Italia protagonista della 65esima edizione del Summer Fancy Food Show di NY

Con oltre 300 espositori, è il Paese più rappresentato dopo gli Usa

E' di nuovo l'Italia la protagonista della 65esima edizione del Summer Fancy Food Show, che aprirà a New York dal 23 al 25 giugno prossimi. Le imprese italiane presenti saranno oltre 300 su una superficie di più di 2.400 metri quadrati al Javits Center, la sede della fiera dedicata alle specialità alimentari e alle bevande, la più grande e importante del Nord America.

Il Padiglione Italiano, ancora una volta il più ampio dell’area internazionale, presenterà l'intera gamma del Made in Italy agroalimentare sotto l'ombrello del segno distintivo "The Extraordinary Italian Taste. E lo farà con un design pensato per dare maggiore comfort a espositori e visitatori.

Per la terza volta su suolo statunitense si terrà l’Italian Food Awards Usa, premio dedicato alle eccellenze italiane che operano negli Stati Uniti. Esso è una produzione di Food Magazine e Universal Marketing con il supporto di Specialty Food Association.

In base ai dati elaborati dall’Agenzia ICE di New York, il valore delle esportazioni italiane negli Usa nei primi 4 mesi del 2019 è aumentato dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, raggiungendo 1,691 miliardi di dollari. Nel 2018 le vendite del prodotti italiani hanno totalizzato 5,180 miliardi di dollari, in crescita del 7,9% rispetto al 2017. L'Italia guadagna il quinto posto nella classifica degli esportatori mondiali negli Stati Uniti, con una quota di mercato del 3,2% dopo Messico, Canada, Cile e Francia. Il nostro Paese è invece il primo fornitore degli Usa, con quote di mercato elevate per quasi tutte le specialità tipiche del Made in Italy come vino, pasta, olio di oliva, formaggi, aceto balsamico e acque minerali.

Phil Kafarakis ha dichiarato in una nota che la Specialty Food Association da lui presieduta "è entusiasta di continuare la forte relazione con i produttori alimentari italiani, una relazione che si è sempre più consolidata nei tanti anni di collaborazione. Il padiglione italiano, il più grande sia per numero di espositori che per metri quadri di superficie occupata, riscuote sempre un grande successo con i suoi prodotti di altissimo livello".

Maurizio Forte, direttore dell’Agenzia ICE di New York e coordinatore della rete Usa, ha aggiunto che al Summer Fancy Food "l'Italia con oltre 300 espositori e ancora una volta il Paese più rappresentato dopo i padroni di casa. Alla forte tradizione del Made in Italy agroalimentare si affianca la grande capacità di innovazione delle nostre imprese che riguarda i prodotti, il packaging e le modalità di utilizzo degli alimenti, con sempre maggiore attenzione alla sostenibilità in tutta la filiera". Secondo Forte, "la competitività italiana viene confermata dalla posizione di leadership dei nostri prodotti e in questo quadro prosegue l'azione promozionale dell'Agenzia ICE a favore del settore agroalimentare e vinicolo negli Usa con un forte impegno del governo italiano. Collaudata e vincente, la partnership con Specialty Food Association, Federalimentare, Cibus, TuttoFood, Vinitaly e Universal Marketing".

Donato Cinelli, presidente di Universal Marketing, l agente esclusivo per l’Italia della Specialty Food Association, ha commentato: "Siamo davvero fieri del lavoro fatto. Oggi gli Usa rappresentano davvero il luogo ideale per valorizzare al massimo il prodotto italiano, il nostro Made in Italy è un pilastro della cultura del bello che gli americani ricercano. Il Summer Fancy Food è al massimo del suo successo e con nostra grande soddisfazione, anno dopo anno, registriamo il compiacimento da parte player del Food italiano".

