Sacha Baron Cohen contro Mark Zuckerberg: "Aprirebbe un profilo anche a Hitler"

L’attore e comico attacca i giganti della tecnologia definendoli "la più grande macchina di propaganda della storia”
Wikipedia

Sacha Baron Cohen contro i giganti della tecnologia. L’attore e comico ha infatti definito Facebook, Twitter, YouTube e Google la "più grande macchina di propaganda della storia". Il protagonista di Borat è intervenuto a "Never Is Now", il summit della Anti-Defamation League sull’antisemitismo e l’odio a New York, dove ha puntato il dito contro i colossi dell’hi-tech colpevoli di aver facilitato centinaia di "attacchi omicidi a minoranze religiose ed etniche".

"Gli algoritmi da cui dipendono queste piattaforme amplificano deliberatamente il tipo di contenuto che coinvolge gli utenti: storie che fanno appello ai nostri istinti di base e che innescano indignazione e paura", ha detto Cohen che ha poi aggiunto: "Ecco perché YouTube ha consigliato miliardi di volte i video del cospiratore Alex Jones. È per questo che le notizie false superano le notizie reali, perché gli studi dimostrano che le bugie si diffondono più velocemente della verità".

L'attore britannico ha poi puntato il dito contro Mark Zuckerberg e la scelta di non effettuare un fact-checking sulle pubblicità politiche, non vietando quelle che contengono fake news: "Facebook pubblicherà qualsiasi annuncio 'politico', anche se è una bugia. Ti aiuteranno persino a mirare tali bugie ai loro utenti per ottenere il massimo effetto", ha detto Cohen.

Proprio il fondatore e Ceo di Facebook è stato il principale oggetto degli attacchi: "Se Facebook fosse stato in circolazione negli anni ‘30, avrebbe permesso a Hitler di pubblicare annunci di 30 secondi sulla sua 'soluzione' al 'problema ebraico', pensate a ciò che Goebbels avrebbe potuto fare con Facebook", ha detto l'interprete di Ali G che si è scagliato anche conto la definizione di bastione della "libera espressione" che lo scorso mese Zuckerberg aveva dato del suo social media.

 Ma non è tutto perché Cohen ha criticato duramente anche la decisione di Facebook di non rimuovere i negazionisti dell’Olocausto: "Abbiamo milioni di prove per l’Olocausto è un fatto storico. Coloro che negano la Shoah mirano a incoraggiarne un’altra", ha detto ancora l'attore secondo cui le società Internet "possono essere ritenute responsabili dei pedofili che usano i loro siti per colpire i bambini, e che sostengono l’omicidio di massa di minori a causa della loro razza o religione".

"Forse le multe non sono sufficienti. Forse è il momento di dirlo a Mark Zuckerberg e ai CEO di queste società: avete già permesso a una potenza straniera di interferire nelle nostre elezioni, avete già facilitato un genocidio a Myanmar, fatelo di nuovo e andrete in galera", ha concluso Cohen che ha spiegato perché reprimere il comportamento di Facebook non ha nulla a "che fare con la libertà di parola o di espressione": si tratta di assicurarsi che "le persone non siano prese di mira, molestate o uccise per via di chi sono, di chi amano,  del posto da dove vengono o per come pregano".

Altri Servizi

Wall Street, delusione per possibile rinvio accordo Usa-Cina

Il presidente Trump ha dichiarato che potrebbe essere meglio aspettare le elezioni del 2020 prima di firmare un'intesa commerciale con Pechino

Usa 2020, primarie Dem: si ritira la senatrice Kamala Harris

Dopo un inizio promettente, era finita nell'anonimato. "Non abbiamo i soldi per andare avanti" ha spiegato ai suoi sostenitori

La senatrice Kamala Harris ha annunciato il ritiro della sua candidatura alle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi. Nelle ore precedenti, era stata annunciata la cancellazione di un evento di raccolta fondi a New York.

