Usa 2016: Clinton +3 milioni di voti, per Trump decisivi 3 Stati

Il miliardario è il repubblicano più votato della storia; meglio di Clinton, invece, solo Obama nel 2008. Decisivi solo 77.759 voti: quelli che hanno consentito a Trump di vincere in Pennsylvania, Michigan e Wisconsin

Donald Trump ha vinto le elezioni presidenziali statunitensi, ma Hillary Clinton ha ottenuto quasi tre milioni di voti in più. A circa un mese e mezzo dall'Election Day, i dati sono definitivi e certificati: la candidata democratica, Hillary Clinton, ha ottenuto 65.844.610 voti (48,2%); il candidato repubblicano, Donald Trump, ha conquistato 62.979.636 preferenze (46,1%); tutti gli altri candidati, insieme, hanno ottenuto 7.804.213 voti (5,7%).

Bisogna ricordare che gli elettori statunitensi non eleggono direttamente il presidente, ma i grandi elettori, che poi eleggono il capo di Stato; il candidato presidenziale che vince in uno Stato ottiene la totalità dei suoi grandi elettori, tranne in Maine e Nebraska (nessuna legge federale, e nemmeno la Costituzione, costringe i grandi elettori a votare in un certo modo; ci sono però alcune leggi statali che li obbligano a votare seguendo l'indicazione popolare e che prevedono che gli "elettori infedeli" siano multati o persino esclusi e rimpiazzati). Trump ha conquistato 30 Stati, assicurandosi 306 grandi elettori (il 56,9% del totale). Lunedì 19 dicembre, la vittoria di Trump è stata certificata dal Collegio elettorale, con 304 grandi elettori che hanno votato per il miliardario (due repubblicani non lo hanno votato) e 227 per Clinton (cinque democratici non l'hanno votata).

In queste settimane, sono stati Dave Wasserman e il Cook Political Report ad aggiornare costantemente i dati provenienti dai 50 Stati e dal District of Columbia. Trump, nonostante la sconfitta nel voto popolare, è il candidato repubblicano più votato, avendo superato George W. Bush, che nel 2004 ottenne 62.039.073 voti.

Il democratico Barack Obama resta il candidato più votato in un'elezione presidenziale statunitense, con 69.297.997 preferenze ottenute nel 2008, ma Clinton ha ricevuto più voti di qualsiasi candidato bianco. In pratica, escluso l'attuale presidente, nessun candidato ha mai ottenuto più voti di Clinton, che ha anche un altro primato: quello di candidato perdente che ha ottenuto, nel voto popolare, il vantaggio maggiore (in valore assoluto, non percentuali) sul candidato vincente (quest'anno, per la quinta volta, il voto popolare ha premiato il candidato perdente).

Il Cook Political Report ha raccolto 22 fatti interessanti relativi alle elezioni presidenziali: tra questi, il più rilevante è che sono stati decisivi, per la vittoria di Trump, solo 77.759 voti, quelli che gli hanno permesso di conquistare Wisconsin (+22.748 voti), Pennsylvania (+44.307 voti) e Michigan (+10.704 voti); volendo essere ancora più specifici, sono state decisive tre contee: Macomb County in Michigan, York County in Pennsylvania e Waukesha County in Wisconsin.

Lo Stato dove è stato registrato il maggior incremento nel numero di voti rispetto al 2012 è stato il Texas (+12,2%), mentre all'opposto c'è il Mississippi (-6,7%). Lo Stato dove il partito repubblicano ha migliorato maggiormente il proprio risultato in termini percentuali è stato il North Dakota (+16,1%), mentre per i democratici è stato lo Utah (+30%), dove comunque ha perso.

Venerdì 6 gennaio, alle 13, i membri di Camera e Senato si incontreranno per l'annuncio formale del vincitore delle elezioni. Il passo successivo, e finale, sarà il giuramento del 45esimo presidente, Donald Trump, il 20 gennaio.

