Italia protagonista della 65esima edizione del Summer Fancy Food Show di NY

Con oltre 300 espositori, è il Paese più rappresentato dopo gli Usa

E' di nuovo l'Italia la protagonista della 65esima edizione del Summer Fancy Food Show, che aprirà a New York dal 23 al 25 giugno prossimi. Le imprese italiane presenti saranno oltre 300 su una superficie di più di 2.400 metri quadrati al Javits Center, la sede della fiera dedicata alle specialità alimentari e alle bevande, la più grande e importante del Nord America.

Il Padiglione Italiano, ancora una volta il più ampio dell’area internazionale, presenterà l'intera gamma del Made in Italy agroalimentare sotto l'ombrello del segno distintivo "The Extraordinary Italian Taste. E lo farà con un design pensato per dare maggiore comfort a espositori e visitatori.

Per la terza volta su suolo statunitense si terrà l’Italian Food Awards Usa, premio dedicato alle eccellenze italiane che operano negli Stati Uniti. Esso è una produzione di Food Magazine e Universal Marketing con il supporto di Specialty Food Association.

In base ai dati elaborati dall’Agenzia ICE di New York, il valore delle esportazioni italiane negli Usa nei primi 4 mesi del 2019 è aumentato dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, raggiungendo 1,691 miliardi di dollari. Nel 2018 le vendite del prodotti italiani hanno totalizzato 5,180 miliardi di dollari, in crescita del 7,9% rispetto al 2017. L'Italia guadagna il quinto posto nella classifica degli esportatori mondiali negli Stati Uniti, con una quota di mercato del 3,2% dopo Messico, Canada, Cile e Francia. Il nostro Paese è invece il primo fornitore degli Usa, con quote di mercato elevate per quasi tutte le specialità tipiche del Made in Italy come vino, pasta, olio di oliva, formaggi, aceto balsamico e acque minerali.

Phil Kafarakis ha dichiarato in una nota che la Specialty Food Association da lui presieduta "è entusiasta di continuare la forte relazione con i produttori alimentari italiani, una relazione che si è sempre più consolidata nei tanti anni di collaborazione. Il padiglione italiano, il più grande sia per numero di espositori che per metri quadri di superficie occupata, riscuote sempre un grande successo con i suoi prodotti di altissimo livello".

Maurizio Forte, direttore dell’Agenzia ICE di New York e coordinatore della rete Usa, ha aggiunto che al Summer Fancy Food "l'Italia con oltre 300 espositori e ancora una volta il Paese più rappresentato dopo i padroni di casa. Alla forte tradizione del Made in Italy agroalimentare si affianca la grande capacità di innovazione delle nostre imprese che riguarda i prodotti, il packaging e le modalità di utilizzo degli alimenti, con sempre maggiore attenzione alla sostenibilità in tutta la filiera". Secondo Forte, "la competitività italiana viene confermata dalla posizione di leadership dei nostri prodotti e in questo quadro prosegue l'azione promozionale dell'Agenzia ICE a favore del settore agroalimentare e vinicolo negli Usa con un forte impegno del governo italiano. Collaudata e vincente, la partnership con Specialty Food Association, Federalimentare, Cibus, TuttoFood, Vinitaly e Universal Marketing".

Donato Cinelli, presidente di Universal Marketing, l agente esclusivo per l’Italia della Specialty Food Association, ha commentato: "Siamo davvero fieri del lavoro fatto. Oggi gli Usa rappresentano davvero il luogo ideale per valorizzare al massimo il prodotto italiano, il nostro Made in Italy è un pilastro della cultura del bello che gli americani ricercano. Il Summer Fancy Food è al massimo del suo successo e con nostra grande soddisfazione, anno dopo anno, registriamo il compiacimento da parte player del Food italiano".

Altri Servizi

Wall Street, cala l'ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Le trattative riprenderanno il 10 ottobre
AP

Wall Street attende i negoziati Usa-Cina

Le trattative ad alto livello riprenderanno giovedì a Washington
AP

Wall Street, si guarda ai negoziati Usa-Cina

Indizi contrastanti sul possibile esito delle trattative, che ripartono oggi a Washington
AP

Siria, il presidente Trump: "Ora di tornare a casa, basta guerra senza fine"

Gli Usa danno il via libera all'attacco turco contro i curdi. "Ora ci pensi l'Europa" ha aggiunto il capo di Stato Usa

"Gli Stati Uniti dovevano restare in Siria per 30 giorni, questo molti anni fa. Siamo rimasti e siamo andati sempre più a fondo a una battaglia senza obiettivi all'orizzonte. Quando sono arrivato a Washington, l'Isis dilagava incontrollato nell'area. Abbiamo sconfitto rapidamente il 100% del califfato dell'Isis [...] I curdi hanno combattuto con noi, ma sono stati pagati con soldi e armi per farlo. Combattono i turchi da decenni. Mi sono tenuto a distanza da questa battaglia per quasi 3 anni, ma è ora per noi di uscire da queste ridicole guerre senza fine, molte delle quali tribali, e di riportare a casa i nostri soldati". Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, per spiegare la decisione di lasciare il Nord della Siria, dove la Turchia ha intenzione di attaccare i curdi.

