New York adotta il Wayfair: effettivo immediatamente per i rivenditori non residenti

Ecco i criteri in base ai quali sono soggetti all’imposta sulle vendite

Dopo la sentenza Wayfair avvenuta sette mesi fa che ha rimosso il requisito della presenza fisica per essere soggetti all’imposta sulle vendite, lo Stato di New York afferma che “alcune disposizioni esistenti nella legge fiscale dello stato di New York che definiscono il rivenditore soggetto alla Sales Tax sono da considerarsi immediatamente effettive”.

Queste disposizioni indicano che qualsiasi rivenditore con entrate cumulative lorde derivanti da vendite di proprietà personali tangibili superiori ai 300.000 dollari, o qualsiasi rivenditore che registra più di 100 transazioni sono considerati come “regolarmente o sistematicamente esercenti di un’attività nello Stato”.

Cosa significa per i rivenditori non residenti?
Sorgono diverse preoccupazioni in seguito all’affermazione dello Stato di New York. L’utilizzo della formula “immediatamente effettive” implica che queste regole sono in vigore sin dalla pronuncia sul caso Wayfair avvenuta il 21 giugno 2018.

L'Empire State afferma inoltre che le aziende che hanno raggiunto la soglia nei quattro trimestri precedenti e che non si sono ancora registrate, dovrebbero procedere immediatamente.

Rispetto agli altri Stati, quello di New York non ha fornito nessuna finestra temporale per permettere alle aziende di regolarizzare la loro posizione.

Come viene definita la soglia delle vendite?
Purtroppo lo stato newyorchese non ha fornito una definizione chiara sulla tipologia o natura delle transazioni che saranno considerate nella determinazione della soglia. Sembra che verrà utilizzata una definizione ampia di vendite, che potrebbe includere le vendite all'ingrosso e quelle esenti.

Un aspetto positivo riguarda la soglia delle vendite, che deve essere uguale o superiore ai 300.000 dollari e a 100 transazioni. Molte aziende, pur non superando la soglia di 100.000 dollari registrano più di 200 transazioni, quindi non hanno l’obbligo di pagare l’imposta sulle vendite nello stato di New York.

Quali azioni devono intraprendere le aziende?
Le aziende devono fare una valutazione immediata delle loro attività di vendita nei precedenti quattro trimestri nello Stato di New York.

Inoltre è importante che lavorino insieme a consulenti fiscali ed esperti del settore per determinare come definire le vendite (lorde/al dettaglio/all’ingrosso/esenti). Questa analisi è cruciale e impatterà la decisione di molte aziende in merito alla loro posizione fiscale.

Per qualsiasi domanda, il team italiano di Prager Metis è a disposizione. Scriveteci alla seguente email: afantozzi@pragermetis.com

Altri Servizi

Le calciatrici della nazionale Usa chiedono 66 milioni in danni per discriminazione

A maggio comincerà il processo contro la federcalcio Usa
Ap

Le giocatrici della nazionale statunitense di calcio chiedono un risarcimento di oltre 66 milioni di dollari alla federcalcio (U.S. Soccer Federation) nell'ambito della loro causa per discriminazione di genere. La richiesta è contenuta nei documenti presentati ieri sera al tribunale distrettuale di Los Angeles, prima dell'inizio del processo, in programma il 5 maggio. Tra i documenti presentati, anche gli accordi collettivi della nazionale maschile e della nazionale femminile, da cui emerge non solo la disparità di trattamento per i bonus, ma anche la differente struttura dei pagamenti riservati ad atleti e atlete.

Usa2020, Bernie Sanders vince i Caucus in Nevada

Il senatore del Vermont consolida lo status di favorito alla nomination Dem: "Abbiamo creato una coalizione multigenerazionale e multirazziale, che non vincerà solo in Nevada, ma in tutto il Paese"
Ap

Bernie Sanders vince in maniera netta i caucus del Nevada, terzo appuntamento della competizione elettorale per la scelta del candidato democratico alle presidenziali statunitensi di novembre. Con quasi il 50% delle preferenze il senatore del Vermont consolida il suo status di favorito alla nomination del partito dell’Asinello. "Abbiamo creato una coalizione multigenerazionale e multirazziale, che non vincerà solo in Nevada, ma in tutto il Paese", ha dichiarato un euforico Sanders parlando ai suoi sostenitori durante un comizio a San Antonio, in Texas, dove ha proclamato la affermazione elettorale e ha, di fatto, predetto altre vittorie nelle prossime consultazioni.

