La Cina fa guerra alla Nba: colpa di un tweet su Hong Kong

Il general manager degli Houston Rockets ha espresso sostegno ai manifestanti per la democrazia
Ap

La televisione di Stato CCTV ha deciso di sospendere la trasmissione in Cina delle partite della preseason della Nba. La decisione è frutto di uno scontro iniziato venerd" scorso, quando Daryl Morey, general manager degli Houston Rockets, squadra della Nba molto seguita in Cina, ha scritto un tweet di sostegno per le manifestazioni a favore della democrazia a Hong Kong; il tweet è stato poi cancellato, quando ormai era tardi per evitare l'ira di Pechino.

La scelta del presidente della Nba, Adam Silver, di difendere Morey ("sostengo la sua possibilità di esercitare la sua libertà di espressione") ha poi portato la CCTV a prendere la decisione di sospendere la trasmissione delle partite del precampionato. In un comunicato, la televisione di Stato ha criticato Silver, scrivendo che non si può definire "libertà di parola" il tentativo di minare la sovranità nazionale e la stabilità sociale. Al momento, non è chiaro se la sospensione durerà solo per il precampionato o anche per la stagione regolare.

Anche Tencent, che detiene i diritti per lo streaming delle partite della Nba in Cina, ha deciso di "sospendere temporaneamente" le trasmissioni; Tencent è partner della Nba dal 2009 e le due parti hanno di recente annunciato l'estensione del loro accordo fino alla stagione 2024-2025, che vale 1,5 miliardi di dollari.

In un comunicato, Silver ha scritto che "i valori di eguaglianza, rispetto e libertà di espressione hanno a lungo definito la Nba, e continueranno a farlo [...] La Nba non si metterà nella posizione di regolare quello che giocatori, dipendenti e proprietari dei team possano dire o non dire". Subito dopo il tweet di Morey, la Nba aveva preso le distanze dal manager, affermando che il suo sostegno ai manifestanti di Hong Kong "non rappresenta i Rockets o la Nba". I Rockets avrebbero preso in considerazione la possibilità di licenziare Morey nel tentativo di placare l'ira delle autorità cinesi. Sui siti di e-commerce in Cina, a partire da quello di Alibaba, i prodotti relativi alle squadra della Nba sarebbero stati momentaneamente eliminati.

Altri Servizi

Wall Street riparte dopo il primo trimestre peggiore della sua storia

Oggi atteso il dato sull'occupazione nel settore privato
AP

Wall Street, verso un'altra settimana volatile

Il presidente Trump 'rinuncia' a far ripartire gli Stati Uniti entro Pasqua
AP

Trump allenta gli standard ambientali per le auto

Le nuove norme, che cancellano le misure volute da Obama, saranno subito portate in tribunale da Stati e gruppi ambientalisti

L'amministrazione Trump ha presentato le norme finali per allentare le misure sull'efficienza energetica delle autovetture volute da Barack Obama per contrastare il cambiamento climatico. I nuovi standard sono stati annunciati dal dipartimento dei trasporti e dall'Environmental Protection Agency (Epa), l'agenzia per l'ambiente.

Cuomo: "Coronavirus sottovalutato". Nello Stato di New York, 75.795 casi e 1.550 morti

I positivi aumentati del 14% in un giorno, i morti del 27,2%
iStock

Il governatore dello Stato di New York, Andrew Cuomo, ha dichiarato che il coronavirus "è più pericoloso" di quanto atteso; nell'ultima giornata, i casi sono aumentati del 14% a 75.795 e i morti sono aumentati del 27,2% da 1.218 a 1.550. "Abbiamo sottovalutato questo virus, è più potente e pericoloso di quanto pensassimo". "Tutti vogliono sapere una cosa: 'Quando finirà?'. Nessuno lo sa, ma posso dire che non sarà presto. Quindi ricalibrate voi stessi e le vostre aspettativ, cos" da non essere delusi ogni mattina, quando vi svegliate".

Coronavirus, Pence: "Situazione Usa comparabile a quella dell'Italia"

Il vicepresidente Usa: "Il futuro è nelle nostre mani". I casi negli Stati Uniti sono 189.633, i morti 4.081

"Pensiamo che l'Italia sia l'area più comparabile agli Stati Uniti, in questo momento". A dirlo è stato il vicepresidente statunitense, Mike Pence, intervistato dalla Cnn sull'emergenza coronavirus. "Il nostro messaggio di ieri e per i prossimi 30 giorni è che il futuro è nelle nostre mani" ha dichiarato.

Wall Street, resta l'agitazione per coronavirus e petrolio

Dati in programma: indice dei prezzi e fiducia dei consumatori
AP

Wall Street verso un ribasso dopo la migliore tre giorni dal 1931

Gli Usa attendono che la Camera approvi il piano di stimoli economici da 2.000 miliardi di dollari
AP

Coronavirus, Trump: picco a Pasqua, il numero di morti calerà molto entro giugno

Il presidente Usa intervistato da Fox News: "Se non avessi fatto nulla, avremmo rischiato 2,2 milioni di morti; avremo fatto un buon lavoro se saranno al massimo 200.000"
Ap

"Stiamo combattendo una guerra. È incredibile quello che stiamo facendo [...] Stiamo facendo un grande lavoro, stiamo costruendo degli ospedali in 3-4 giorni. Intorno a Pasqua ci sarà il picco, gli esperti prevedono che ci saranno dei veri progressi entro la fine di aprile". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, che sta parlando a 'Fox and friends' su Fox News a proposito dell'emergenza coronavirus. Trump ha poi detto che il numero di morti "calerà molto" entro il primo giugno.

Coronavirus, Pelosi attacca Trump: "Il suo negazionismo è costato vite umane"

Attacco della speaker democratica al tycoon durante un’intervista alla Cnn
Ap

La speaker democratica della Camera, Nancy Pelosi, è tornata ad attaccare Donald Trump puntando il dito contro la sua risposta alla pandemia di coronavirus che ha investito il mondo e in particolar modo gli Stati Uniti, primo Paese per contagi dopo aver superato Italia e Cina. "Il suo negazionismo iniziale è stato letale", ha detto Pelosi alla Cnn ospite del programma "State of the Union" aggiungendo che mentre il presidente "temporeggia la gente sta morendo".

Trump e il coronavirus: tra salute pubblica ed economia si gioca il futuro da presidente

'The Donald' preme per far ripartire gli Stati Uniti al più presto, per paura che il crollo dell'economia possa costargli la rielezione. Potrebbe però far aggravare la crisi sanitaria, che non gli sarebbe perdonata dagli americani
General Electric

Quando il senatore Lindsey Graham ha chiamato il presidente Donald Trump, la scorsa domenica, è stato chiaro: se farai ripartire il Paese troppo presto, contro l'avviso degli esperti di salute pubblica, ti saranno addebitate le morti da nuovo coronavirus che seguiranno. Il senatore repubblicano, stretto alleato del presidente, gli ha anche detto che non sarà considerato l'unico responsabile: lo stesso partito repubblicano rischierebbe di essere incolpato di aver messo il commercio e i mercati azionari davanti alla salute degli americani, tra l'altro a pochi mesi dalle elezioni presidenziali. A raccontare la telefonata tra i due, al Washington Post, sono stati tre funzionari della Casa Bianca e un parlamentare repubblicano.