Sparatoria in un bar di Kansas City, quattro morti e cinque feriti

Nei primi nove mesi dell'anno, 21 sparatorie negli Stati Uniti e 124 morti
Ap

Quattro persone sono state uccise in un bar di Kansas City, negli Stati Uniti, dove la scorsa notte un uomo è entrato e ha cominciato a sparare, secondo quanto confermato dalla polizia alla Cnn. 

Nuove nomine per il GEI: Platero presidente e l'Ambasciatore Varricchio presidente onorario

Il gruppo provera' ad allargare la base di soci e aprira' un junior committee per i giovani italiani in Usa
A24

É Mario Platero il nuovo presidente del Gruppo Esponenti Italiani (GEI). L’ex corrispondente de IlSole24Ore a New York è stato eletto all’unanimità dall’assemblea del gruppo, fondato 45 anni fa a New York. Sempre con voto unanime, l'assemblea ha votato per nominare l’Ambasciatore d’Italia negli Stati Uniti presidente onorario del gruppo che raduna i rappresentanti delle maggiori aziende, organizzazioni e istituzioni italiane attive negli Usa. L’attuale Ambasciatore Armando Varricchio ha accettato la nomina e sarà il primo a ricoprire l’incarico. Infine, l’assemblea ha deciso di assegnare a Giovanni Pellerito, il Ceo di GP Communications North America, l’incarico di seguire l’attività di comunicazione.

Caso Ucraina, arrestati due soci di Giuliani per fondi elettorali illegali

Avrebbero violato le leggi contro l'influenza straniera nelle elezioni

Due persone vicine a Rudy Giuliani, l'avvocato personale del presidente Donald Trump, sono state arrestate ieri sera in Virginia, con l'accusa di aver violato le leggi sui finanziamenti delle campagne elettorali. Lo scrive il Washington Post.

Warren: "Se vinco le primarie, sfido Trump senza i grandi donatori"

La senatrice è salita in testa alla media dei sondaggi nazionali di Real Clear Politics: è lei la preferita dei democratici per sfidare Trump
AP

La senatrice statunitense Elizabeth Warren, che sta affrontando la campagna elettorale per le primarie senza l'aiuto dei grandi donatori, ha detto che se otterrà la nomination democratica continuerà a rinunciare alle somme dei grandi finanziatori; si tratta di un cambio di strategia, visto che in passato aveva detto di voler rinunciare alle grandi donazioni solo per le primarie. A febbraio, alla Msnbc, aveva detto: "Non credo al disarmo unilaterale", riferendosi alle grandi donazioni di cui potrà disporre il presidente Donald Trump per le presidenziali del prossimo anno.

Montgomery (Alabama) elegge il suo primo sindaco afroamericano

Si tratta del giudice Steven Reed, 45 anni

Montgomery, capitale dell'Alabama (Stati Uniti), ha eletto il suo primo sindaco afroamericano in 200 anni di storia. Il giudice Steven Reed, 45 anni, ha vinto il ballottaggio contro l'uomo d'affari David Woods con un ampio margine, avendo ottenuto circa il 67% dei voti.

Media: la Cina pronta a discutere un "accordo parziale" con gli Usa

Per Bloomberg e Ft, Pechino offre l'acquisto di più prodotti agricoli
Ap

La Cina è pronta a discutere "un accordo parziale" con gli Stati Uniti. Secondo Bloomberg, che cita una fonte con conoscenze dirette dei negoziati, Pechino è pronta a un possibile accordo, a condizione che il presidente Donald Trump non imponga più dazi sui prodotti cinesi, nemmeno quelli già programmati per questo mese e per dicembre. Secondo la stessa fonte, Pechino ha intenzione di offrire alcune concessioni, come l'aumento dell'acquisto di prodotti agricoli statunitensi, che però non riguardano il fulcro della contesa tra le due maggiori potenze mondiali.