Usa 2016: Clinton +3 milioni di voti, per Trump decisivi 3 Stati

Il miliardario è il repubblicano più votato della storia; meglio di Clinton, invece, solo Obama nel 2008. Decisivi solo 77.759 voti: quelli che hanno consentito a Trump di vincere in Pennsylvania, Michigan e Wisconsin

Donald Trump ha vinto le elezioni presidenziali statunitensi, ma Hillary Clinton ha ottenuto quasi tre milioni di voti in più. A circa un mese e mezzo dall'Election Day, i dati sono definitivi e certificati: la candidata democratica, Hillary Clinton, ha ottenuto 65.844.610 voti (48,2%); il candidato repubblicano, Donald Trump, ha conquistato 62.979.636 preferenze (46,1%); tutti gli altri candidati, insieme, hanno ottenuto 7.804.213 voti (5,7%).

Bisogna ricordare che gli elettori statunitensi non eleggono direttamente il presidente, ma i grandi elettori, che poi eleggono il capo di Stato; il candidato presidenziale che vince in uno Stato ottiene la totalità dei suoi grandi elettori, tranne in Maine e Nebraska (nessuna legge federale, e nemmeno la Costituzione, costringe i grandi elettori a votare in un certo modo; ci sono però alcune leggi statali che li obbligano a votare seguendo l'indicazione popolare e che prevedono che gli "elettori infedeli" siano multati o persino esclusi e rimpiazzati). Trump ha conquistato 30 Stati, assicurandosi 306 grandi elettori (il 56,9% del totale). Lunedì 19 dicembre, la vittoria di Trump è stata certificata dal Collegio elettorale, con 304 grandi elettori che hanno votato per il miliardario (due repubblicani non lo hanno votato) e 227 per Clinton (cinque democratici non l'hanno votata).

In queste settimane, sono stati Dave Wasserman e il Cook Political Report ad aggiornare costantemente i dati provenienti dai 50 Stati e dal District of Columbia. Trump, nonostante la sconfitta nel voto popolare, è il candidato repubblicano più votato, avendo superato George W. Bush, che nel 2004 ottenne 62.039.073 voti.

Il democratico Barack Obama resta il candidato più votato in un'elezione presidenziale statunitense, con 69.297.997 preferenze ottenute nel 2008, ma Clinton ha ricevuto più voti di qualsiasi candidato bianco. In pratica, escluso l'attuale presidente, nessun candidato ha mai ottenuto più voti di Clinton, che ha anche un altro primato: quello di candidato perdente che ha ottenuto, nel voto popolare, il vantaggio maggiore (in valore assoluto, non percentuali) sul candidato vincente (quest'anno, per la quinta volta, il voto popolare ha premiato il candidato perdente).

Il Cook Political Report ha raccolto 22 fatti interessanti relativi alle elezioni presidenziali: tra questi, il più rilevante è che sono stati decisivi, per la vittoria di Trump, solo 77.759 voti, quelli che gli hanno permesso di conquistare Wisconsin (+22.748 voti), Pennsylvania (+44.307 voti) e Michigan (+10.704 voti); volendo essere ancora più specifici, sono state decisive tre contee: Macomb County in Michigan, York County in Pennsylvania e Waukesha County in Wisconsin.

Lo Stato dove è stato registrato il maggior incremento nel numero di voti rispetto al 2012 è stato il Texas (+12,2%), mentre all'opposto c'è il Mississippi (-6,7%). Lo Stato dove il partito repubblicano ha migliorato maggiormente il proprio risultato in termini percentuali è stato il North Dakota (+16,1%), mentre per i democratici è stato lo Utah (+30%), dove comunque ha perso.

Venerdì 6 gennaio, alle 13, i membri di Camera e Senato si incontreranno per l'annuncio formale del vincitore delle elezioni. Il passo successivo, e finale, sarà il giuramento del 45esimo presidente, Donald Trump, il 20 gennaio.

Altri Servizi

Il Calendario Pirelli 2017: Peter Lindbergh e l'emozione della bellezza

Durante la settimana della moda di New York, una serata per celebrare "The Cal" con il fotografo tedesco e Steve McCurry, Jessica Chastain, Fran Lebowitz e Derek Blasberg

Non c'è concetto che sia insieme più chiaro eppure più indefinibile della bellezza: non quella data da un'emozione e nemmeno quella interiore, ma la bellezza oggettiva. Che cos'è? Ha a che fare con l'armonia dei tratti del volto? Con l'equilibrio? Con la simmetria? Nessuno è davvero capace di dirlo, eppure resta un fatto: quando c'è, mette tutti d'accordo. Dall'antica Grecia a oggi, passando per ogni altra epoca, possono essere cambiati gli archetipi, le caratteristiche che ci fanno dire di un corpo "è bello", eppure c'è una cosa che non cambia mai: l'inevitabilità della bellezza. La chiarezza con cui, di epoca in epoca, di un viso o un corpo che è bello riusciamo a dire solo che è bello.

Il rischio di un'uscita dell'Italia dall'Eurozona "resta molto basso". Lo dice Moody's. In un rapporto pubblicato il 14 febbraio, l'agenzia di rating spiega tuttavia che nel nostro Paese "un sentimento anti-euro sta crescendo così come altrove nell'Area euro".

