Vincere la lotteria della Carta Verde si può, parola di vincitrice

Attenzione a non cadere nel tranello: la lotteria del Governo americano è gratuita, diffidate di tutti i siti che non hanno il "dot gov"

Si chiama Diversity Visa Lottery, la lotteria online con la quale il Governo americano distribuisce a caso, ogni anno, 50.000 permessi di soggiorno a vita ad un corrispondente numero di stranieri di tutto il mondo baciati dalla fortuna. E non si tratta, vista la bizzarria della faccenda, di una leggenda metropolitana. Parola di vincitrice.

La lotteria non deve essere confusa con le bufale di cui il web è pieno. Moltissime associazioni pseudo governative promettono “green card” fasulle a malcapitati aspiranti immigrati, che una volta iscrittisi alla lotteria on-line si ritrovano perseguitati da telefonate, e-mail e richieste di denaro. La lotteria, quella vera, è gratuita e tutte le comunicazioni, a estrazione avvenuta, vengono fatte via posta.

Tutta questa confusione intorno alla lotteria nasce dal fatto che l’ambito premio in palio è quel prezioso pezzo di carta comunemente noto come Green Card, che consente di vivere e lavorare negli Stati Uniti senza alcun problema di visto. L'esistenza di una lotteria sembra incredibile dopo il giro di vite che il Governo americano ha posto in materia di immigrazione dopo gli attentati dell'11 settembre 2001. Eppure è tutto vero. Ma la rete è grande e spesso insidiosa. Diffidate quindi di chi vi alletta con la falsa promessa di una vittoria alla Green Card Lottery.

Chi veramente volesse scoprire cosa il destino ha in serbo clicchi su Diversity Visa Lottery e legga tutte le informazioni in questo articolo. Tra le infinite possibilità internettiane, nella ricerca del giusto sito, un po’ di buon senso potrebbe essere d’aiuto. Siccome la cosa, in fin dei conti, è molto seria – stiamo parlando di una superpotenza che ti dà la possibilità di diventare residente con tutte le carte in regola, vantaggi e svantaggi del caso inclusi – non dovrebbe essere difficile riconoscere la firma ufficiale del vecchio Zio Sam che, nel nuovo millennio, invita nel suo Paese solo attraverso siti che hanno l'estensione dot gov (.gov). Una volta sicuri di essere su una pagina web governative, e dopo essersi accertati di possedere i requisiti necessari e di appartenere ad un paese idoneo, non rimane che augurare a tutti buona fortuna. Perché vincere si può.

Ovviamente però, si può anche perdere, come è successo alla nostra Valeria Coffaro.

Altri Servizi

Qualcomm: senza Apple, utili trimestrali -40%

Il produttore dell'iPhone ha bloccato il versamento delle royalties al principale produttore di chip per smartphone
Qualcomm

Per la prima volta in anni, l'ultima trimestrale di Qualcomm non ha incluso le royalties legate alla vendita dei dispositivi Apple. E si è visto: gli utili sono crollati del 40% annuo a 865 milioni di dollari; nei tre mesi al 25 giugno scorso, i ricavi sono calati dell'11% a 5,37 miliardi. Nella divisioni delle licenze, le vendite sono scese del 42% a 1,17 miliardi.

Apple: voci di ritardi, niente iPhone 8 fino a novembre?

Secondo indiscrezioni di stampa, ci sono problemi con i sensori 3D per il riconoscimento del volto

Il tanto atteso iPhone 8 potrebbe non arrivare nei negozi fino almeno a novembre a causa di ritardi nella produzione. È quanto sostiene il quotidiano cinese Economic Daily News, ripreso dal sito taiwanese DigiTimes. Se le indiscrezioni, che ricalcano le preoccupazioni degli analisti a Wall Street, fossero confermate, il nuovo modello dello smartphone realizzato da Apple non verrebbe lanciato a settembre, come successo per tutti i modelli precedenti.

Trump: "Lasciamo fallire l'Obamacare". I democratici pronti a una riforma bipartisan

Il presidente Usa, amareggiato per l'ennesimo fallimento in Congresso sulla riforma sanitaria, prova a scaricare la responsabilità sugli avversari. Che rilanciano: "Porta aperta, lavoriamo insieme per migliorarla"

"Il mio piano ora è lasciar fallire l'Obamacare". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, nel primo commento davanti ai giornalisti dal fallimento in Senato della proposta di legge per abrogare l'Obamacare e approvare una nuova riforma sanitaria. Trump, come già scritto su Twitter, punta inoltre a fare di tutto per conquistare più seggi in Congresso alle elezioni di metà mandato, in modo da rafforzare la maggioranza e avere i voti per le sue riforme; il presidente, come su Twitter, ha accusato i democratici di fare solo ostruzionismo. "Credo che siamo nella posizione di lasciare che l'Obamacare fallisca. Non sarà responsabilità mia o dei repubblicani. Lasciamo che l'Obamacare fallisca e i democratici verranno da noi" ha aggiunto.

