Sacha Baron Cohen contro Mark Zuckerberg: "Aprirebbe un profilo anche a Hitler"

L’attore e comico attacca i giganti della tecnologia definendoli "la più grande macchina di propaganda della storia”
Wikipedia

Sacha Baron Cohen contro i giganti della tecnologia. L’attore e comico ha infatti definito Facebook, Twitter, YouTube e Google la "più grande macchina di propaganda della storia". Il protagonista di Borat è intervenuto a "Never Is Now", il summit della Anti-Defamation League sull’antisemitismo e l’odio a New York, dove ha puntato il dito contro i colossi dell’hi-tech colpevoli di aver facilitato centinaia di "attacchi omicidi a minoranze religiose ed etniche".

"Gli algoritmi da cui dipendono queste piattaforme amplificano deliberatamente il tipo di contenuto che coinvolge gli utenti: storie che fanno appello ai nostri istinti di base e che innescano indignazione e paura", ha detto Cohen che ha poi aggiunto: "Ecco perché YouTube ha consigliato miliardi di volte i video del cospiratore Alex Jones. È per questo che le notizie false superano le notizie reali, perché gli studi dimostrano che le bugie si diffondono più velocemente della verità".

L'attore britannico ha poi puntato il dito contro Mark Zuckerberg e la scelta di non effettuare un fact-checking sulle pubblicità politiche, non vietando quelle che contengono fake news: "Facebook pubblicherà qualsiasi annuncio 'politico', anche se è una bugia. Ti aiuteranno persino a mirare tali bugie ai loro utenti per ottenere il massimo effetto", ha detto Cohen.

Proprio il fondatore e Ceo di Facebook è stato il principale oggetto degli attacchi: "Se Facebook fosse stato in circolazione negli anni ‘30, avrebbe permesso a Hitler di pubblicare annunci di 30 secondi sulla sua 'soluzione' al 'problema ebraico', pensate a ciò che Goebbels avrebbe potuto fare con Facebook", ha detto l'interprete di Ali G che si è scagliato anche conto la definizione di bastione della "libera espressione" che lo scorso mese Zuckerberg aveva dato del suo social media.

 Ma non è tutto perché Cohen ha criticato duramente anche la decisione di Facebook di non rimuovere i negazionisti dell’Olocausto: "Abbiamo milioni di prove per l’Olocausto è un fatto storico. Coloro che negano la Shoah mirano a incoraggiarne un’altra", ha detto ancora l'attore secondo cui le società Internet "possono essere ritenute responsabili dei pedofili che usano i loro siti per colpire i bambini, e che sostengono l’omicidio di massa di minori a causa della loro razza o religione".

"Forse le multe non sono sufficienti. Forse è il momento di dirlo a Mark Zuckerberg e ai CEO di queste società: avete già permesso a una potenza straniera di interferire nelle nostre elezioni, avete già facilitato un genocidio a Myanmar, fatelo di nuovo e andrete in galera", ha concluso Cohen che ha spiegato perché reprimere il comportamento di Facebook non ha nulla a "che fare con la libertà di parola o di espressione": si tratta di assicurarsi che "le persone non siano prese di mira, molestate o uccise per via di chi sono, di chi amano,  del posto da dove vengono o per come pregano".

Altri Servizi

Wall Street, attenzione alle richieste di disoccupazione

In programma anche il deficit della bilancia commerciale
AP

Usa, effetto coronavirus: 10 milioni di disoccupati in due settimane

La scorsa settimana, 6,6 milioni di nuove richieste di sussidi di disoccupazione, il doppio della settimana precedente
Ap

Il numero dei lavoratori che per la prima volta hanno fatto richiesta, la scorsa settimana, per ricevere i sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti ha registrato un aumento record, perché ha fortemente subito gli effetti della pandemia di coronavirus. Secondo quanto riportato dal dipartimento del Lavoro, le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione sono aumentate di 3,341 milioni a 6,648 milioni di unità; gli analisti attendevano un dato in rialzo di 3,1 milioni. 

