Pence contro la Nba: "Una sussidiaria del partito comunista cinese"

Il vicepresidente Usa interviene sulla 'crisi' tra la lega di basket e Pechino e critica le star, spesso critiche con Trump, che invece preferiscono il silenzio su Hong Kong
Ap

"La Nba si comporta come una sussidiaria" del partito comunista cinese. È il duro attacco del vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, intervenuto sulle polemiche suscitate dalla 'crisi' tra il massimo campionato di basket statunitense e la Cina, iniziata per un tweet di sostegno ai manifestanti di Hong Kong da parte di un dirigente degli Houston Rockets.

"Alcuni dei più grandi giocatori e proprietari della Nba, che esercitano regolarmente la loro libertà di criticare questo Paese, perdono la loro voce quando si tratta della libertà e dei diritti di altri popoli" ha dichiarato Pence. "Mettendosi dalla parte del partito comunista cinese e mettendo a tacere la libertà di parola, la Nba sta agendo come una sussidiaria di un regime autoritario".

Pochi giorni fa, il commissario della Nba, Adam Silver, ha detto che le conseguenze economiche della crisi con la Cina sono "piuttosto consistenti". Tutto è nato da un tweet di Daryl Morey, general manager degli Houston Rockets, squadra della Nba molto seguita in Cina, in cui esprimeva sostegno per le manifestazioni a favore della democrazia a Hong Kong; il tweet era stato poi cancellato, quando però era tardi per evitare l'ira di Pechino.

A causa del tweet di Morey, la Cina ha deciso di sospendere la trasmissioni delle partite della pre season come forma di ritorsione e di non mandare in onda nemmeno i primi incontri del campionato, iniziato questa settimana; eventi promozionali e conferenze stampa in Cina, dove alcune squadre erano impegnate in una tournée, nei giorni scorsi, sono stati cancellati.

La Nba è stata incerta tra il sostegno a Morey e la necessità di difendere un mercato molto importante per la lega, attirandosi molte critiche negli Stati Uniti; il campione più conosciuto del campionato, LeBron James, sempre molto critico nei confronti del presidente Donald Trump, ha dichiarato che Morey era "male informato o davvero poco a conoscenza sulla situazione" e che avrebbe fatto meglio a evitare di esprimersi. Steve Kerr, allenatore dei Golden State Warriors noto per essersi espresso spesso contro Trump, ha evitato di rispondere a una domanda sulla questione.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione alle richieste di disoccupazione

In programma anche il deficit della bilancia commerciale
AP

Usa, effetto coronavirus: 10 milioni di disoccupati in due settimane

La scorsa settimana, 6,6 milioni di nuove richieste di sussidi di disoccupazione, il doppio della settimana precedente
Ap

Il numero dei lavoratori che per la prima volta hanno fatto richiesta, la scorsa settimana, per ricevere i sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti ha registrato un aumento record, perché ha fortemente subito gli effetti della pandemia di coronavirus. Secondo quanto riportato dal dipartimento del Lavoro, le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione sono aumentate di 3,341 milioni a 6,648 milioni di unità; gli analisti attendevano un dato in rialzo di 3,1 milioni. 

Wall Street, attesa per il rapporto sull'occupazione

Petrolio in rialzo dopo il diffuso ottimismo sul taglio della produzione
AP

Usa: -701.000 posti di lavoro a marzo, la disoccupazione sale al 4,4%

Primi effetti del coronavirus, ma i dati si riferiscono solo fino al 12 marzo, all'inizio dell'applicazione delle misure restrittive per contenere la diffusione della pandemia

Il mese scorso, le aziende statunitensi hanno cominciato a licenziare, a cauda dell'emergenza coronavirus, i cui effetti saranno più visibili nei prossimi mesi; la disoccupazione è salita dai minimi degli ultimi 50 anni a un livello superiore a quello atteso dagli esperti. Negli Stati Uniti, a marzo sono stati persi 701.000 posti di lavoro, mentre gli analisti attendevano una riduzione di 10.000 posti di lavoro. La disoccupazione è salita dal 3,5% al 4,4%, contro attese per un 3,7 per cento.

Coronavirus, Trump: picco a Pasqua, il numero di morti calerà molto entro giugno

Il presidente Usa intervistato da Fox News: "Se non avessi fatto nulla, avremmo rischiato 2,2 milioni di morti; avremo fatto un buon lavoro se saranno al massimo 200.000"
Ap

"Stiamo combattendo una guerra. È incredibile quello che stiamo facendo [...] Stiamo facendo un grande lavoro, stiamo costruendo degli ospedali in 3-4 giorni. Intorno a Pasqua ci sarà il picco, gli esperti prevedono che ci saranno dei veri progressi entro la fine di aprile". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, che sta parlando a 'Fox and friends' su Fox News a proposito dell'emergenza coronavirus. Trump ha poi detto che il numero di morti "calerà molto" entro il primo giugno.

Wall Street, resta l'agitazione per coronavirus e petrolio

Dati in programma: indice dei prezzi e fiducia dei consumatori
AP

Coronavirus, Pence: "Situazione Usa comparabile a quella dell'Italia"

Il vicepresidente Usa: "Il futuro è nelle nostre mani". I casi negli Stati Uniti sono 189.633, i morti 4.081

"Pensiamo che l'Italia sia l'area più comparabile agli Stati Uniti, in questo momento". A dirlo è stato il vicepresidente statunitense, Mike Pence, intervistato dalla Cnn sull'emergenza coronavirus. "Il nostro messaggio di ieri e per i prossimi 30 giorni è che il futuro è nelle nostre mani" ha dichiarato.

Cuomo: "Coronavirus sottovalutato". Nello Stato di New York, 75.795 casi e 1.550 morti

I positivi aumentati del 14% in un giorno, i morti del 27,2%
iStock

Il governatore dello Stato di New York, Andrew Cuomo, ha dichiarato che il coronavirus "è più pericoloso" di quanto atteso; nell'ultima giornata, i casi sono aumentati del 14% a 75.795 e i morti sono aumentati del 27,2% da 1.218 a 1.550. "Abbiamo sottovalutato questo virus, è più potente e pericoloso di quanto pensassimo". "Tutti vogliono sapere una cosa: 'Quando finirà?'. Nessuno lo sa, ma posso dire che non sarà presto. Quindi ricalibrate voi stessi e le vostre aspettativ, cos" da non essere delusi ogni mattina, quando vi svegliate".

Wall Street riparte dopo il primo trimestre peggiore della sua storia

Oggi atteso il dato sull'occupazione nel settore privato
AP

Coronavirus, oltre 2mila morti negli Stati Uniti. Trump rinuncia alla quarantena per New York

Il presidente americano impone delle limitazioni per provare a contenere i contagi dopo che negli Usa sono più di 120mila i casi
White House /Shealah Craighead

Donald Trump torna sui suoi passi e abbandona l’idea di mettere in quarantena gli stati di New York, New Jersey e Connecticut dopo che nelle ultime ore quest’idea, da lui stesso paventata, aveva riscosso non poche critiche. È lo stesso presidente americano a darne notizia su Twitter: "Su raccomandazione della Task Force Coronavirus della Casa Bianca e dopo essermi consultato con i governatori di New York, New Jersey e Connecticut, ho chiesto di limitare rigorosamente gli spostamenti nell'area, sotto il controllo degli stessi governatori, in consultazione con il Governo federale. Ma non sarà necessaria una quarantena", ha spiegato il tycoon.