Vincere la lotteria della Carta Verde si può, parola di vincitrice

Attenzione a non cadere nel tranello: la lotteria del Governo americano è gratuita, diffidate di tutti i siti che non hanno il "dot gov"

Si chiama Diversity Visa Lottery, la lotteria online con la quale il Governo americano distribuisce a caso, ogni anno, 50.000 permessi di soggiorno a vita ad un corrispondente numero di stranieri di tutto il mondo baciati dalla fortuna. E non si tratta, vista la bizzarria della faccenda, di una leggenda metropolitana. Parola di vincitrice.

La lotteria non deve essere confusa con le bufale di cui il web è pieno. Moltissime associazioni pseudo governative promettono “green card” fasulle a malcapitati aspiranti immigrati, che una volta iscrittisi alla lotteria on-line si ritrovano perseguitati da telefonate, e-mail e richieste di denaro. La lotteria, quella vera, è gratuita e tutte le comunicazioni, a estrazione avvenuta, vengono fatte via posta.

Tutta questa confusione intorno alla lotteria nasce dal fatto che l’ambito premio in palio è quel prezioso pezzo di carta comunemente noto come Green Card, che consente di vivere e lavorare negli Stati Uniti senza alcun problema di visto. L'esistenza di una lotteria sembra incredibile dopo il giro di vite che il Governo americano ha posto in materia di immigrazione dopo gli attentati dell'11 settembre 2001. Eppure è tutto vero. Ma la rete è grande e spesso insidiosa. Diffidate quindi di chi vi alletta con la falsa promessa di una vittoria alla Green Card Lottery.

Chi veramente volesse scoprire cosa il destino ha in serbo clicchi su Diversity Visa Lottery e legga tutte le informazioni in questo articolo. Tra le infinite possibilità internettiane, nella ricerca del giusto sito, un po’ di buon senso potrebbe essere d’aiuto. Siccome la cosa, in fin dei conti, è molto seria – stiamo parlando di una superpotenza che ti dà la possibilità di diventare residente con tutte le carte in regola, vantaggi e svantaggi del caso inclusi – non dovrebbe essere difficile riconoscere la firma ufficiale del vecchio Zio Sam che, nel nuovo millennio, invita nel suo Paese solo attraverso siti che hanno l'estensione dot gov (.gov). Una volta sicuri di essere su una pagina web governative, e dopo essersi accertati di possedere i requisiti necessari e di appartenere ad un paese idoneo, non rimane che augurare a tutti buona fortuna. Perché vincere si può.

Ovviamente però, si può anche perdere, come è successo alla nostra Valeria Coffaro.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione su disoccupazione e vendite al dettaglio

Il Fondo monetario internazionale tiene una conferenza stampa alle 13 (le 19 in Italia) sull'analisi annuale dell'economia Usa
iStock

General Motors si colora di rosa: una 39enne diventa direttore finanziario

Risponderà al Ceo Mary Barra, la prima donna al volante di un gruppo automobilistico

La Fed alza i tassi, prevede altre due strette nel 2018

Powell: politica accomodante verso la fine, dimostrazione che l'economia Usa sta andando "davvero bene". Dazi di Trump? Per ora solo un rischio non ancora riflesso nei dati macroeconomici

L'economia americana sta andando "molto bene" e l'ennesimo rialzo dei tassi non è altro che la dimostrazione di un tale andamento. Il governatore della Federal Reserve, Jerome Powell, ha spiegato così la decisione della banca centrale statunitense di aumentare il costo del denaro di 25 punti base all'1,75-2%. La stretta, la seconda del 2018, era ampiamente attesa dagli analisti, come lo era anche la revisione al rialzo del numero di quelle previste in tutto l'anno in corso: ora l'istituto centrale se ne aspetta quattro e non più tre come aveva indicato fino a marzo.

Il via libera di un giudice federale americano al merger verticale da 85 miliardi di dollari tra AT&T e Time Warner spiana la strada a una serie di mega merger potenziali. Gli investitori non hanno perso tempo a scommettere su quello che potrebbe succedere, come osservato già ieri dalla performance di certi titoli nell'after-hours a Wall Street successivamente alla decisione del giudice Richard Leon. Ecco cosa sta per succedere.

Al via la guerra tra Comcast e Disney per aggiudicarsi gli asset di Fox

La controllante di NBCUniversal offre 65 miliardi di dollari in contanti contro la proposta in azioni da 52,4 miliardi del gruppo guidato da Bob Iger. Murdoch al bivio

La guerra tra Comcast e Walt Disney è ufficialmente iniziata. E Rupert Murdoch studia la situazione.