Altri Servizi

Wall Street reagisce alla Bce

Il Fondo monetario internazionale tiene una conferenza stampa alle 13 (le 19 in Italia) sull'analisi annuale dell'economia Usa
iStock

Trump e Kim a Singapore per il summit, cautela dagli Usa

Il presidente americano cerca di contenere le aspettative dell'incontro che potrebbe essere più simbolico che altro

Prima Kim Jong Un. Poi Donald Trump. Nel giro di qualche ora, il presidente nordcoreano e quello americano sono arrivati a Singapore per un summit potenzialmente storico. Sarà il primo incontro tra un leader nordcoreano e un presidente americano in carica, il primo tra  due leader di due nazioni che sono nemiche da quasi settanta anni.

AP

Le due più grandi comunità ebraiche al mondo sono profondamente divise. Tra gli ebrei americani e gli israeliani c'è un divario, specialmente in relazione al presidente americano Donald Trump. E' quanto emerso da un sondaggio dell'American Jewish Committee (AJC).

Trump, linea dura sulla denuclearizzazione con Kim? I dubbi degli esperti

Il presidente Usa sembra aver abbandonato l'aggressività delle settimane scorse e l'idea di un risultato immediato con la Corea del Nord: "Il 12 giugno daremo inizio a un processo"

L'immediata denuclearizzazione della Corea del Nord è stata a lungo l'obiettivo dichiarato di Washington con Pyongyang. Ora, però, il presidente statunitense, Donald Trump, ha pubblicamente abbassato le sue pretese e ora molti esperti si chiedono quali saranno le richieste che presenterà al leader Kim Jong Un, nel tanto atteso incontro del 12 giugno a Singapore.

Fmi mette in guardia gli Usa e cita il rischio di recessione

L'istituto guidato da Christine Lagarde ha ottime prospettive nel breve termine per l'America ma le politiche commerciali e fiscali non convincono. E nel 2023 stime di crescita del Pil pari alla metà di quella della Casa Bianca

Il Fondo monetario internazionale ha lanciato un avvertimento all'amministrazione Trump spingendosi a citare il rischio di una possibile recessione tra quelli individuati. La causa scatenante potrebbe essere la sua politica fiscale prociclicia. E le misure commerciali non fanno che peggiorare il quadro. Non a caso l'istituto di Washington ha presentato stime di cresciuta più conservative di quelle della Casa Bianca nel lungo termine. Con il venire meno, dal 2020, dell'effetto positivo dato dagli stimoli fiscali Usa, la crescita americana secondo il Fondo rallenterà a un +1,4% nel 2023 contro il +1,8% previsto dalla Federal Reserve e la promessa di Trump di un +3%.

Trump: si torni al G8 con la Russia. Conte d'accordo

Prima di partire per Charlevoix, in Canada, dove parteciperà al G7, il presidente Usa ha attaccato gli alleati sul commercio

Al presidente americano, Donald Trump, non dispiacerebbe tornare al G8. Mentre stava lasciando la Casa Bianca per volare in Canada per partecipare al G7, il leader Usa ha spiegato alla stampa che alla Russia dovrebbe essere permesso di "tornare" a riunirsi con le altre principali economie al mondo pur insistendo che lui è stato il "peggiore incubo" del Cremlino. Mosca fu espulsa dal G8 - che si è riunito l'ultima volta nel 2014 - successivamente all'annessione della penisola di Crimea (parte del territorio sovrano dell'Ucraina).

Con la sua Boring Company, Musk si aggiudica contratto a Chicago

Costruirà sistema sotterraneo di treni super veloci: dall'aeroporto O'Hare al centro della città in 12 minuti anziché 40
AP

Usa pronti a fare scattare dazi contro la Cina

Attese ritorsioni da Pechino. Guerra commerciale più vicina

Al via la guerra tra Comcast e Disney per aggiudicarsi gli asset di Fox

La controllante di NBCUniversal offre 65 miliardi di dollari in contanti contro la proposta in azioni da 52,4 miliardi del gruppo guidato da Bob Iger. Murdoch al bivio

La Fed alza i tassi, prevede altre due strette nel 2018

Powell: politica accomodante verso la fine, dimostrazione che l'economia Usa sta andando "davvero bene". Dazi di Trump? Per ora solo un rischio non ancora riflesso nei dati macroeconomici