Calcio: la lega italiana in roadshow fa tappa a New York

Presente anche James Pallotta, presidente della Roma: per lui "è questione di settimane per l’ok al nuovo stadio". Totti? Sarà parte della squadra "per sempre"

La lega calcio Serie A ha fatto tappa a New York nel suo roadshow. Si tratta di un’iniziativa pensata insieme all'advisor Infront Sports & Media (una controllata della conglomerata cinese Dalian Wanda Group), per incontrare i principali stakeholder e per spiegare le innovazioni stilistiche, editoriali e tecnologiche del massimo campionato italiano di calcio. Allo stesso modo, il roadshow rappresenta soprattutto un’occasione per gettare le basi in vista del lancio dell'asta dei diritti internazionali per il biennio 2018-2020. In questo caso, la principale novità è che non saranno più venduti in un solo pacchetto a un’unica agenzia nel mondo, ma saranno suddivisi a seconda dei paesi e delle aree di interesse.

Rally del titolo Netflix: boom degli utenti

Il sito di video in streaming ha registrato ricavi e guidance superiori alle stime
iStock

Il titolo Netflix nel dopo mercato a Wall Street ha viaggiato a livelli record grazie alla pubblicazione di una trimestrale caratterizzata da un boom di nuovi utenti e ricavi superiori alle stime. Anche le guidance sono risultate migliori del previsto.

Goldman Sachs batte le stime nonostante rallentamento del trading

Nei tre mesi a giugno Goldman Sachs ha riportato profitti netti sostanzialmente invariati rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, mentre l'utile per azione è aumentato del 6%.

Nei tre mesi a giugno Goldman Sachs ha riportato profitti netti sostanzialmente invariati rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, mentre l'utile per azione è aumentato del 6%. Il dato è stato superiore alle previsioni, nonostante le difficoltà nelle attività di trading. Goldman si inserisce dunque nel solco delle rivali, come JPMorgan Chase e Citigroup, che hanno visto rallentre il trading. 

Riforma sanitaria, McCain convalescente inguaia i repubblicani

Operato all'occhio, avrà bisogno di almeno una settimana di riposo. Ma il suo voto è necessario in Senato per far andare avanti l'iter per il Trumpcare

L'operazione all'occhio a cui è stato sottoposto il senatore statunitense, John McCain, è stata più delicata del previsto e la sua convalescenza durerà almeno una settimana. Una notizia per niente positiva per il Grand Old Party, che ha bisogno della presenza di McCain in Senato per votare la riforma sanitaria presentata la scorsa settimana, già a rischio di bocciatura. I leader del partito, inoltre, temono che il rinvio della votazione procedurale per portare la discussione in Aula permetta al fronte contrario al testo di rafforzarsi. Più sarà ritardata, più aumenteranno le possibilità di un nuovo fallimento.

Alcoa torna all'utile ma taglia l'outlook

il più grande produttore di alluminio al mondo ha però alzato le previsioni sulla domanda
ap

Alcoa è tornato all'utile nel secondo trimestre dell'anno, superando le stime degli analisti, ma il più grande produttore di alluminio al mondo ha tagliato la parte alta del suo outlook sui profitti annuali. E questo, nonostante abbia alzato le previsioni sulla domanda di alluminio. Per questo il titolo dell'azienda ha perso il 2,5% nel dopo mercato; la seduta era finita in rialzo dello 0,19% a 36,5 dollari in attesa dei conti.

'Muslim ban', la Corte Suprema: sì ai nonni negli Usa, no ai rifugiati

Prosegue la battaglia in tribunale del presidente Trump per il suo 'divieto d'ingresso' negli Stati Uniti. A ottobre, la Corte Suprema si esprimerà sulla costituzionalità del suo ordine esecutivo
AP

I nonni possono entrare, i rifugiati no. Cos è possibile sintetizzare la decisione odierna della Corte Suprema degli Stati Uniti sul 'travel ban', da molti definito 'muslim ban', perché si tratta di un divieto di ingresso nel Paese per i cittadini di sei Stati a maggioranza musulmana (Sudan, Somalia, Siria, Libia, Iran e Yemen), deciso dall'amministrazione Trump per motivi di sicurezza.

Amazon vuole trasformarci in chef. Blue Apron a picco a Wall Street

Depositato uno slogan di otto parole che fa capire come il colosso voglia vendere kit per preparare un pasto, come quelli distribuiti dalla piccola azienda

Dai supermercati ai kit per preparare un pasto completo. Dopo aver annunciato di voler acquistare il gruppo Whole Foods, operazione su cui il governo Usa ha acceso un faro, Amazon si avventura in un mercato nuovo: in pratica, il colosso americano del commercio elettronico punta a trasformare i suoi consumatori in chef.