Usa, Canada e Messico ospiteranno i Mondiali di calcio 2026

Prima volta di una Coppa del mondo in tre Paesi, prima edizione a 48 squadre. Sessanta partite su ottanta si giocheranno negli Stati Uniti
Ap

Gli Stati Uniti, il Canada e il Messico ospiteranno i mondiali di calcio maschile del 2026, i primi a 48 squadre. La candidatura nordamericana ha battuto il Marocco, unico rivale, ottenendo 134 voti contro 65; a votare sono stati, durante il 68esimo Congresso a Mosca, i membri della Fifa, l'organo di governo del calcio mondiale. I mondiali tornano in Nordamerica dopo i campionati organizzati dagli Stati Uniti nel 1994 e dal Messico nel 1970 e nel 1986. Sarà il primo mondiale disputato in tre Paesi.

Il Texas guida il fronte contro il Daca, che non sarà difeso in tribunale dal dipartimento di Giustizia

Prosegue la complessa battaglia sul programma in favore degli immigrati irregolari arrivati negli Stati Uniti da bambini
Immigration and Customs Enforcement

Il dipartimento di Giustizia statunitense non difenderà il Deferred Action for Childhood Arrivals (Daca) in tribunale, dopo che il Texas e altri sei Stati ne hanno sfidato la costituzionalità con una causa depositata lo scorso mese. Secondo il dipartimento, il programma Daca è illegale e rappresenta un aggiramento delle leggi sull'immigrazione.

Morto suicida lo chef superstar Anthony Bourdain

Era a Strasburgo, in Francia, per la prossima puntata del suo programma tv; aveva 61 anni

Anthony Bourdain, chef statunitense conosciuto in tutto il mondo anche per i suoi libri e i programmi televisivi che lo hanno visto protagonista, è morto oggi; aveva 61 anni. Secondo la Cnn, si sarebbe suicidato.

G-7, Trump fa saltare l'accordo: "Trudeau è debole e disonesto, ora possibili dazi contro le auto"

Le parole del premier canadese durante la conferenza stampa finale scatenano la rabbia del presidente Usa, che twitta dall'Air Force One: "Non appoggeremo il comunicato finale"
Ap

"Debole e disonesto". Conn un colpo di scena finale, il presidente statunitense, Donald Trump, ha spazzato via due giorni di negoziati e il difficile compromesso finale al G-7 con un duro attacco al padrone di casa, il primo ministro canadese, Justin Trudeau. In un tweet inviato quando in Italia era da poco passata l'una di notte, durante il suo viaggio aereo per Singapore, Trump ha scritto: "Sulla base delle false dichiarazioni di Justin durante la sua conferenza stampa, e il fatto che il Canada sta imponendo massicci dazi doganali ai nostri contadini, lavoratori e compagnie, ho istruito i rappresentanti americani di non appoggiare il comunicato finale del G-7, mentre noi valutiamo dazi sulle automobili che inondano il nostro mercato". Trump, alla fine, aveva accettato la dichiarazione comune che bocciava il protezionismo e impegnava i leader a riformare al più presto le regole del Wto, l'Organizzazione mondiale del commercio. Un modo per salvare il summit e lasciare aperto il dialogo politico, finché le parole di Trudeau durante la conferenza stampa finale del G-7 non hanno scatenato la rabbia di Trump, che aveva organizzato ore prima un suo incontro con la stampa, vista la partenza anticipata per Singapore, dove il 12 giugno incontrerà il leader nordcoreano, Kim Jong Un.

Summit Trump-Kim: il vincitore è la Cina

Per gli esperti, troppe concessioni degli Usa alla Corea del Nord. Giappone e Corea del Sud gli sconfitti. La Russia osserva: "il diavolo sta nei dettagli" (che mancano)
AP

Quello tra Donald Trump e Kim Jong Un è stato certamente un incontro "storico", un buon inizio di un lungo iter diplomatico volto a portare alla denuclearizzazione della penisola coreana e magari alla fine ufficiale della Guerra di Corea (iniziata nel 1950 e finita nel 1953 ma solo con un armistizio). Tuttavia, tra il leader americano e quello nordcoreano, è il secondo che sembra avere avuto la meglio. E la Cina di Xi Jinping ha vinto indirettamente su tutti mentre il Giappone di Shinzo Abe e la Corea del Sud di Moon Jae-in emergono come gli sconfitti. E' questa l'impressione generale tra gli esperti americani di politica estera.