contro la condanna di Stone.