Audizione per l'impeachment di Trump, tre costituzionalisti su quattro a favore

Quattro esperti chiamati a testimoniare davanti alla commissione Giustizia della Camera, che deciderà se procedere con la messa in stato d'accusa del presidente Usa
Ap

In base a prove e testimonianze, il presidente statunitense Donald Trump ha commesso reati passibili di impeachment. Lo ha detto Noah Feldman, professore di Harvard, primo dei quattro costituzionalisti chiamati a testimoniare davanti alla commissione Giustizia della Camera, che deve decidere sull'impeachment di Trump. 

Wall Street, nuovi segnali positivi su Usa-Cina

Secondo Bloomberg, accordo commerciale vicino tra le due potenze
AP
Walt Disney

‘Frozen 2’ batte ogni record. Il film che narra la storia delle due sorelle, Elsa e Anna, ha incassato 123,7 milioni di dollari negli Stati Uniti ed in Canada durante i cinque giorni del weekend di Thanksgiving, superando il precedente record di 110 milioni di dollari detenuto da ‘Hunger Games: La Ragazza di Fuoco’ del 2013.

Accordo preliminare tra Fca e sindacato Uaw su un nuovo contratto di lavoro

Lo United Auto Workers, quest'anno, ha già firmato dei nuovi contratti con gli altri due colossi di Detroit: Ford e General Motors
Ap

Fiat Chrysler e il sindacato statunitense United Auto Workers hanno raggiunto un accordo preliminare su un nuovo contratto di lavoro, in un periodo molto intenso per entrambe le parti. La scorsa settimana, lo Uaw - il maggior sindacato del settore auto - aveva diretto le proprie attenzioni su Fca, l'ultimo gruppo automobilistico di Detroit con cui dover ancora stipulare un nuovo contratto nel 2019.

Trump: "Dem antipatriottici". Oggi il rapporto sulle indagini per l'impeachment

I democratici vogliono un voto alla Camera entro Natale; in questo caso, a gennaio partirebbe il processo in Senato
Ap

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha definito i democratici "molto antipatriottici" perché vogliono metterlo in stato d'accusa, mentre la commissione Intelligence della Camera si prepara a rendere noto il proprio rapporto sulle prove e le testimonianze raccolte nel corso delle ultime settimane; in base a questo rapporto, la commissione Giustizia deciderà se e quali articoli di impeachment redigere e far votare alla Camera. In settimana, la commissione darà il via alle proprie audizioni e ha invitato Trump a partecipare.

Nato, Trump metterà in guardia da Russia e Cina; il 4 incontro con Conte

Il presidente Usa alle celebrazioni per i 70 anni dell'Alleanza, in programma a Londra il 3-4 dicembre
Ap

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, solleverà il problema delle minacce portate da Russia e Cina, durante il vertice della Nato che si terrà a Londra la prossima settimana, in occasione del settantesimo anniversario dell'Alleanza atlantica. Secondo quanto riferito dall'amministrazione statunitense durante una conference call con i giornalisti, Trump incontrerà diversi capi di Stato e di governo a margine della riunione della Nato, tra cui il presidente del Consiglio italiano, Giuseppe Conte, con cui è previsto un incontro mercoledì 4 dicembre.

L’ex segretario di Stato Usa, John Kerry, ha creato una nuova coalizione formata da leader globali, esponenti militari e star di Hollywood con lo scopo di promuovere iniziative pubbliche per contrastare il cambiamento climatico.

Il maltempo mette a rischio il ritorno a casa di milioni di persone dopo il Thanksgiving

Nel weekend, una violenta tempesta è attesa nel Midwest e nel nord-est. Gran parte degli Stati Uniti, nel corso della settimana del Ringraziamento, è stata attraversata da forti piogge e nevicate

Una violenta tempesta si sta spostando dalla California verso la costa orientale degli Stati Uniti, provocando grossi problemi durante il weekend di vacanza più trafficato dell'anno. Secondo i meteorologi, la neve e il ghiaccio mettono a rischio il ritorno a casa di milioni di americani, dopo il Thanksgiving.