Altri Servizi

Wall Street, verso un'altra settimana volatile

Il presidente Trump 'rinuncia' a far ripartire gli Stati Uniti entro Pasqua
AP

Wall Street, attenzione alle richieste di disoccupazione

In programma anche il deficit della bilancia commerciale
AP

Wall Street riparte dopo il primo trimestre peggiore della sua storia

Oggi atteso il dato sull'occupazione nel settore privato
AP

Wall Street, resta l'agitazione per coronavirus e petrolio

Dati in programma: indice dei prezzi e fiducia dei consumatori
AP

Coronavirus, Trump: picco a Pasqua, il numero di morti calerà molto entro giugno

Il presidente Usa intervistato da Fox News: "Se non avessi fatto nulla, avremmo rischiato 2,2 milioni di morti; avremo fatto un buon lavoro se saranno al massimo 200.000"
Ap

"Stiamo combattendo una guerra. È incredibile quello che stiamo facendo [...] Stiamo facendo un grande lavoro, stiamo costruendo degli ospedali in 3-4 giorni. Intorno a Pasqua ci sarà il picco, gli esperti prevedono che ci saranno dei veri progressi entro la fine di aprile". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, che sta parlando a 'Fox and friends' su Fox News a proposito dell'emergenza coronavirus. Trump ha poi detto che il numero di morti "calerà molto" entro il primo giugno.

Trump e il coronavirus: tra salute pubblica ed economia si gioca il futuro da presidente

'The Donald' preme per far ripartire gli Stati Uniti al più presto, per paura che il crollo dell'economia possa costargli la rielezione. Potrebbe però far aggravare la crisi sanitaria, che non gli sarebbe perdonata dagli americani
General Electric

Quando il senatore Lindsey Graham ha chiamato il presidente Donald Trump, la scorsa domenica, è stato chiaro: se farai ripartire il Paese troppo presto, contro l'avviso degli esperti di salute pubblica, ti saranno addebitate le morti da nuovo coronavirus che seguiranno. Il senatore repubblicano, stretto alleato del presidente, gli ha anche detto che non sarà considerato l'unico responsabile: lo stesso partito repubblicano rischierebbe di essere incolpato di aver messo il commercio e i mercati azionari davanti alla salute degli americani, tra l'altro a pochi mesi dalle elezioni presidenziali. A raccontare la telefonata tra i due, al Washington Post, sono stati tre funzionari della Casa Bianca e un parlamentare repubblicano.

Coronavirus, Fauci: "Negli Usa temiamo milioni di casi, potremmo avere tra i 100mila e i 200mila morti"

Il celebre immunologo americano ha parlato alla Cnn dove ha spiegato che la capacità degli Usa di fare test è piuttosto debole
Flickr

Gli Stati Uniti potrebbero, con molta probabilità arrivare ad avere "milioni di casi di coronavirus" mentre il bilancio delle vittime potrebbe addirittura oscillare tra i "100mila e i 200mila morti". A dirlo è Anthony Fauci, l’immunologo americano direttore dell'Istituto nazionale di allergie e malattie infettive (Niaid) del National Institutes of Health (Nih) nonché uno degli uomini chiave della task force della Casa Bianca contro il coronavirus.

Wall Street verso un ribasso dopo la migliore tre giorni dal 1931

Gli Usa attendono che la Camera approvi il piano di stimoli economici da 2.000 miliardi di dollari
AP

È legge lo storico piano di aiuti da 2.000 miliardi, in Usa oltre 100.000 casi di coronavirus

Venerdì, l'approvazione alla Camera e la firma del presidente Trump. Il numero di malati raddoppiato in 3 giorni
Ap

Il presidente Donald Trump ha promulgato lo storico piano di stimoli economici da oltre 2.000 miliardi di dollari per sostenere famiglie e aziende statunitensi, nel giorno in cui i casi confermati di nuovo coronavirus sono raddoppiati nell'arco di 72 ore, superando le 100.000 unità. In precedenza, era arrivata l'approvazione della Camera con un voto a voce.

Coronavirus, in California raddoppia in un giorno il numero di pazienti in terapia intensiva

Sono passati da 200 a 410 in meno di 24 ore, lo ha annunciato il governatore Gavin Newsom
Wikipedia

Il numero di pazienti affetti da coronavirus ricoverati in terapia intensiva in California è raddoppiato in meno di 24 ore, passando dai 200 di venerdì a 410 di sabato. A darne notizia è il governatore californiano Gavin Newsom che ha spiegato che anche il numero di pazienti ospedalizzati, risultati positivi al coronavirus, è aumentato del 38,6%, passando dai 746 di venerdì ai 1.034 di sabato.