Usa 2016: Clinton +3 milioni di voti, per Trump decisivi 3 Stati

Il miliardario è il repubblicano più votato della storia; meglio di Clinton, invece, solo Obama nel 2008. Decisivi solo 77.759 voti: quelli che hanno consentito a Trump di vincere in Pennsylvania, Michigan e Wisconsin

Donald Trump ha vinto le elezioni presidenziali statunitensi, ma Hillary Clinton ha ottenuto quasi tre milioni di voti in più. A circa un mese e mezzo dall'Election Day, i dati sono definitivi e certificati: la candidata democratica, Hillary Clinton, ha ottenuto 65.844.610 voti (48,2%); il candidato repubblicano, Donald Trump, ha conquistato 62.979.636 preferenze (46,1%); tutti gli altri candidati, insieme, hanno ottenuto 7.804.213 voti (5,7%).

Bisogna ricordare che gli elettori statunitensi non eleggono direttamente il presidente, ma i grandi elettori, che poi eleggono il capo di Stato; il candidato presidenziale che vince in uno Stato ottiene la totalità dei suoi grandi elettori, tranne in Maine e Nebraska (nessuna legge federale, e nemmeno la Costituzione, costringe i grandi elettori a votare in un certo modo; ci sono però alcune leggi statali che li obbligano a votare seguendo l'indicazione popolare e che prevedono che gli "elettori infedeli" siano multati o persino esclusi e rimpiazzati). Trump ha conquistato 30 Stati, assicurandosi 306 grandi elettori (il 56,9% del totale). Lunedì 19 dicembre, la vittoria di Trump è stata certificata dal Collegio elettorale, con 304 grandi elettori che hanno votato per il miliardario (due repubblicani non lo hanno votato) e 227 per Clinton (cinque democratici non l'hanno votata).

In queste settimane, sono stati Dave Wasserman e il Cook Political Report ad aggiornare costantemente i dati provenienti dai 50 Stati e dal District of Columbia. Trump, nonostante la sconfitta nel voto popolare, è il candidato repubblicano più votato, avendo superato George W. Bush, che nel 2004 ottenne 62.039.073 voti.

Il democratico Barack Obama resta il candidato più votato in un'elezione presidenziale statunitense, con 69.297.997 preferenze ottenute nel 2008, ma Clinton ha ricevuto più voti di qualsiasi candidato bianco. In pratica, escluso l'attuale presidente, nessun candidato ha mai ottenuto più voti di Clinton, che ha anche un altro primato: quello di candidato perdente che ha ottenuto, nel voto popolare, il vantaggio maggiore (in valore assoluto, non percentuali) sul candidato vincente (quest'anno, per la quinta volta, il voto popolare ha premiato il candidato perdente).

Il Cook Political Report ha raccolto 22 fatti interessanti relativi alle elezioni presidenziali: tra questi, il più rilevante è che sono stati decisivi, per la vittoria di Trump, solo 77.759 voti, quelli che gli hanno permesso di conquistare Wisconsin (+22.748 voti), Pennsylvania (+44.307 voti) e Michigan (+10.704 voti); volendo essere ancora più specifici, sono state decisive tre contee: Macomb County in Michigan, York County in Pennsylvania e Waukesha County in Wisconsin.

Lo Stato dove è stato registrato il maggior incremento nel numero di voti rispetto al 2012 è stato il Texas (+12,2%), mentre all'opposto c'è il Mississippi (-6,7%). Lo Stato dove il partito repubblicano ha migliorato maggiormente il proprio risultato in termini percentuali è stato il North Dakota (+16,1%), mentre per i democratici è stato lo Utah (+30%), dove comunque ha perso.

Venerdì 6 gennaio, alle 13, i membri di Camera e Senato si incontreranno per l'annuncio formale del vincitore delle elezioni. Il passo successivo, e finale, sarà il giuramento del 45esimo presidente, Donald Trump, il 20 gennaio.

Altri Servizi

Il legname canadese nel mirino di Trump, gli Usa vogliono dazi al 20%

Dopo le proteste dei produttori di latte Usa per la politica dei prezzi di Ottawa, Washington apre un nuovo fronte nella guerra contro i prodotti provenienti dall'estero. Il governo canadese: "Decisione iniqua e punitiva"

Donald Trump apre un nuovo fronte nella guerra commerciale contro i prodotti provenienti dall'estero venduti negli Stati Uniti. Il bersaglio questa volta è il legname canadese, per il quale la Casa Bianca è pronta a introdurre un dazio punitivo del 20 per cento sulle importazioni (la media di un intervallo che va dal 3% al 24%). La decisione è preliminare: ne ha parlato lo stesso presidente americano ieri durante un incontro con i giornalisti delle testate d'ispirazione conservatrice; la notizia è stata confermata in una intervista al Wall Street Journal dal segretario al Commercio Wilbur Ross.

La dichiarazione dei redditi in una cartolina? Mnuchin la sogna per gli Usa

Il segretario americano al Tesoro in conversazione (facile) con il direttore generale del Fondo monetario, Christine Lagarde. Come al G20 di Baden-Baden, scompare dal comunicato finale dell'Fmi l'impegno contro ogni forma di protezionismo

Il codice tributario americano è "decisamente anticompetitivo" e "troppo complicato". Parola di Steven Mnuchin, il segretario al Tesoro impegnato in una conversazione con Christine Lagarde durante i lavori primaverili del Fondo monetario internazionale, che lei guida. L'uomo a capo delle finanze degli Stati Uniti, un ex Goldaman Sachs e produttore cinematografico, ha detto di volere un "sistema in cui ogni americano può fare la dichiarazione delle tasse su una cartolina". "Una cartolina?", ha chiesto sorpresa la direttrice dell'istituto di Washington. "Magari una grande cartolina, che si può comunque infilare nella cassetta della posta", ha risposto Mnuchin.