"La vita è una campagna", il ritorno di Donald Trump alla sua "comfort zone"

Il presidente americano ha arringato i suoi sostenitori in Florida sullo stile della sua campagna elettorale

"La vita è una campagna" così come lo è "rendere l’America di nuovo grande". Parole di Donald Trump che si è espresso in questo modo davanti ai giornalisti al suo seguito sull’Air Force One che l’ha portato in Florida, dove sta trascorrendo il suo terzo weekend in quattro settimane da quando si è insediato alla Casa Bianca. Prima di dirigersi nel suo resort di Mar-a-Lago, a Palm Beach, il presidente americano ha però arringato una folla di un migliaio di sostenitori riunitisi in un hangar all’aeroporto di Melbourne, in Florida, dove l’aereo presidenziale è atterrato, con la verve e con i toni che hanno contraddistinto la sua campagna elettorale.

La Cina pronta a lavorare con Trump. E dalla stampa locale arrivano le prime lodi

Faccia a faccia Wang-Tillerson al vertice dei ministri degli Esteri a Bonn. Da un'analisti del Global Times, testata cinese dell'ala conservatrice del Partito comunista, emerge la soddisfazione di Pechino

La Cina è pronta a lavorare con l'amministrazione Trump. È quanto emerge dal primo faccia a faccia tra le due amministrazioni, che si sono incontrate alla riunione dei ministri degli Esteri del G20 a Bonn, in Germania.

Il profumo di Ivanka Trump è al primo posto su Amazon

Dopo la decisione di Nordstrom di non vendere più i prodotti della figlia del presidente Usa, sono aumentati gli acquisti sul sito di e-commerce

Ivanka Trump Eau de Parfum, il profumo prodotto dalla figlia del presidente degli Stati Uniti, è il più venduto su Amazon da almeno tre giorni. Effetto della decisione della catena Nordstrom di non vendere più i vestiti e i profumi di Ivanka Trump nei suoi grandi magazzini di lusso. Altri prodotti Trump stanno ottenendo grande successo su Amazon, anche perché, come si legge in una recensione sul sito di e-commerce, "questo prodotto, prima, lo compravo da Nordstrom".

Pence: "L'impegno degli Stati Uniti nella Nato è incrollabile, ma gli alleati facciano di più"

Il vicepresidente degli Stati Uniti è a Monaco di Baviera, dove è in corso la Conferenza per la Sicurezza. Washington vuole cercare un "nuovo terreno comune" con la Russia, ma Mosca deve rispettare gli accordi di Minsk

L'impegno degli Stati Uniti nella Nato è "incrollabile". L'ha detto oggi il vicepresidente statunitense, Mike Pence, parlando alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco di Baviera, in Germania. Un discorso con cui l'ex governatore dell'Indiana ha voluto rassicurare gli alleati, dopo alcune dichiarazioni del presidente Donald Trump che sembravano poter mettere in discussione il ruolo di Washington.

Incontrare o non incontrare Trump? Il nuovo dubbio per i campioni dello sport

Sei giocatori dei New England Patriots hanno già detto che non andranno alla Casa Bianca. Il problema se lo stanno già ponendo all'Università del Connecticut, visto che la squadra di basket femminile potrebbe vincere il quinto titolo consecutivo
Il 44esimo presidente degli Usa, Barack Obama, riceve la canottiera delle Huskies e un pallone commemorativo

Un viaggio alla Casa Bianca, con la cerimoniale consegna di una maglia al presidente, è da tempo un riconoscimento per i campioni dello sport e delle squadre vincitrici di un campionato. Ma la frattura senza precedenti che si è creata negli Stati Uniti con l'elezione alla presidenza di Donald Trump ha stimolato una partecipazione di atleti e allenatori ai movimenti di protesta come non si vedeva dai tempi della guerra in Vietnam.

Azionario da record grazie a Trump ma i rialzi sono stati migliori con altri presidenti Usa

Nel primo mese con il miliardario alla Casa Bianca, Dj +4,02%: è la migliore performance dal 1945; S&P 500 +3,5%: rialzo maggiore dal 1997
AP

Donald Trump se ne vanta spesso: l'azionario americano è stato protagonista di un bel rialzo da quando è stato eletto. Gli indici hanno inanellato una serie di record con gli investitori che hanno scommesso su un taglio alle tasse, che ancora deve essere annunciato, e su uno stimolo fiscale che teoricamente permetterà all'economia Usa di crescere ancora di più. L'effetto Trump su Wall Street nel suo primo mese alla Casa Bianca lo ha misurato Dow Jones.

Il prossimo iPhone? Per Tim Cook è la realtà aumentata

A dieci anni dal primo telefonino di Apple, il gruppo pensa a nuove strategie per continuare a crescere

Quando nel 2007 Apple mise sul mercato il primo iPhone, non creò nulla di nuovo. Riusc" invece a fare bene e a semplificare quello che già esisteva da qualche tempo: lo smartphone.

Al via a New York il summit Italy Meets the USA

L'Italia è un partner fondamentale di Usa. Oggi si discuterà di telecomunicazioni, energia, farmaceutica, cibo e manifatturiero. Trump visto come fattore di rischio

L'Italia e gli Stati Uniti da sempre hanno rapporti commerciali e culturali privilegiati, ma è importate migliorare il dialogo sull'interscambio e sugli investimenti. Sono gli obiettivi del summit Italy Meets the USA che si terrà oggi a New York: è stato organizzato per il sesto anno da EY, network mondiale di servizi professionali di revisione e organizzazione contabile, fiscalità, transaction e advisory, insieme a Italian Business and Investment Initiative e American Chamber of Commerce Italia.