Wall Street, attesa per il rapporto sull'occupazione

Petrolio in rialzo dopo il diffuso ottimismo sul taglio della produzione
AP

Usa: -701.000 posti di lavoro a marzo, la disoccupazione sale al 4,4%

Primi effetti del coronavirus, ma i dati si riferiscono solo fino al 12 marzo, all'inizio dell'applicazione delle misure restrittive per contenere la diffusione della pandemia

Il mese scorso, le aziende statunitensi hanno cominciato a licenziare, a cauda dell'emergenza coronavirus, i cui effetti saranno più visibili nei prossimi mesi; la disoccupazione è salita dai minimi degli ultimi 50 anni a un livello superiore a quello atteso dagli esperti. Negli Stati Uniti, a marzo sono stati persi 701.000 posti di lavoro, mentre gli analisti attendevano una riduzione di 10.000 posti di lavoro. La disoccupazione è salita dal 3,5% al 4,4%, contro attese per un 3,7 per cento.

Coronavirus, Trump: picco a Pasqua, il numero di morti calerà molto entro giugno

Il presidente Usa intervistato da Fox News: "Se non avessi fatto nulla, avremmo rischiato 2,2 milioni di morti; avremo fatto un buon lavoro se saranno al massimo 200.000"
Ap

"Stiamo combattendo una guerra. È incredibile quello che stiamo facendo [...] Stiamo facendo un grande lavoro, stiamo costruendo degli ospedali in 3-4 giorni. Intorno a Pasqua ci sarà il picco, gli esperti prevedono che ci saranno dei veri progressi entro la fine di aprile". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, che sta parlando a 'Fox and friends' su Fox News a proposito dell'emergenza coronavirus. Trump ha poi detto che il numero di morti "calerà molto" entro il primo giugno.

Wall Street, resta l'agitazione per coronavirus e petrolio

Dati in programma: indice dei prezzi e fiducia dei consumatori
AP

Coronavirus, Pence: "Situazione Usa comparabile a quella dell'Italia"

Il vicepresidente Usa: "Il futuro è nelle nostre mani". I casi negli Stati Uniti sono 189.633, i morti 4.081

"Pensiamo che l'Italia sia l'area più comparabile agli Stati Uniti, in questo momento". A dirlo è stato il vicepresidente statunitense, Mike Pence, intervistato dalla Cnn sull'emergenza coronavirus. "Il nostro messaggio di ieri e per i prossimi 30 giorni è che il futuro è nelle nostre mani" ha dichiarato.

Cuomo: "Coronavirus sottovalutato". Nello Stato di New York, 75.795 casi e 1.550 morti

I positivi aumentati del 14% in un giorno, i morti del 27,2%
iStock

Il governatore dello Stato di New York, Andrew Cuomo, ha dichiarato che il coronavirus "è più pericoloso" di quanto atteso; nell'ultima giornata, i casi sono aumentati del 14% a 75.795 e i morti sono aumentati del 27,2% da 1.218 a 1.550. "Abbiamo sottovalutato questo virus, è più potente e pericoloso di quanto pensassimo". "Tutti vogliono sapere una cosa: 'Quando finirà?'. Nessuno lo sa, ma posso dire che non sarà presto. Quindi ricalibrate voi stessi e le vostre aspettativ, cos" da non essere delusi ogni mattina, quando vi svegliate".

Wall Street riparte dopo il primo trimestre peggiore della sua storia

Oggi atteso il dato sull'occupazione nel settore privato
AP

Coronavirus, oltre 2mila morti negli Stati Uniti. Trump rinuncia alla quarantena per New York

Il presidente americano impone delle limitazioni per provare a contenere i contagi dopo che negli Usa sono più di 120mila i casi
White House /Shealah Craighead

Donald Trump torna sui suoi passi e abbandona l’idea di mettere in quarantena gli stati di New York, New Jersey e Connecticut dopo che nelle ultime ore quest’idea, da lui stesso paventata, aveva riscosso non poche critiche. È lo stesso presidente americano a darne notizia su Twitter: "Su raccomandazione della Task Force Coronavirus della Casa Bianca e dopo essermi consultato con i governatori di New York, New Jersey e Connecticut, ho chiesto di limitare rigorosamente gli spostamenti nell'area, sotto il controllo degli stessi governatori, in consultazione con il Governo federale. Ma non sarà necessaria una quarantena", ha spiegato il tycoon.