Caterpillar

Dopo anni di vendite in calo e di una domanda debole delle sue macchine movimento terra, Caterpillar ha chiuso il primo trimestre dell'anno con utili e vendite sopra le stime e con un outlook per l'intero anno migliorato.

Boccia a NY: l'Italia è una grande piattaforma per gli investimenti

Il presidente di Confindustria difende il nostro Paese: dal punto di vista industriale, è il secondo dopo la Germania ma solo il 30% degli italiani lo sa. Contro i populismi servono ponti. Sole 24 Ore? C'è volontà di intervenire sull'aumento di capitale
Vincenzo Boccia con Lucio Caputo

Dopo averlo fatto a Washington, Vincenzo Boccia è venuto a New York per presentare la sua Confindustria e per dire che "non ci rendiamo conto di cosa è l'Italia dal punto di vista industriale: il secondo Paese dopo la Germania" in Europa. Parlando durante un evento organizzato in suo onore nella metropoli americana, Boccia ha ricordato al suo pubblico che "su 14 settori, in nove siamo tra i primi al mondo".

iStock

Un'offerta più ampia di hamburger di varie dimensioni, bibite in vendita per un solo dollaro e caffè a due dollari hanno permesso a McDonald's di chiudere un trimestre con conti superiori alle stime del mercato. E negli Stati Uniti è in atto la tanto attesa ripresa.

Il muro con il Messico sarà finanziato con il budget federale?

Mentre si avvicina la data dello shutdown, l'amministrazione Trump non vuole cedere sul muro. Chiede infatti 1,4 miliardi federali per iniziare i lavori. E assicura che poi pagherà tutto il Messico
AP

Non un solo membro del Congresso proveniente dagli Stati al confine con il Messico ha sostenuto la richiesta avanzata da Donald Trump di 1,4 miliardi di dollari per iniziare i lavori del muro. Lo rivela una analisi condotta dal Wall Street Journal che sottolinea come l'amministrazione Trump si prepari a una settimana difficile. Proprio venerdì prossimo infatti scadranno i finanziamenti al governo federale e nella richiesta del presidente americano sul budget sono contenuti anche i soldi necessari per il muro.

Gli investitori scommettono: Macron sarà il prossimo presidente francese

Azionario in rally dopo il primo round alle elezioni; al secondo e ultimo turno del 7 maggio, attesa la sconfitta della candidata anti-Ue Le Pen
AP

Il centrista Emmanuel Macron sarà il prossimo inquilino dell'Eliseo. E' questa la scommessa che gli investitori stanno facendo all'indomani del primo round delle elezioni presidenziali francesi. L'opinione diffusa è che al secondo e ultimo turno del sette maggio prossimo, la candidata di estrema destra Marine Le Pen non ce la farà ad avere la meglio sul 39enne che alla fine dell'agosto scorso si dimise da ministro dell'Economia per una discesa in campo senza un partito alle spalle. E questo alimenta un rally, il migliore dal primo marzo scorso, a Wall Street dove il Nasdaq ha avviato gli scambi raggiungendo subito livelli record; grazie all'effetto Macron, il bilancio di aprile è così tornato in positivo per i tre indici principali americani.

I primi cento giorni di Donald Trump

Ecco perché il presidente americano non dovrebbe attaccare i suoi predecessori. I numeri (e le sconfitte) dicono che il suo inizio alla Casa Bianca è tutt'altro che entusiasmante

Sabato 29 aprile Donald Trump passerà il traguardo dei primi cento giorni alla Casa Bianca. Ma, scrivono i media americani, il presidente americano ha veramente poco da festeggiare, soprattutto perché in più di tre mesi non è riuscito a portare a termine nessuna delle promesse fatte ai suoi elettori: il divieto di ingresso ai cittadini di alcuni Paesi a maggioranza musulmana (il muslim ban) è stato bloccato due volte da due diversi tribunali. La riforma sanitaria che avrebbe dovuto sostituire il "disastroso" Obamacare è stata bocciata dalla Camera. Il muro con il Messico potrebbe non avere il via libera dal Congresso al suo primo finanziamento, 1,4 miliardi di dollari per iniziare i primi chilometri, in un atto più simbolico che di sostanza.

Trump vuole aliquote aziendali al 15% dal 35%, ma non sa come coprire entrate mancanti

Atteso per mercoledì 26 aprile il piano del 45esimo presidente Usa. Non è escluso scontro con il leader repubblicano alla Camera, che puntava al 20%
AP

E' iniziato il conto alla rovescia per il piano fiscale annunciato per domani da Donald Trump venerd" scorso, quando parlò di un taglio "enorme" delle tasse, il taglio "più grande di sempre". Come detto da un funzionario americano nel fine settimana, ad essere presentati saranno soltanto "i nostri principi e priorità generali"; per ora, l'unico dettaglio emerso è una proposta (fatta già in campagna elettorale) per ridurre al 15% dal 35% l'aliquota fiscale per le aziende. Si tratta di un livelo più basso del 28% proposto dal predecessore Barack Obama o del 25% ipotizzato nel 2014 dai repubblicani.