Vincere la lotteria della Carta Verde si può, parola di vincitrice

Attenzione a non cadere nel tranello: la lotteria del Governo americano è gratuita, diffidate di tutti i siti che non hanno il "dot gov"

Si chiama Diversity Visa Lottery, la lotteria online con la quale il Governo americano distribuisce a caso, ogni anno, 50.000 permessi di soggiorno a vita ad un corrispondente numero di stranieri di tutto il mondo baciati dalla fortuna. E non si tratta, vista la bizzarria della faccenda, di una leggenda metropolitana. Parola di vincitrice.

La lotteria non deve essere confusa con le bufale di cui il web è pieno. Moltissime associazioni pseudo governative promettono “green card” fasulle a malcapitati aspiranti immigrati, che una volta iscrittisi alla lotteria on-line si ritrovano perseguitati da telefonate, e-mail e richieste di denaro. La lotteria, quella vera, è gratuita e tutte le comunicazioni, a estrazione avvenuta, vengono fatte via posta.

Tutta questa confusione intorno alla lotteria nasce dal fatto che l’ambito premio in palio è quel prezioso pezzo di carta comunemente noto come Green Card, che consente di vivere e lavorare negli Stati Uniti senza alcun problema di visto. L'esistenza di una lotteria sembra incredibile dopo il giro di vite che il Governo americano ha posto in materia di immigrazione dopo gli attentati dell'11 settembre 2001. Eppure è tutto vero. Ma la rete è grande e spesso insidiosa. Diffidate quindi di chi vi alletta con la falsa promessa di una vittoria alla Green Card Lottery.

Chi veramente volesse scoprire cosa il destino ha in serbo clicchi su Diversity Visa Lottery e legga tutte le informazioni in questo articolo. Tra le infinite possibilità internettiane, nella ricerca del giusto sito, un po’ di buon senso potrebbe essere d’aiuto. Siccome la cosa, in fin dei conti, è molto seria – stiamo parlando di una superpotenza che ti dà la possibilità di diventare residente con tutte le carte in regola, vantaggi e svantaggi del caso inclusi – non dovrebbe essere difficile riconoscere la firma ufficiale del vecchio Zio Sam che, nel nuovo millennio, invita nel suo Paese solo attraverso siti che hanno l'estensione dot gov (.gov). Una volta sicuri di essere su una pagina web governative, e dopo essersi accertati di possedere i requisiti necessari e di appartenere ad un paese idoneo, non rimane che augurare a tutti buona fortuna. Perché vincere si può.

Ovviamente però, si può anche perdere, come è successo alla nostra Valeria Coffaro.

Altri Servizi

Wall Street, occhi su Cina e Brexit

La crescita economica rallenta a Pechino, mentre a Londra si discute dell'accordo con l'Unione europea
AP

Le Maire: "Libra non benvenuta in Europa, la vieteremo"

Il ministro dell'Economia francese contro la valuta virtuale di Facebook: "Stiamo lavorando con Italia e Germania a una serie di misure, in gioco c'è la nostra sovranità"

Francia, Italia e Germania stanno lavorando a una serie di misure per vietare in Europa l'uso di Libra, la moneta virtuale di Facebook. Lo ha detto il ministro dell'Economia francese, Bruno Le Maire, sottolineando che "Libra non è benvenuta in Europa. Vareremo misure con Italia e Germania perché è in gioco la nostra sovranità'" ha detto durante una conferenza stampa a margine delle riunioni del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale a Washington.

Si concludono nel peggior modo possibile le trattative tra case farmaceutiche e i legali di alcuni stati e amministrazioni locali Usa per evitare il processo sul caso degli oppioidi. I rappresentanti di tre fra i più’ grandi distributori di farmaci statunitensi (AmerisourceBergen, Cardinal Health e McKesson), del colosso farmaceutico israeliano Teva e della catena di farmacie Walgreen Boots Alliance non sono infatti riuscite ad accordarsi con le controparti su un patteggiamento del valore di circa 50 miliardi di dollari.

Gli Stati Uniti fanno marcia indietro sul G7: non si terrà più nel golf club di Trump a Miami

Il tycoon ha deciso di cambiare sede dopo le critiche dei democratici: "Inizieremo la ricerca di un altro sito, considerando anche la possibilità di Camp David"
Ap

Gli Stati Uniti non ospiteranno più il prossimo G7, in programma a giugno 2020, nel Trump National Doral Miami resort, il golf club di Donald Trump in Florida. Ad annunciare la marcia indietro è stato lo stesso Capo della Casa Bianca via Twitter, dopo che negli ultimi giorni è stato subissato dalle critiche dei democratici che hanno puntato il dito contro il conflitto d’interessi per la scelta della residenza privata.

Siria, Pence: Turchia ha accettato un cessate il fuoco di 5 giorni

Il vicepresidente statunitense ha incontrato il presidente turco Erdogan

Il vicepresidente statunitense Mike Pence, in visita ad Ankara, dove ha incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, ha annunciato che la Turchia ha accettato un cessate il fuoco di 120 ore nel Nord-est della Siria, per permettere ai curdi di ritirarsi verso aree sicure.

A24

Il Fondo monetario internazionale ha sottolineato come le crescenti tensioni commerciali siano tra i rischi maggiori per l’economia mondiale e ha evidenziato la necessita di riformare l’Organizzazione mondiale del commercio.

Usa 2020, Alexandria Ocasio-Cortez ufficialmente al fianco di Bernie Sanders

La deputata dem conferma il suo endorsement al senatore del Vermont, candidato alla Casa Bianca, durante la prima uscita pubblica dopo l'infarto che l'ha colpito due settimane fa
Ap

Alexandria Ocasio-Cortez, giovane deputata e astro nascente del partito Democratico, ha ufficialmente dato il suo endorsement a Bernie Sanders nella corsa alla Casa Bianca 2020. La notizia, già stata anticipata negli scorsi giorni dal Washington Post, trova ufficialmente conferma nelle parole della leader del movimento progressista che ha affiancato il senatore del Vermont durante un comizio a New York City, nella sua prima uscita pubblica dopo l'infarto avuto due settimane fa.

Siria, McConnell contro Trump: "Il ritiro delle truppe è un errore strategico"

Duro attacco del leader dei repubblicani al Senato dalle pagine del Washington Post
AP

Duro attacco di Mitch McConnell a Donald Trump per la linea militare scelta dal Tycoon in Medio Oriente. "Ritirare le forze americane dalla Siria è un grave errore strategico", ha scritto sulle pagine del Washington Post il senatore del Kentucky, leader della maggioranza repubblicana al Senato nonché uno dei più stretti alleati del presidente americano.

Wall Street, svanisce l'ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino vuole approfondire alcune questioni prima di firmare la 'fase uno' dell'accordo
AP