Buffett rassicura su Berkshire Hathaway, dopo la performance peggiore a Wall Street dal 2009

Nella consueta lettera annuale agli azionisti, ha invitato a concentrarsi sugli utili operativi e ha tranquillizzato sul futuro della conglomerata senza di lui: "La vostra società è pronta al 100%"
AP

Warren Buffett ha cercato di rassicurare gli investitori sul futuro a lungo termine di Berkshire Hathaway, dopo un anno di performance deludenti. L''oracolo di Omaha', 89 anni, presidente e amministratore delegato di Berkshire, è conosciuto per il suo successo come investitore e 'deal maker' a lungo termine, ma le performance di Berkshire, negli ultimi anni, non hanno battuto quelle del mercato.

"Mercenari social" di Bloomberg, Twitter sospende 70 account

Gli utenti degli account sospesi "hanno spesso usato identici testi, messaggi, link e hashtag" per promuovere contenuti a sostegno del candidato. Twitter ha comunicato che questo viola le sue regole sullo spam e sulla manipolazione della piattaforma

Twitter ha deciso di sospendere circa 70 account che postavano contenuti a favore di Michael Bloomberg, candidato alle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi. Lo riporta il Los Angeles Times. Lo staff elettorale dell'ex sindaco di New York sta pagando utenti di Instagram, Facebook e Twitter in California per pubblicare messaggi in suo sostegno sui loro profili personali, come aveva raccontato giorni fa il Wall Street Journal.

Entrance Poll e primi dati: si va verso una vittoria di Bernie Sanders ai caucus in Nevada

Il senatore verso un successo netto; alle sue spalle, l'ex vicepresidente Joe Biden
Ap

Liberali, giovani e sostenitori del sistema sanitario universale sarebbero la spina dorsale della probabile vittoria del senatore Bernie Sanders ai caucus in Nevada, terzo appuntamento della competizione elettorale per la scelta del candidato democratico alle presidenizali statunitensi di novembre. Secondo gli entrance poll di Edison Media Research, Sanders è in testa tra le prime preferenze, con il 39% degli uomini e il 31% delle donne; intorno alla soglia del 15% ci sarebbero solo l'ex vicepresidente Joe Biden e l'ex sindaco Pete Buttigieg. La vittoria di Sanders è stata pronosticata anche dai sondaggi. Secondo i primissimi dati provenienti dai caucus (circa l'1%), Sanders avrebbe ottenuto circa il 51% dei delegati di contea, seguito da Biden con circa il 26%.

Sanders voleva candidarsi contro Obama nel 2012

Lo scrive The Atlantic. Il senatore fu fermato dal leader della maggioranza in Senato, Harry Reid
AP

Il senatore Bernie Sanders fu molto vicino a sfidare l'allora presidente Barack Obama alle primarie democratiche del 2012. Lo riporta The Atlantic, che in un articolo ripercorre i difficili rapporti tra il candidato alla nomination democratica per le presidenziali di novembre e il 44esimo presidente.

Wall Street ottimista, nonostante il coronavirus

Dai verbali della Fed buone notizie per l'economia Usa, anche se il coronavirus è una minaccia per l'outlook globale
AP

Afghanistan, accordo tra Usa e talebani per una riduzione delle violenze

Si tratta del primo passo verso un accordo tra talebani e governo afgano e il ritiro delle truppe statunitensi
AP

 Riduzione violenze da domani, per una settimana New York, 21 feb - Il dipartimento di Stato americano ha confermato che Stati Uniti e talebani hanno "raggiunto un accordo" per una "riduzione delle violenze" in Afghanistan per una settimana, cui seguirà un'intesa che sarà firmata dalle due parti. Questa mattina, il governo di Kabul aveva già reso nota la notizia, specificando che la "riduzione delle violenze" scatterà domani.

Usa 2020, Buttigieg risponde a Rush Limbaugh: "Amo mio marito e non prendo lezioni sulla famiglia"

Il candidato dem alla Casa Bianca replica alle affermazioni omofobe del commentatore radiofonico di destra
Wikipedia

Pete Buttigieg, candidato democratico alla Casa Bianca apertamente gay, ha replicato alle recenti affermazioni omofobe di Rush Limbaugh, commentatore radiofonico di destra, secondo cui l'America "non è pronta per avere un presidente gay". "Amo mio marito, sono fedele a mio marito. Sul palco solitamente ci abbracciamo e basta, ma lo amo moltissimo", ha detto l'ex sindaco di South Bend in un'intervista rilasciata a Dana Bash nel programma "State of the Union" sulla Cnn nella quale ha poi sottolineato: "Non prendo lezioni sui valori della famiglia da un presentatore radio conservatore".